lockdown cambiamenti climatici

L’ultima follia della sinistra: i lockdown contro i cambiamenti climatici

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La scorsa settimana il presidente Biden ha firmato un ordine esecutivo per rientrare negli accordi di Parigi sul clima. Questo è stato un gesto per lo più simbolico, poiché lo stesso allarmismo spinto prima dell’accordo nel 2016 viene ancora spinto ora mentre gli stati nazionali come la Cina lo stanno ancora ignorando. Ora l’inviato per il clima dell’amministrazione Biden John Kerry, sotto accusa per essersi imbarcato su un jet privato in Islanda per accettare un premio per il clima, sta dicendo agli Stati Uniti e al mondo che le condizioni dell’accordo di Parigi sono “inadeguate”.

Mentre l’élite climatica globale spinge a mangiare insetti e rimanere a casa per salvare la Terra sulle masse, vale la pena porre la domanda: cosa sarà adeguato? Con l’avvicinarsi del Global Economic Forum di Davos ad aprile, inizieremo a sentire più frequentemente termini come “Climate Equity” e “Climate Reset” (un gioco sul Great Reset del WEF). Probabilmente inizieremo anche a sentire richieste di blocco del clima. Lo so, in questo momento suona completamente assurdo, ma queste idee stravaganti non trovano sempre un modo per entrare nel mainstream? Quindici giorni per rallentare il sole!

La possibilità di blocchi climatici è già stata proposta da alcuni dei nostri più grandi pensatori. Vedono la confluenza delle crisi globali come un’opportunità. La tempesta perfetta causata da COVID-19 e il conseguente tracollo economico globale offre la possibilità di intraprendere quella che vedono come un’azione audace e drammatica per salvare il pianeta. L’amministrazione Biden sfrutterà sicuramente le conseguenze del COVID per far passare qualche legislazione verde, ma proprio come prima, agli occhi dei progressisti non sarà sufficiente. Ci deve essere sempre di più.

Mariana Mazzucato, autrice e professoressa di economia innovativa presso l’Università di Londra, ha sollevato la prospettiva di blocchi climatici in MarketWatch lo scorso settembre:

‘In un “blocco climatico”, i governi limiterebbero l’uso di veicoli privati, vieterebbero il consumo di carne rossa e imporrebbero misure estreme di risparmio energetico, mentre le aziende di combustibili fossili dovrebbero smettere di perforare. Per evitare un simile scenario, dobbiamo rivedere le nostre strutture economiche e fare il capitalismo in modo diverso. ‘L’idea di “fare il capitalismo in modo diverso” è la motivazione retorica trainante dietro il Great Reset del World Economic Forum (un altro termine per l’attuazione del marxismo globale).

Karl Lauterbach, un parlamentare del partito socialdemocratico tedesco, ha scritto su Die Welt lo scorso dicembre che “abbiamo bisogno di misure per affrontare il cambiamento climatico simili alle restrizioni alla libertà personale [imposte] per combattere la pandemia”. Quanto tempo ci vorrà prima che questa teoria si faccia strada nelle agenzie di stampa e nei discorsi dei politici qui?

Ovviamente questa idea verrà spiegata semplicemente come “seguire la scienza”. I blocchi che sono iniziati nella primavera del 2020 hanno contribuito a quello che gli scienziati chiamano il più grande calo delle emissioni di CO2 degli ultimi anni. La ragione principale di ciò è stata una diminuzione di circa il 40% nel trasporto di automobili e aerei. Il World Economic Forum ha elogiato questa cifra in un post sul blog intitolato ‘Le emissioni sono diminuite durante il blocco. Continuiamo così. ‘

Gli allarmisti climatici come Greta Thunberg e John Kerry saranno sbalorditivi alla prospettiva di utilizzare i dati sulle emissioni per mettere in atto le loro idee di un futuro senza metano e aereo. Come osi confutarlo! Se possiamo restare tutti a casa per due settimane (che diventerebbero inevitabilmente quattro settimane), ne vale la pena per salvare il pianeta. Chiunque metta in dubbio tali proposte verrà etichettato come un negazionista della scienza e accusato di voler uccidere i propri vicini (sai, come quello che senti se non indossi una maschera per una passeggiata informale intorno all’isolato).

In che modo i governatori e il governo federale imporrebbero blocchi climatici? Semplice: dichiarando che il cambiamento climatico è una crisi immediata della salute pubblica e della sicurezza nazionale, e usando la stessa autorità concessa loro dai dipartimenti di sanità pubblica per implementarli secondo le stesse linee guida che hanno fatto per COVID-19. Bernie Sanders e AOC hanno annunciato ieri un disegno di legge che lo suggerisce!

Questo è sempre stato il rischio con l’implementazione di massa dei blocchi. Una volta che i tuoi leader ne imporranno uno con il pretesto della salute pubblica, non metteranno semplicemente da parte il loro potere per farlo di nuovo. Non preoccuparti, stanno solo seguendo la scienza. 

(da The Spectator)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

“Non ho il cellulare con me”: la figuraccia di Pedullà a “Ore 14” è un capolavoro
Pedullà, i cellulari smarriti, e le chat di Vito Crimi [...]
Draghi, Renzi e lo strano tempismo dell’ultimo bollettino BCE
Mario Draghi è ovviamente al centro del discorso, quasi come [...]
Draghi accetta con riserva: si cerca maggioranza, poi 10 giorni per la fiducia
Mario Draghi è l'uomo del momento, nel bene e nel [...]
Controstoria di Mario Draghi, convocato da Mattarella al Quirinale
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha convocato domani mattina [...]
Scroll Up