Cinque Stelle Zingaretti

Pd-Cinque Stelle, solo poltrone: “Un’agenzia di collocamento”

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La firma del Corriere della Sera, Francesco Verderami, ospite a Omnibus su La7, fa a pezzi Pd e Movimento Cinque Stelle, che in queste ore parlano soltanto di nomi e poltrone in un teatrino vergognoso e inqualificabile.«Questi che stanno giocando oggi sono una squadra di scarpari, degli scapoli ammogliati. Un’allegra combriccola che non capisco bene se stanno facendo una trattativa per il governo, oppure se si tratta di un’agenzia di collocamento».

«Trovare un posto a Conte, a Di Maio, a qualche vecchio rappresentante del centrosinistra. Vedo una partita e una trattativa complicata per un Paese disincantato. Era iniziata questa operazione dicendo che bisognava salvare l’Italia invece stanno solo pensando di salvare il loro posteriore. I cittadini assistono ormai storditi, disinteressati. Io penso che disperatamente Pd e M5s cercheranno di trovare un baricentro per evitare il voto. Zingaretti ha tentato ma personaggi come Prodi gli hanno spiegato che si tratta di elezioni cruciali, dato che poi toccherà nel 2022 votare il successore di Mattarella» sottolinea Verderami.

Governo horror Pd-Cinque Stelle, giornata clou

Giornata clou delle trattative per provare a formare una nuova maggioranza in vista del secondo giro di consultazioni al Quirinale che ripartiranno domani. Al momento non è previsto alcun incontro tra M5s e Pd mentre sarebbe in corso un confronto tra i big del Movimento. I 5 Stelle non mollano sul nome di Giuseppe Conte premier e nello stesso movimento cresce il timore che questo possa portare a uno strappo con i dem.

Fonti parlamentari qualificate non mancano di rimarcare che è inaccettabile ‘remare contrò la possibilità di un accordo, anche perché la maggioranza dei gruppi parlamentari sarebbe a favore. Non riconosciamo, insistono le stesse fonti, come firma M5s chi dichiara fuori dal coro perché M5s siamo anche noi e vogliamo un accordo per il bene del Paese. Intanto oggi Beppe Grillo e Davide Casaleggio potrebbero arrivare a Roma.

Renzi: Italia torna protagonista se Salvini se ne va

«L’Europa deve cambiare la sua politica economica ora. La Germania va verso la recessione. La Brexit sarà un disastro per tutti. Siamo solo osservatori dello scontro tra Usa e Cina. Ora è il tempo degli investimenti, non dell’austerity. Se mandiamo Salvini a casa, l’Italia può tornare ad essere protagonista». Lo scrive con dei tweet in inglese, spagnolo e francese l’ex premier Matteo Renzi.

(la Redazione)

 

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Galateo, ovvero l’educazione perduta: riscopriamolo
Galateo, una parola che sentiamo spesso. "Non riempire troppo il [...]
Nodi marinari: esempi e storia di una tradizione millenaria
Saper fare un nodo è una cosa che può risultare [...]
I figli sardine anti Salvini, i papà anti Berlusconi: quei flash mob revival
C'è il paese dei gilet gialli e quello delle sardine (che [...]
L’esercito Siriano avanza nei territori di Idlib occupati dai Jihadisti
Le forze governative del presidente Assad avanzano lentamente nella parte [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter

Scroll Up