élite

Il Destino dell’élite (the American Conservative)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La civiltà viene insegnata come la storia delle élite. Per cinquemila anni, il mondo delle città ( civitates ) dipendeva dalle élite per la leadership. Eppure la leadership caduta in disgrazia è la più antica storia di civiltà. La leadership diventa aristocrazia. L’autorità di governare diventa il diritto di governare. La legge diventa l’applicazione della legge. Il dovere di difenderla diventa licenza di opprimere.

La relazione tra élite e popolo – almeno nel canone occidentale che risale alla Grecia e a Roma – è una narrazione con un tema costante: le élite di successo ottengono sempre meno successo nel trasmettere il testimone della leadership. Alla fine, le élite che cessano di guidare affrontano una crisi di leadership. La crisi può essere innescata da carestia, pestilenza o guerra, spingendo le persone all’insurrezione e alla rivoluzione. L’ascesa e la caduta delle élite formano un modello narrativo distintivo. In effetti, la vitalità della leadership e il declino delle élite sembrano un ciclo naturale, o cerchio della vita.

In primo luogo, c’è una generazione “fondatrice”: gli architetti della leadership. Sono succeduti da una generazione di “costruttori”, estendendo il franchise di leadership. Dopo di loro vengono i “rinnovatori”, sperando di riaccendere la visione dei fondatori (spesso i loro stessi padri). Le prime tre generazioni sono quindi guidate dai ricordi di un passato eroico. Tuttavia, il superamento dei rinnovatori porta spesso a una generazione di “manager”, che cerca di consolidare il paradigma. Il loro obiettivo è puntellare lo status quo. Sono seguiti da una generazione di “stile di vita” nata per governare (o più!), Che ha perso la vocazione di leadership originale e che non sente più il peso dell’obbligo mitico.

Questa inquadratura è emersa dalle conversazioni con Neil Howe . Il suo concetto – che i cicli incorniciano la vita della civiltà – può sembrare mistico, come se si verificassero al di fuori della decisione umana. I modelli attuali nella storia, tuttavia, lo confermano, e questi sono profondamente impressi nell’ascesa e nella caduta delle élite.  Un passaggio storico di cinque generazioni da fondatore, costruttore, rinnovatore, manager, attore parassita potrebbe durare fino a 150 anni. Louis XIV alla Rivoluzione era più o meno così lungo (1643-1789). L’aristocrazia dei piantatori del sud americano si è svolta in poco più di un secolo (1770-1876).

Tuttavia tali modelli non sono un ciclo di ferro. Piuttosto, come proposizione, forti schemi storici suggeriscono che i cicli generazionali sono ripetibili. La cultura stessa ci mostra il come e il perché di tali modelli. Costruttori e restauratori fanno del loro meglio per essere all’altezza degli imponenti antenati. I manager si misurano ancora con i benchmark ancestrali. Tuttavia, sono le generazioni viziate, autorizzate, nate per governare che guidano la vecchia nave sotto. Non solo il carattere d’élite cambia nel corso della leadership, ma cambia anche la composizione e la distribuzione della società d’élite. Le vecchie élite americane erano un insieme di sottoculture più localizzate e variegate, mentre le élite di oggi sono una sottocultura nazionale. Non solo sono completamente collegati in rete in questo momento attraverso i social media, ma il loro stile di vita, l’estetica, lo svago, le abitudini e le convinzioni sono anche pienamente normati e integrati attraverso app, mangia e tweet. Rappresentano un’unità intima come la classe dirigente di un’antica città stato.

In quanto classe dirigente, questa sottocultura unitaria è in piena unione anche politicamente. In appena un decennio circa, una visione-fusione di politica e religione ha convertito le élite americane, quasi nella loro interezza, in un nuovo sacro civico: la Chiesa di Woke. Quello che era stato un sistema di credenze bicamerale è oggi una fede monolitica. Le élite monolitiche sono state vincitrici quando erano in sintonia con la gente, ma l’élite sveglia di oggi è in contrasto con almeno la metà dell’America. La nostra élite di maggior successo, la “Greatest Generation”, era variegata, un’unione di élite e persone, e non monolitica. Tuttavia, ci ha guidato attraverso la seconda guerra mondiale e ha trasformato il mondo. 

