In Svezia riscrivono la storia: "i primi svedesi erano neri"

In Svezia riscrivono la storia: “i primi svedesi erano neri”

Secondo un nuovo documentario dell’emittente nazionale svedese SVT, i primi svedesi erano cacciatori-raccoglitori di pelle scura che si sono sposati in Scandinavia dal sud alla fine dell’Era glaciale; lì sono stati poi raggiunti da un’altra ondata migratoria, questa volta proveniente da est, trasformando la regione nella zona più multirazziale d’Europa.

“The First Swedes”, un nuovo documentario dell’emittente nazionale SVT, è stato accolto con reazioni critiche in vista della messa in onda. Secondo SVT, le prime persone che entrarono nella Svezia moderna erano cacciatori-raccoglitori dalla pelle scura che seguivano la migrazione delle renne.

Mattias Jakobsson, professore di genetica all’Università di Uppsala e ricercatore del progetto Atlas, che mira a mappare il genoma della prima popolazione svedese, ha sottolineato che, a differenza degli attuali svedesi, i loro antenati avevano la pelle scura, come retaggio della loro origine africana.

“Sembravano molto simili alle persone che all’epoca vivevano nell’odierno Lussemburgo, Spagna e Germania: il loro aspetto sarebbe piuttosto insolito oggi, occhi blu con pelle scura”.

Poco dopo il loro arrivo, si sarebbero mescolati con persone provenienti dalla Russia di oggi, le quali possedevano una tecnica più moderna per la produzione di utensili e punte di freccia, continua il documentario. Il nuovo gruppo umano viveva di caccia alle foche e pesca, e aveva un colore della pelle più chiaro, che rendeva più facile l’assorbimento della vitamina D nelle latitudini settentrionali. Nei secoli successivi, i due gruppi si fusero del tutto, producendo alcune delle popolazioni europee più diversificate in quel momento storico. Diverse migliaia di anni dopo, circa 6.000 anni fa, i primi agricoltori giunsero nella Svezia di oggi dall’attuale Turchia e Siria, portando con sé le conoscenze agricole, spingendo la popolazione originale più a nord.

In Svezia riscrivono la storia: "i primi svedesi erano neri"
“I vichinghi erano gay africani. L’esperto: gli svedesi sono stupidi e non esistono”

Tuttavia, il documentario ha scatenato una forte reazione sui social media, e molti svedesi hanno accusato l’SVT di propaganda contro i bianchi. “L’indottrinamento continua. Ovviamente, questi erano come gli africani che arrivano oggi”, ha scritto un utente.

“Una persona di sinistra mi ha informato che i malvagi svedesi sono venuti in Svezia e hanno allontanato gli indigeni Sami dalla Svezia del Sud. Ovviamente, non sapeva quando e da dove provenissero gli svedesi”, ha scritto un altro utente con sarcasmo. “Wow, SVT ha reso noto il suo razzismo contro gli svedesi. Ora, immaginate un film sull’Africa con i bianchi”, ha scritto un altro utente. Nel frattempo, l’uomo dalla pelle scura del documentario targato SVT è stato rapidamente trasformato in un meme.

Un altro utente ha pubblicato un’immagine photoshoppata di Dagens Nyheter, uno dei maggiori quotidiani svedesi, con il finto titolo “I vichinghi erano gay africani” e la didascalia “Esperto: gli svedesi sono stupidi e non esistono”. L’anno scorso, la BBC ha ottenuto molte critiche con la sua analisi pionieristica di Cheddar man, lo scheletro completo più antico della Gran Bretagna di 10.000 anni fa, affermando che l’uomo aveva la pelle scura. Alcuni utenti si sono affrettati a ricordarlo in relazione alla ricerca svedese.

(da Sputnik News)

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Lega-Russia, l’ombra dei servizi: parla La Grassa [VIDEO]
Nel video che vi proponiamo, il professor Gianfranco La Grassa e [...]
L’odio razziale di Hollywood contro i bianchi
Hollywood è pervasa dall'odio razziale per gli uomini bianchi, niente [...]
Il Cremlino e le bufale di Buzzfeed: “Mai dato soldi a politici italiani”
Interpellato dall'Agi, il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, smonta l'inchiesta [...]
Stati Uniti, si parla di default americano: ma è possibile?
Negli Stati Uniti, è stata recentemente lanciata una notizia del [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter