Alessandro Campi antisemitismo

Antisemitismo, Campi: “Strategia di allarme di una sinistra senza idee”

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Intervistato da Il Giornale, il politologo Alessandro Campi, professore di Storia delle dottrine politiche nell’Università di Perugia e editorialista del ‘Messaggero’, fa chiarezza sulla diatriba Segre-Almirante e sul presunto allarme antisemitismo in Italia. Sulla senatrice Segre, che alla città di Verona ha ricordato che la sua «cittadinanza onoraria è incompatibile» con una via intitolata a Giorgio Almirante, Campi osserva:

È una posizione personale difficile da contestare, tenuto conto del suo passato. Detto questo ho l’impressione che abbia finito per assumere un ruolo pubblico-mediatico del quale è ormai politicamente prigioniera. Non le sono più concesse le sfumature e i distinguo che su questa delicata materia sarebbero necessari. Anche perché le fonti dell’antisemitismo sono molteplici. C’è quello della destra (che ovviamente non è in sé antisemita), ma si fa male a sottovalutare quello storico e persistente della sinistra. Per non parlare dell’ipocrita silenzio sull’antisemitismo oggi più pericoloso in Europa: quello di matrice islamista.

Il Msi era un partito «antisemita»? Certo che no: «Il Msi aveva un fondamento nostalgico  – spiega Campi – ma è stato paradossalmente, proprio perché rappresentava una minoranza in cerca di legittimazione politica e di agilità nelle istituzioni, un partito assai rispettoso del Parlamento e delle regole democratiche» afferma.

Campi: «Ecco quando l’Msi divenne filo-israeliano»

Come spiega il politologo Alessandro Campi:

Almirante fece pubblica autocritica sul suo passato razzista e antisemita nel febbraio 1967, durante una Tribuna politica (e per questo fu attaccato dagli ambienti della destra radicale, a partire dall’ideologo Julius Evola). Sempre in quell’anno, con la guerra dei “sei giorni”, si definì anche la posizione filo-sionista del partito, da allora mai più abbandonata. Israele era percepito come un bastione dell’Occidente anti-comunista. Piaceva alla destra la sua natura di nazione in armi, così come veniva visto con simpatia ideologica il modello comunitario, patriottico e sociale dei kibbutz.

«Antisemitismo, strategia di allarme della sinistra»

Il problema, dunque, è che qualcuno, per evidenti fini elettorali, vuole soffiare sul fuoco dell’antisemitismo di ritorno. Campi svela l’inganno della sinistra:

Il problema non è rappresentato dalla Segre, ma da coloro che si nascondono dietro la sua figura strumentalizzandola per scopi di battaglia politica. La tesi che si vuole dimostrare è che stia tornando l’antisemitismo come sentimento di massa. E’ la strategia dell’allarme con la quale una sinistra senza idee pensa di uscire dal vicolo cieco elettorale in cui è finita. Ma è una strategia al tempo stesso sbagliata e pericolosa: non porta voti e alimenta il fantasma che si vorrebbe scacciare.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Johnson, prima mossa post Brexit: nazionalizza le ferrovie
Boris Johnson, il trionfatore della Brexit, va oltre: il premier [...]
La “Rivoluzione Francese britannica”: bye bye, EU
Rivoluzione Francese del nuovo millennio: questo è l'augurio che mi [...]
Cosa ci dicono le elezioni regionali
Così è ufficiale: dopo mesi di intensa campagna elettorale, la [...]
Sardine e media, così il PD ha vinto in Emilia: ma la sinistra è in crisi nera
Le Sardine, la spalla del PD, hanno portato a termine [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter

Scroll Up