In che modo la nazione americana è passata da élite di leadership di successo, anche se disaggregate, a un’élite fallimentare, anche se monolitica, stonata e tirannica? L’istituzione sveglia di oggi fa risalire la sua discendenza a FDR, quindi sta appena raggiungendo il suo centenario. Mike Mansfield ha fatto da mentore a Joe Biden, proprio come Mansfield è stato ispirato e guidato da FDR, che ha servito personalmente nella seconda guerra mondiale.

Tale lignaggio elettrico è visibilmente investito nell’età a scapito della vitalità, mentre una quinta generazione, non ancora al potere, irradia più venalità che autorità. Ecco cinque dinamiche che hanno portato gli Stati Uniti dalla leadership dell’élite nella seconda guerra mondiale al tradimento dell’élite di oggi.

Le élite cercano sempre di far crescere il loro status e la loro ricchezza

Perché le élite sembrano sempre più ricche mentre i poveri diventano sempre più poveri? I tuoi occhi non ingannano qui. Dobbiamo ringraziare Thomas Piketty per il suo importante lavoro, Capital, che espone le dure scoperte della storia.

Invariabilmente, quando si tratta di auto-esaltazione, le élite agiscono essenzialmente come personaggi non giocabili. Agiscono sempre per aumentare il loro status e la loro ricchezza e cercano di mantenerli per sempre. Inoltre, questa può essere una decisione non volitiva: quando il tasso di rendimento del capitale supera significativamente il tasso di crescita dell’economia, ne consegue logicamente che la ricchezza ereditata cresce più velocemente della produzione e del reddito. In tali condizioni, è quasi inevitabile che la ricchezza ereditata domini la ricchezza accumulata dal lavoro di una vita con un ampio margine, e la concentrazione del capitale raggiungerà livelli estremamente alti.

Piketty conclude in modo mordace che “il processo mediante il quale la ricchezza viene accumulata e distribuita contiene forze potenti che spingono … verso un livello estremamente alto di disuguaglianza”, e che questo livello di disuguaglianza è “potenzialmente incompatibile con i valori meritocratici … fondamentali per le moderne società democratiche”.

Il 9 + 1 percento dell’America (la “nobiltà di servizio” più la nobiltà di alto livello) ora possiede oltre il 50 percento della ricchezza nazionale. Questo supera il nostro precedente picco di disuguaglianza, subito prima del Black Friday nel 1929. Al contrario, dal 1942 al 1982, la media era inferiore al 35% .

Le élite si disconnettono dalle persone che una volta guidavano

Tutte le élite trionfanti marciano verso la vittoria guidando il loro popolo in battaglia. Questo può sembrare brutto per alcuni, ma è vero. Era vero per la Grecia di Alessandro e la Roma di Cesare, per la Spagna di Carlos Quinto e per la Francia di Luigi XIV; proprio come era vero per l’America di Washington, Grant ed Eisenhower.

Ciò che è inevitabile è che la guerra è un luogo cerimoniale per la trascendenza nazionale. Leader e persone si legano in battaglia. Sopportano insieme le privazioni, affrontano il tutto o niente insieme e si sacrificano l’uno per l’altro e per la nazione insieme. Inoltre, è l’epica narrativa che segue la guerra che intreccia per sempre élite e persone insieme.

Quando quella narrazione si svuota – quando le persone non combattono più per il loro paese ei leader non guidano più le persone in battaglia – il sacro legame è perso. Questa è l’America oggi. Coloro che combattono sono superbe legioni di pretoriani al servizio dell’imperatore-presidente. Nel frattempo, le élite e le persone non condividono mai quei legami che derivano dall’impegno reciproco in guerra. L’esercito di oggi è una glorificata squadra SWAT, che consente sia alle élite che alle persone di prendere strade separate alla ricerca di soddisfare il loro narcisismo costante.

