La Russa a Conte: "o hai mentito prima, o menti ora!"

La Russa a Conte: “o hai mentito prima, o menti ora!”

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

L’onorevole La Russa di Fratelli d’Italia, nel suo intervento di ieri in Parlamento, è stato chiaro e conciso: il Premier Conte o ha mentito fino ad ora o mente adesso. Il veterano della politica siciliano è intervenuto per dieci minuti nella giornata infuocata di ieri dicendo, bisogna ammetterlo, solo grandi verità.

Come è possibile infatti che Conte e i Grillini, che fino a ieri erano al governo con Salvini, ora riversino tanto odio e livore verso gli ex-alleati di maggioranza? come è possibile che Conte, che fino a due settimane fa difendeva Salvini sul Russiagate, ora lo attacchi e insulti sul piano politico, personale e civile? Da dove salta fuori, insomma, questa piega europeista e pro-establishment dei pentastellati che nella campagna elettorale parlavano di NO Euro e No Barconi? Solo l’Onnipotente può saperlo.

Ma noi possiamo chiedercelo, e La Russa se lo chiede.

L’intervento di La Russa contro Conte

Nel suo discorso – che potete trovare in fondo all’articolo intero e di cui riportiamo alcuni pezzi– La Russa osserva come, negli applausi scroscianti di piddini e grillini, si sia già creata quella maggioranza costituzionale che vuole evitare di tornare alle urne. Il partito del Non-Voto, che preferisce creare un nuovo Frankenstein, un mostro ibrido che unisca Sinistra europeista, grillini ed sinistra arcobaleno in un governo tecnito stile Monti o Renzi-Gentiloni.

Lo capisce anche un bambino che si è creato in questo parlamento il partito di chi ha il terrore del voto; è di tutta evidenza che non c’è nessuna argomentazione che possa nascondere ciò che oggi unisce, l’abbiam visto in diversi applausi, il Movimento 5 stelle,  il Partito Democratico e la estrema Sinistra: che altro non è che il terrore del responso elettolare”.

Rincara poi la dose, facendo notare come Conte abbia tenuto dentro fino ad ora tutto questo livore per Salvini. Lo stesso Salvini che fino a poco prima difendeva a spada tratta.

“Caro presidente ti sei accorto con molti mesi di ritardo che chi ti stava seduto accanto era “incapace”, “irresponsabile”, “vacanziero”, “irrispettoso del parlamento”, “nemico della costituzione”, “irriguardoso verso i ministri”, “irriguardoso verso il popolo”, “disertore della veritù su russiagate”, “autoritario”, […] “usurpatore dei simboli religiosi”, “opporunista elettorale” e “animato da tornaconto elettorale”. Raramente ho sentito in un intervento solo tante accuse ad una sola persona con la quale fino al giorno prima hai condiviso il governo! e te ne potevi accorgere allora amico mio […] o hai mentito prima, o menti ora!

Insomma, si profilano tempi bui per noi Italiani. Difficile che torneremo al voto, mentre è invece probabile che Mattarella rimetta a 5S e PD il compito di fare un nuovo Governo, una nuova chimera che alzi l’IVA, apra i porti e si pieghi – di nuovo- all’Unione Europea.

 

(di Fausto Andrea Marconi)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

La verità sulla risposta dell’Iran all’assassinio di Qassem Soleimani
Numerose sono state le speculazioni che hanno riguardato la risposta [...]
USA: assassinato Qassem Soleimani delle Guardie della Rivoluzione Iraniane
Stanotte, in un bombardamento aereo nei pressi di Baghdad, aerei [...]
Lupus in fabula: un’espressione dalle lontane origini
Quando si esclama "lupus in fabula!", magari sghignazzando con qualche [...]
La sconfitta di Corbyn e la dura lezione per la sinistra
È accaduto di nuovo. Per mesi il tamburo battente della [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter

Scroll Up