Orban

Orban contro i colossi Big Tech: “Vogliono manipolare le nostre vite”

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il governo ungherese di Viktor Orban mette in guardia l’opinione pubbliche dalle mosse degli oligarchi della Big Tech per dominare la pubblica piazza online attraverso l’applicazione arbitraria e opaca delle linee guida della comunità – a loro avviso, una sorta di “sistema pseudo legale”. “Se non siamo in grado di controllare le attività dei giganti della tecnologia che stanno costruendo un sistema pseudo legale, governeranno la nostra vita e ci costringeranno a entrare in una bolla”, ha avvertito Judit Varga, il ministro della Giustizia nel governo nazionale-conservatore di Prime Ministro Viktor Orban.

Il ministro Varga ha anche messo in dubbio “se queste linee guida sono in sintonia con i principi dello stato di diritto” e ha lanciato una nota di cautela sulla “mossa per ridurre il contenuto politico” su Facebook di Mark Zuckerberg, chiedendosi se la piattaforma applicherebbe doppi standard al suo utenti piuttosto che trattare tutti allo stesso modo nei commenti al 21st Century Institute. Ha anche preso di mira il modo in cui i titani dei social media hanno trasformato il loro prodotto in una “droga” più in generale, e ha cercato di influenzare le opinioni del pubblico dopo averli agganciati.

In precedenza, il ministro della giustizia ungherese ha dichiarato che ora è il momento di  “lottare per la nostra libertà digitale” contro la censura tecnologica e ha promesso una legislazione per impedire alle piattaforme di social media di vietare, censurare o sopprimere utenti e contenuti che non violano alcuna legge.

“[Oggi, chiunque può essere arbitrariamente disconnesso dallo spazio online senza alcun tipo di procedura ufficiale, trasparente o equa, né l’opportunità di un risarcimento”, ha lamentato, giurando che “il danno digitale inflitto deliberatamente per interessi politici o ideologici [sarà ] non si verificano più senza ripercussioni in Ungheria! “

Il paese dell’Europa centrale stava seguendo l’esempio del suo storico partner Polonia, che è anche guidato da un governo nazionale conservatore, anti-migrazione di massa e multiculturalismo, che ha annunciato che approverà un nuovo ‘Freedom Act’ che autorizza gli utenti a fare appello a una sorta di tribunale digitale indipendente se ritengono di essere stati censurati per discorsi legali.

Le mosse sono arrivate sulla scia della deplatforming di massa dell’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump da parte di quasi tutte le principali Silicon Valley appena prima dell’inaugurazione del successore democratico Joe Biden, ma il governo polacco ha affermato di aver elaborato soluzioni per la censura anti-conservatrice online prima di questo , avendo già visto i giganti della tecnologia agire contro le pagine cristiane con un ampio seguito.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Per il PD “tutto Zaki” chi è già italiano può rimanere nelle carceri in Marocco
Barricate per l'egiziano Zaki, silenzio tombale per l'italo-marrocchina Fatima (nome [...]
La riforma della giustizia è una priorità, come quella costituzionale
Riforma della giustizia, una priorità congelata da decenni. Ieri il [...]
Lo strano concetto di “legge Anti-LGBT” dei progressisti
In Ungheria è entrata in vigore oggi la famigerata legge [...]
Brandi: “Caro minus habens, invece di criticare chi tifa Italia, impegnati tutti i giorni”
Pubblichiamo volentieri il post integrale di Matteo Brandi, che si [...]
Scroll Up

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.