Caro Saviano

Caro Saviano, a te non frega un piffero, di chi muore in mare

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

“Caro Saviano”, quante volte abbiamo iniziato così. Perché, a prescindere dalla difficoltà del fatto che tu ci legga, riteniamo giusto indirizzarti parole dirette, per dirti in faccia tutto, senza filtri o le censure che tanto affliggono chi dissente dalla vostra narrazione.

Saviano, il sermone su Facebook

Il caro Saviano parte come di consueto con il suo post smielato sui morti nel Mediterraneo.

Caro Saviano

Gli stessi morti che si sono ridotti solo in una fase: quando durante il ministero Salvini si sono ostacolate in ogni modo le partenze e gli sbarchi. Un dato di fatto che la sinistra al caviale non è mai riuscita a negare.

Ha provato, certo, puntando sulle criticità della Lega e sulle antipatie che Salvini suscita anche a destra (spesso per motivi fondati) a puntare sui rimpatri che non sono avvenuti, sui difetti della politica del ministro dell’Interno, sui presunti campi di tortura in Libia. Ha dovuto spostare l’attenzione su altro.

Gli sbarchi sono ripresi alla grande, anche se non come prima. E infatti, il caro Saviano si preoccupa della Open Arms “bloccata”, dice lui, di fronte al porto di Pozzallo.

“I flussi migratori nessuno mai è riuscito a bloccarli perché sono conseguenza delle politiche economiche di secoli. Quello che possiamo fare è costruire un mondo basato su accoglienza, tolleranza e integrazione.”
L’ “accoglienza” è schiavismo e tratta di persone. Credere sia qualcos’altro è indice di stupidaggine o di complicità di un crimine. Scegliete pure da che parte ritenete stia Saviano.

Caro Saviano, il tuo post strappalacrime non attacca

Hai scritto il tuo solito commento falsamente etico, difendendo chi promuove l’immigrazione clandestina e – di fatto – la tratta di esseri umani. Fin qui, niente di nuovo.

Ma ci hai aggiunto un meme, grave almeno quanto la tua prosopopea, che ben identifica la retorica stucchevole che contraddistingue voi immigrazionisti. Su Open Arms avevi già scritto in passato. Le avevi definite, insieme alle altre ONG, le “ambulanze del mare”.

Le ambulanze del mare hanno fatto giungere sulle nostre coste quasi un milione di clandestini in 10 anni. Perché il 90% di chi giunge qui non ne ha diritto. Punto e a capo. Il 90% rappresenta un costo per un popolo che in casa propria si trova – oggi più che mai – a lottare per non finire in povertà.

Il meme, nella sua bieca ipocrisia, recita così:”Mentre Salvini farà i conti con la giustizia, io penso a chi annega nel Mediterraneo senza soccorsi e senza testimoni perché le ONG sono bloccate”.

Caro Saviano

Caro Saviano, a te di chi muore in mare non frega un piffero. E speriamo che la maggior parte degli italiani ne siano sempre più consapevoli.

(di Stelio Fergola)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Per il PD “tutto Zaki” chi è già italiano può rimanere nelle carceri in Marocco
Barricate per l'egiziano Zaki, silenzio tombale per l'italo-marrocchina Fatima (nome [...]
La riforma della giustizia è una priorità, come quella costituzionale
Riforma della giustizia, una priorità congelata da decenni. Ieri il [...]
Lo strano concetto di “legge Anti-LGBT” dei progressisti
In Ungheria è entrata in vigore oggi la famigerata legge [...]
Brandi: “Caro minus habens, invece di criticare chi tifa Italia, impegnati tutti i giorni”
Pubblichiamo volentieri il post integrale di Matteo Brandi, che si [...]
Scroll Up

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.