"La parata del virus" e il vergognoso terrorismo dei media sugli italiani

“La parata del virus” e il vergognoso terrorismo dei media sugli italiani

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

“La Parata del virus”. Così avevano definito su Il Fatto Quotidiano i festeggiamenti della nazionale italiana Roma per la vittoria del suo secondo titolo europeo. Non solo, il titolo inseriva anche l’espressione “trattativa Stato – Bonucci”, per sottolineare una non meglio identificata imposizione “malavitosa” del difensore azzurro su chi, tra le autorità, non voleva consentire la passeggiata al bus scoperto per evitare assembramenti.

Praticamente si è definito, sia pur con ironia truce, Leonardo Bonucci un mafioso. E non è il solo caso, perché la stampa in questi giorni si è scatenata.

Parata del virus, perché non Europeo del virus?

La Parata del virus è solo l’inizio. Con la fine della rassegna continentale, dopo discussioni intelligentissime su come “garantire in sicurezza” partecipazioni allo stadio di 60 o 70mila persone (quando anche un allocco capirebbe che ne basterebbe una per far viaggiare un qualsiasi virus, ovviamente), le proteste dei leader europei per non far giocare la finale a Londra, siamo arrivati a un altro capitolo, quello del “ci siamo cercati la nuova ondata!”.

Ondata – come quasi sempre – di asintomatici, per una malattia dell’unovirgola di decessi, ma scriviamo sempre le stesse cose, e quindi non ci dilunghiamo su questo.

Perché il resto, purtroppo, non finisce qui.

Manco il tempo di portare la coppa a Roma, che già la Rai rilanciava il virologo Andrea Crisanti, partito in quarta già dopo la vittoria italiana dell’11 luglio. Dopo mesi di campagne e insistenze sul vaccino, il professore afferma che il farmaco “non basta”, bisogna impedire al virus di mutare! E come impedirlo? Bingo, con nuove chiusure!

Parata del virus

Per proseguire in una carrellata che potrebbe essere infinita, tanto basti osservare cosa titola Repubblica oggi.

Parata del virus

16 ragazzi innescano il super focolaio, il tutto mentre il famigerato indice RT supera lo 0,9, e ovviamente i giornali non si fanno pregare: è tempo di diffondere nuovi allarmi.

Con un Paese in ginocchio, insomma, nessuna pietà. Sì alla tutela della salute, ma solo dell’unovirgola della popolazione. Il restante 99 può serenamente morire di stenti, di fame, ma perfino di mancanza di divertimenti e gioie sportive.

Ovviamente, tutti dimenticheranno i precedenti allarmi terroristici e le clamorose figuracce incassate (ci riferiamo ai 1300 morti al giorno massimi – minimi 300 – che gli “studi” stimavano ad aprile).

(di Stelio Fergola)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Per il PD “tutto Zaki” chi è già italiano può rimanere nelle carceri in Marocco
Barricate per l'egiziano Zaki, silenzio tombale per l'italo-marrocchina Fatima (nome [...]
La riforma della giustizia è una priorità, come quella costituzionale
Riforma della giustizia, una priorità congelata da decenni. Ieri il [...]
Lo strano concetto di “legge Anti-LGBT” dei progressisti
In Ungheria è entrata in vigore oggi la famigerata legge [...]
Brandi: “Caro minus habens, invece di criticare chi tifa Italia, impegnati tutti i giorni”
Pubblichiamo volentieri il post integrale di Matteo Brandi, che si [...]
Scroll Up

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.