Mahmood vincitore Sanremo: la superficialità degli immigrazionisti

Mahmood vincitore Sanremo: la superficialità degli immigrazionisti

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Anche quando possono avere ragione, la superficialità degli immigrazionisti li conduce dalla parte del torto. Diremmo anche la loro insensibilità e la totale noncuranza/odio verso gli italiani, per essere più chiari e diretti.

Al Festival di Sanremo, criticabile quanto si vuole musicalmente parlando, la vittoria viene data a Mahmood, cantante sardo di madre italiana e padre egiziano. Qualcuno sui social sbotta gridando alla vittoria del musulmano, addirittura chiamandolo “Maometto”, evidentemente cannando, dal momento che il ragazzo non solo è nato, ma a norma è assolutamente italiano.

OPEN, ormai faro assoluto della propaganda immigrazionista, lancia il suo solito articolo di “debunking”. “Ecco le fesserie intolleranti proferite dai difensori della razza italica”, è la sintesi della denuncia, proferita con fare sicuro e intellettualoide.

Mahmood vincitore Sanremo: la superficialità degli immigrazionisti

A prescindere dal fatto che nessuno tra i critici parla di “razza italica”, la strategia è sempre la stessa. Prendere un elemento del tutto superficiale – incontestabile, ma non è quello il punto – e non soffermarsi mai sul problema generale, sulle ragioni sociali.

Alessandro Mahmood è italiano regolarissimo, ma nessuno in OPEN sembra accorgersi che la preoccupazione della gente si gioca sui grandi numeri. La domanda è molto netta e semplice: cosa ci si può aspettare socialmente dal cittadino medio, dopo che esso vede entrare più di 700mila clandestini sul proprio territorio in meno di 8 anni? Che tipo di reazione istintiva può maturare vedendo che la classe dirigente del proprio Paese si impegna in ogni modo – anche promuovendo iniziative a dir poco ridicole, come lo “sciopero della fame a staffetta” dei deputati PD – per semplificargli l’accesso alla cittadinanza?

Cosa potrà mai pensare abituandosi ad osservare decine di clandestini bivaccare nelle piazze sotto casa propria? E di conseguenza, come potrà mai reagire nell’ascoltare o nel leggere un nome straniero di provenienza subsahariana o nordafricana (come in questo caso)?

È davvero così assurdo pensare che inizi a guardare con sospetto ogni tipo di situazione simile?

Ovviamente nessuno degli immigrazionisti si pone il problema sociale, preferendo attaccare in superficie per giustificare ancora il fenomeno.

E nessuno comprende che se non esistesse l’immigrazione di massa nessuno sentirebbe l’esigenza di scrivere in modo sospettoso su Mahmood, come già praticamente nessuno ebbe a ridire su Fiona May (primo esempio che mi viene in mente) 25 anni fa…

Perché l’immigrazione è un male assoluto anzitutto verso coloro che vivono qui con ogni diritto, sebbene di origine straniera. Ma la colpa non è dei cittadini, bensì delle èlite culturali ed economiche criminali che la promuovono e la difendono.

(di Stelio Fergola)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Galateo, ovvero l’educazione perduta: riscopriamolo
Galateo, una parola che sentiamo spesso. "Non riempire troppo il [...]
Nodi marinari: esempi e storia di una tradizione millenaria
Saper fare un nodo è una cosa che può risultare [...]
I figli sardine anti Salvini, i papà anti Berlusconi: quei flash mob revival
C'è il paese dei gilet gialli e quello delle sardine (che [...]
L’esercito Siriano avanza nei territori di Idlib occupati dai Jihadisti
Le forze governative del presidente Assad avanzano lentamente nella parte [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter

Scroll Up