L'ulima perla. Contro il "razzismo" il partito dei "Nuovi italiani": ma senza italiani

L’ulima perla. Contro il “razzismo” il partito dei “Nuovi italiani”: ma senza italiani

Il partito dei “Nuovi italiani” senza italiani? Ad occhio e croce sì, visto che Stephen Ogongo, il leader del movimento “Cara Italia” che si occupa di combattere “l’emergenza razzismo” nel nostro fascistissimo Paese, è nato in Kenya 44 anni fa e vive da 25 qui da noi.

Qualcuno potrà pensare: “Avrà forse una moglie italiana?”. Qualche dubbio c’è, visto che la consorte del signor Ogongo è di origine congolese e i figli – che strano – non hanno cittadinanza italiana.

Per cui, ecco la geniale idea (nemmeno poi troppo geniale, visto che lo scopo che si prefigge ci è stato propinato in ogni modo per anni). Un partito che si candidi alle prossime elezioni politiche con l’obiettivo, udite udite, di una riforma della cattivissima e fascista Bossi – Fini, per una lotta al razzismo in Italia e, straudite, una riforma della cittadinanza.

E in quale modo potrà mai essere riformata, questa orribile legislazione sulla cittadinanza, ci chiediamo noi? L’unica opzione che ci sembra praticabile è l’ abolizione del concetto di cittadinanza, visto che il signor Ogongo la pretende per sé e famiglia senza averne il minimo diritto. Poi, per carità, sarà sufficiente parlare di “governare il fenomeno”, che è un po’ come dire che si permette tutto per non vietare niente.

Viva i diritti civili! Viva le nazionalità regalate! Tanto con la parola “regolamentazione” si sistema tutto, non abbiamo dubbi.

(di Stelio Fergola)

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Bargiggia svela “I segreti del calciomercato”
Il calcio è una passione planetaria, certamente lo sport più [...]
Londra troppo pericolosa: somali rispediscono figli in Patria
A Londra i teenager britannici stanno venendo mandati dai loro [...]
Vladimir Putin: chi sarà il suo successore?
È sempre rischioso pronunciarsi in modo definitivo sulle prospettive future [...]
Sgarbi asfalta Formigli: “Io sono italiano, non europeo”
A L'aria che Tira, il critico d'arte Vittorio Sgarbi asfalta [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter