Sardine

Sardine, tutta l’ipocrisia di un movimento senza idee

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Oggi parliamo della moda del momento, le Sardine: poteva avere “successo” un movimento senza uno straccio di idea che protesta contro un leader politico che sta all’opposizione in difesa di uno status quo e di un’élite che sta al potere da sempre e in una regione governata dalla solita cerchia di persone? Sì, se hai tutti i giornaloni e tv dalla tua parte, puoi tranquillamente fingere che le Sardine siano apolitiche, apartitiche e che non abbiano nulla a che fare con il Partito democratico, che siano una creatura spontanea, nata dal basso. Dalla rete, dai gggiovani trentenni laureati, così impegnati – ma non troppo – preparati e intelligenti. Insomma, la meglio gioventù, contro quei rozzi e un po’ bifolchi delle periferie che votano sovranista.

Subito esaltati dai media, i suoi «leader», sono già ospiti fissi in tutti i talk show pomeridiani. Per i giornaloni e i media progressisti, infatti, il «populismo» è sempre quello degli altri. Quando si presenta dal nulla un sedicente movimento che presenta tutte le caratteristiche ascrivibili al «populismo» – manicheismo ideologico, settarismo, appello all’emotività – diventa improvvisamente «società civile». La verità è che il Movimento delle Sardine altro non è che un abile stratagemma per portare consensi a un Partito democratico in grande difficoltà.

Sardine, la solita sinistra: sempre contro il nemico di turno

Le Sardine sono una novità? Ma mi faccia il piacere, direbbe qualcuno. Come ho scritto su Il Giornale: per la sinistra l’era della politica movimentista non è mai finita: dai girotondi di Nanni Moretti al Popolo viola passando per il movimento femminista Se non ora quando, il filo conduttore è manifestare sempre contro qualcosa o qualcuno, che sia Silvio Berlusconi o Matteo Salvini poco importa, facendo largo uso di una retorica tipicamente “populista” che ai giornaloni di sinistra evidentemente sfugge.

Nessun tema, nessuna idea, nulla di nulla: l’unico obiettivo è scendere in piazza contro Matteo Salvini. Che è all’opposizione. In una regione – Emilia-Romagna – governata da un’oligarchia che fa capo al Partito democratico. Sì, perché in Emilia, il “partito” ha i suoi tentacoli ovunque. Nelle cooperative, nelle istituzioni, nei giornali, ovunque ovunque. E loro, le rivoluzionarie Sardine, vogliono difendere quel sistema con i denti.

Gratta la Sardina, trovi il piddino

Come appurato da IlGiornale.it, sui social, gli organizzatori del movimento non fanno mistero della loro affinità politico-ideologica con il Partito democratico. In un post del 7 settembre scorso, per esempio, Mattia Santori, promotore delle Sardine – insieme a Roberto Morotti, Giulia Trappoloni e Andrea garreffa – mostra un spensierato apprezzamento per l’operato del segretario dem Nicola Zingaretti, pur non essendo iscritto al partito, definendo peraltro dei “pagliacci” gli avversari: “17 giorni per fare un governo (contro i 90 del governo del cambiamento); spread a 148 (contro i 320 dei pagliacci che proponevano Savona all’economia); un ministro dell’Interno che non usa i social network; all’economia un politico dopo 8 anni di tecnici; Salvini che da gradasso diventa lo zimbello d’Italia; centrosinistra unito da Renzi a Bersani (o meglio, da Grillo a Bersani). questo Zingaretti non se la cava malaccio…”. Nei commenti, in risposta a chi storceva il naso verso il segretario dem, pubblica poi un articolo de Il Manifesto dal titolo eloquente: “Prima o poi dovremo fare l’elogio di Zingaretti”.

In un altro post del 7 agosto, il leader delle Sardine prende le difese dell’ex premier Romano Prodi e rivendica il buon governo del Partito democratico in Emilia: “Ve lo dico ora che l’Emilia Romagna è tra le regioni meglio amministrate d’Europa, che Bologna è ancora la patria dell’integrazione e della cultura. Ve lo dico ora in tempi non sospetti: il nemico che ci troviamo di fronte è forte, è ricco, senza scrupoli e soprattutto gioca sporco. Ricordiamocelo ogni volta che troviamo il pelo nell’uovo, che giochiamo a fare i radical chic della “sinistra è un’altra roba”, o che ci uniamo ai cori contro il PD o contro i centri sociali diventando parte di quella retorica costruita ad hoc da chi vuole pulirsi il culo con i nostri valori”. Il 2 agosto 2018 condivide addirittura un post del presidente piddino Stefano Bonaccini che parla dell’Emilia Romagna come “locomotiva del Paese”. E non meno schierata e di parte è la giovane Samar Zaoui, leader delle “sardine” modenesi, vicina a La sinistra.

Mattia Santori nella redazione del giornale fondato da Prodi

La Verità ha scovato un altro elemento che lega Santori alla galassia progressista e democratica. Quest’ultimo, infatti, fa parte della redazione della rivista Energia (www.rivistaenergia.it) co-fondata nel 1980 da Romano Prodi e diretta dall’ex ministro del governo Dini Alberto Clò. Professore Ordinario di Economia Applicata, presso Università degli Studi di Bologna, è stato nel cda di diverse società – tra le quali Eni, Finmeccanica, Italcementi, Iren e ASM Brescia, Atlantia, Snam – e, come ricorda La Verità, è l’uomo che, nel 1978, ospitò la famigerata seduta spiritica del “piattino” per ritrovare Aldo Moro, rapito dalle Brigate Rosse. Seduta – molto discussa – a cui parteciparono Romano Prodi e Mario Baldassarri. Insieme a Prodi, garante della rivista per cui lavora Santori è l’ex giudice costituzionale Sabino Cassese, che nel 2013 il Pd voleva proporre come presidente della Repubblica.

 

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Galateo, ovvero l’educazione perduta: riscopriamolo
Galateo, una parola che sentiamo spesso. "Non riempire troppo il [...]
Nodi marinari: esempi e storia di una tradizione millenaria
Saper fare un nodo è una cosa che può risultare [...]
I figli sardine anti Salvini, i papà anti Berlusconi: quei flash mob revival
C'è il paese dei gilet gialli e quello delle sardine (che [...]
L’esercito Siriano avanza nei territori di Idlib occupati dai Jihadisti
Le forze governative del presidente Assad avanzano lentamente nella parte [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter

Scroll Up