Il legame di guerra non era solo una metafora per un’unione di élite e persone: perderlo è al centro del modo in cui l’America ha perso anche il segreto del suo successo.

Le élite arrivano a credere di essere diventate la nazione

Il motivo per cui i grandi franchise televisivi e cinematografici della tradizione americana sono stati sviscerati da un’élite sveglia è un paradosso. Perché una società di produzione con i diritti creativi di Star Trek o Star Wars o Marvel Comics vorrebbe recidere i franchise del marchio mondiale che hanno deliziato e confortato generazioni di fan? Eppure l’intrattenimento svegliato rivela tutto. Soprattutto, rivela il senso illimitato di diritto e ipocrisia delle élite. Noi, l’altro 90%, abbiamo un’ampia finestra su come le élite vedono se stesse, la loro missione e la loro autorità.

Chiaramente, la loro retorica è la loro fede. “Deus Vult!” proclamerebbero, se “Deus” fosse nel loro vocabolario. Tuttavia, anche nella denuncia irremovibile di Dio, sono sovraccarichi di arbitrio divino. Immagina: se sei l’occasione dei miracoli del mondo; se porti la pioggia, invoca il giudizio e sei arrivato a governare il passato, il presente e il futuro, allora sei il mondo .

E se le persone rifiutassero la giustizia sociale e la programmazione approvata dalla teoria critica. La TV potrebbe essersi attenuata, con i grandi perdenti , i canali premium di nicchia che si sono risvegliati: HBO è in calo del 38%, Disney è in calo del 33% e le persone si stanno riversando sulle reti televisive classiche. Ma non preoccuparti: quando sarà il momento, tutto il divertimento supererà sempre la cartina di tornasole della giustizia di Woke.

Le “soluzioni” d’élite non fanno che peggiorare le cose, a volte in base alla progettazione

Affrontare il cambiamento che minaccia la loro presa sulla società mette le élite in un vicolo cieco. Si trovano ad affrontare, semplicemente, apparenti contraddizioni tra i propri interessi e bisogni, da un lato, e il mantenimento del proprio potere e autorità dall’altro.

Le élite devono essere leader, quindi devono prendersi cura dei loro incarichi. Eppure le élite devono prima prendersi cura di se stesse: sono la loro “direttiva primaria”. Le élite sono la civiltà – nella loro mente – quindi devono muoversi verso il loro destino (cioè, ancora più status e ricchezza). Tuttavia le élite devono accogliere le persone, quel tanto che basta, in modo che si sottomettano a un’élite che sovverte i propri interessi di classe.

Queste contraddizioni si traducono direttamente in politiche che creano effetti contraddittori. Aliquote fiscali più elevate per i ricchi sono compensate da agevolazioni fiscali speciali per i ricchi, come la detrazione delle tasse sulla proprietà statale. I programmi giganti simili a Stalin, come il “Green New Deal”, sono un sistema di bottino per i contratti blu innamorati. Anche l’annullamento del debito studentesco sembra un pagamento per la classe di yuppie.

Nel frattempo, vengono distribuite dispense ai poveri, come la famosa Cura Annonae o razione di pane dell’Impero Romano, per garantire l’acquiescenza politica e la lealtà al blu. Tuttavia, allo stesso modo, negare l’assistenza alle comunità “deplorevoli” – e anzi, punirle criminalizzando i proprietari di armi e i conservatori cristiani – rappresentano scelte politiche deliberatamente progettate per demonizzare l’altro rosso, in modo da creare una minaccia “estremista” interna per sostenere il potere dell’élite blu. .

