Emergenza razzismo

L’emergenza razzismo in Italia? Lo 0.0021% rispetto alla popolazione

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Emergenza razzismo, atti di odio (ma poi che vuol dire atto d’odio?  Se una persona ammazza è penalmente perseguibile, fine) discriminazioni e quant’ altro. Il mondo progressista ha francamente rotto con un tentativo di creazione di un fenomeno, nei fatti, inesistente. A meno che non sia considerata emergenziale la pazzia di qualche individuo particolarmente disturbato, visto che i numeri sono ben inferiori anche a casi limite. La cosa più simpatica è che l’ “emergenza” è da considerarsi una pagliacciata stando agli stessi numeri pubblicati da chi urla a una nuova Shoah di massa, quelli dei report sui cosiddetti “hate crimes”.

Emergenza razzismo? Una fake news

Ne inventano di continuo. Dai tempi di Daisy Osakue e del famoso “uovo razzista”, ampiamente smentito dai fatti e dalle testimonianze, ma che il Corriere della Sera un anno dopo continuava a definire quello che le prove e le ricostruzioni hanno dimostrato non essere. Passando per le “violenze a sfondo razziale”, che sarebbero state 126 nel 2018 ma non si capisce sulla base di cosa. Se dovessi avere uno scontro fisico con un nero, sarebbe uno scontro razzista a prescindere? A giudicare dalla valutazione di alcuni casi delle liste pubblicate (in cui davvero è stato considerato razzista anche un litigio violento tra due persone di etnie differenti), sì.

L’ultima invenzione è sulla tragedia di Sondrio, nella quale si è speculato addirittura su una povera mamma nigeriana, a cui va una solidarietà per il dramma, oltre che per l’uso schifoso che ne hanno fatto i media.

L’emergenza razzismo degli zero zero zero virgola

Stando ai dati pubblicati (e già tutt’altro che affidabili, considerando la propensione a inventare, come sopra riportato) gli atti violenti a sfondo razziale (che sarebbero 126 nel 2018) coprirebbero lo 0,0021% rispetto all’intera popolazione residente in Italia. Se andiamo a considerare invece quelli che vengono definiti “crimini a sfondo razziale”, si parlerebbe di 1111 casi nel 2018 (in aumento rispetto ai 1046 del 2017), ovvero lo 0.018516666666666667%. Essendo generosi per i sedicenti antirazzisti, potremmo arrotondare a, 0,02. Uno zero in meno, dai.

Come a dire, l’antirazzismo ha obiettivi ampi per potersi auto-proclamare emergenza, tipo arrivare allo 0,03% di casi razzisti nei prossimi 10 anni. Una setta satanica, al confronto, probabilmente è un movimento di massa.

Ma che significa violenza o crimine a sfondo razziale?

Non si capisce bene. Evidentemente secondo qualcuno commettere omicidio, una rapina o una violenza verso una persona di razza differente significa necessariamente averlo fatto a scopo razzista. E significa anche considerare un omicidio più grave di un altro omicidio.

Nel frattempo, auguriamo Buon Natale a tutti gli “antirazzisti” (virgolettato obbligatorio) d’Italia. Speriamo che almeno la Befana vi regali dei “dati” 2019 in grado di raggiungere un agognato 0,0022%. Allora l’emergenza sì che inizierà a preoccupare tutti noi.

(di Stelio Fergola)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

La verità sulla risposta dell’Iran all’assassinio di Qassem Soleimani
Numerose sono state le speculazioni che hanno riguardato la risposta [...]
USA: assassinato Qassem Soleimani delle Guardie della Rivoluzione Iraniane
Stanotte, in un bombardamento aereo nei pressi di Baghdad, aerei [...]
Lupus in fabula: un’espressione dalle lontane origini
Quando si esclama "lupus in fabula!", magari sghignazzando con qualche [...]
La sconfitta di Corbyn e la dura lezione per la sinistra
È accaduto di nuovo. Per mesi il tamburo battente della [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter

Scroll Up