Le élite non possono mai vedere come il loro percorso porti a una caduta

Le élite come quella americana di oggi sono nella fase finale degradata della disfunzione dell’élite. Hanno perso la scintilla per guidare, in nessun luogo più acutamente evidente che nella loro strategia autoritaria egoista e autodistruttiva. In effetti, stanno “mungendo le contraddizioni” mentre irrigidiscono e intensificano i conflitti civili. Eppure questo percorso è politicamente irresistibile.

Le masse accalcate, l’altro globale e la folla importuna più il ringhiante “paniere di deplorevoli”, rappresentano quindi sia i virtuosi nel bisogno che i trasgressivi nel bisogno. Il buono e il cattivo, presi insieme, sono un’irresistibile opportunità d’élite.

L’altro blu – il Buono – e l’altro rosso – il Cattivo – equivalgono alla stessa cosa agli occhi dell’élite. Come una massa, questi populares sono solo lo sciame di parassiti che nidificano intorno alle +1 percenters’ di taglie prodigioso (il 50 per cento o più della ricchezza nazionale). Eppure la stessa marginalità delle persone – sono essenzialmente private del potere e dell’agenzia – servono i loro padroni in tre modi deliziosi.

In primo luogo, come massa indifferenziata, la loro scivolata nella miseria e la loro impotenza civica diventa un mandato d’élite auto-giustificante e incontestabile. Una massa dipendente di cittadini legittima chiaramente non solo il diritto dell’élite di governare, ma anche l’obbligo morale di governare, noblesse oblige , come tutore e amministratore fiduciario di una cittadinanza di “bambini”.

In secondo luogo, la metà blu dei popular , una volta messa in quarantena per sempre da ogni contatto di fratellanza con l’altra metà rossa, può essere rapidamente cooptata in coorti di dipendenza. La loro povertà da concerto può sempre essere attribuita all’avidità e alla perfidia rosse, come la “soppressione degli elettori di Jim Crow”. Inoltre, l’immigrazione quasi incontrollata spingerà tutti i lavoratori americani allo status di terzo mondo, riducendo la loro dipendenza come beneficium d’élite . Quindi, fintanto che le élite distribuiranno vantaggi sociali e benessere, e continueranno a far crescere coorti elettorali leali, il loro vincolo al potere crescerà. Infine, una strategia divide et impera funziona davvero. L’elettorato rosso in calo, dipinto come l’irredimibile nemico interno dell’America, dovrebbe mantenere i popolari blu mobilitati emotivamente. Più sono alienati dai loro ex concittadini, più sosterranno strategie d’élite che criminalizzano il rosso.

Eppure questo percorso produce un raccolto amaro. Più le élite blu costringono la repressione e la sottomissione, più in profondità vengono piantati i semi della resistenza. L’elegante servitù del terzo mondo di Blue degraderà sempre di più i gruppi di vittime affamate di concerti che le élite fingono di esaltare. Sopprimere i deplorevoli renderà solo nemici più temibili e implacabili. Questo non è solo un modo incredibilmente crudele per mantenere il potere, le sue bugie 24 ore su 24, 7 giorni su 7, possono solo amplificare l’impegno nei confronti dell’insurrezione. Non volendo cambiare rotta e incapace di prevenire la caduta imminente, il raddoppio è l’unica opzione d’élite.

Michael Vlahos

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Per il PD “tutto Zaki” chi è già italiano può rimanere nelle carceri in Marocco
Barricate per l'egiziano Zaki, silenzio tombale per l'italo-marrocchina Fatima (nome [...]
La riforma della giustizia è una priorità, come quella costituzionale
Riforma della giustizia, una priorità congelata da decenni. Ieri il [...]
Lo strano concetto di “legge Anti-LGBT” dei progressisti
In Ungheria è entrata in vigore oggi la famigerata legge [...]
Brandi: “Caro minus habens, invece di criticare chi tifa Italia, impegnati tutti i giorni”
Pubblichiamo volentieri il post integrale di Matteo Brandi, che si [...]
Scroll Up

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.