HunterBiden

Il laptop di Hunter Biden sequestrato dall’Fbi: indagine su riciclaggio

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il laptop di Hunter Biden è stato presumibilmente sequestrato da funzionari dell’Federal Bureau of Investigation (FBI) lo scorso anno nell’ambito di un’indagine sul riciclaggio di denaro. Fox News ha riferito mercoledì di aver ottenuto prove documentali che indicano che l’FBI aveva citato in giudizio il presunto laptop di Biden da un negozio di riparazioni di computer del Delaware mentre esaminava una questione riguardante il riciclaggio di denaro. Non è chiaro se la presunta indagine che ha suscitato la citazione originale sia ancora in corso o sia stata risolta.

Il rapporto arriva una settimana dopo che il New York Post ha  pubblicato le e-mail che aveva ottenuto da un laptop presumibilmente appartenente a Biden. Il laptop è stato presumibilmente consegnato da Hunter in un negozio di riparazioni di computer nel Delaware nell’aprile 2019 dopo essere stato danneggiato dall’acqua. Quando nessuno è tornato a prenderlo, un tecnico del negozio afferma di aver esaminato il disco rigido nell’estate del 2019 e di averlo condiviso con l’ex sindaco di New York City Rudy Giuliani.

Gli investigatori dell’FBI hanno sequestrato il laptop nel dicembre dello scorso anno come parte di un’indagine in corso sull’interferenza delle elezioni straniere. Non è chiaro se il laptop e il contenuto corrispondente siano autentici. Una delle email pubblicate dal  Post , in particolare, ha destato l’attenzione nazionale. L’e-mail, presumibilmente scambiata tra Hunter e un dirigente con il conglomerato di gas naturale con sede in Ucraina Burisma Holdings, afferma che si è svolto un incontro tra l’ex vicepresidente e un rappresentante dell’azienda nel 2015.

L’incontro avrebbe avuto luogo quasi un anno dopo che Hunter era entrato a far parte del consiglio di amministrazione di Burisma. A quel tempo, Burisma stava subendo forti pressioni sia dal governo ucraino che da funzionari diplomatici statunitensi per accuse di corruzione. In aggiunta alla potenziale percezione di un conflitto di interessi, ammesso che l’incontro abbia avuto luogo, è che all’epoca l’ex vice presidente era l’uomo di punta dell’amministrazione Obama sull’Ucraina. Dopo la  denuncia del Post , lo stesso ex vicepresidente si è rifiutato di commentare la questione. Biden si è attenuto a quella strategia anche se la sua campagna ha suggerito che, sebbene non abbia avuto luogo alcun incontro ufficiale con il rappresentante Burisma, potrebbe essersi verificato in veste non ufficiale.

“La campagna di Biden non escluderebbe la possibilità che l’ex vicepresidente abbia avuto qualche tipo di interazione informale con [il rappresentante] che non sarebbe apparso nel programma ufficiale di Biden”, ha   riferito Politico la scorsa settimana. Dopo l’ esposizione del Post , Breitbart News ha pubblicato in esclusiva una serie di e-mail di Bevan Cooney, un ex partner commerciale di Biden. Le e-mail, ottenute da Peter Schweizer, collaboratore senior di Breitbart News e presidente del Government Accountability Institute, indicavano che i soci in affari di Biden vedevano il suo nome come “valuta” e la sua famiglia come un “gasdotto” per l’amministrazione Obama che poteva essere sfruttati a scopo di lucro. Cooney sta attualmente scontando una pena detentiva federale per il suo ruolo in uno schema di obbligazioni tribali.

Non indagate sul figlio di Biden”

Come ho scritto su InsideOver, durante alcuni degli incontri, la società di lobbying con sede a Washington Blue Star Strategies che rappresentava Burisma, ha ripetutamente sollecitato i funzionari statunitensi ad aiutare l’azienda ucraina e convincere il governo di Kiev a porre fine alle accuse di corruzione che a lungo avevano perseguitato la società, che ha nominato Hunter Biden nel suo consiglio d’amministrazione nel 2014. In un documento risalente al dicembre 2015, Blue Star si è assicurata un incontro con l’allora ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina Geoffrey Pyatt in cui i lobbisti pagati da Burisma spingevano affinché l’azienda del gas non fosse più perseguita. L’incontro, spiega Solomon, avvenne in un momento delicato per Burisma. Pyatt, solo pochi mesi prima, aveva tenuto un discorso chiedendo che Burisma e il suo proprietario Mykola Zlochevsky fossero perseguiti per corruzione, e i pubblici ministeri ucraini avevano iniziato a intensificare l’attività sul caso, incluso l’invio di prove all’Ufficio nazionale anticorruzione per ulteriori indagini e, infine, con l’obiettivo di arrivare a una nuova confisca di beni ai danni di Zlochevsky.

Quel ricatto a Poroshenko

Nel maggio del 2016, Joe Biden in qualità di uomo di punta designato da Barack Obama per l’Ucraina, volò a Kiev per informare Poroshenko che la garanzia di un prestito ammontante a ben un miliardo di dollari americani era stata approvata per permettere a Kiev di fronteggiare i debiti. Ma si trattava di un aiuto “condizionato”. Se Poroshenko non avesse licenziato il procuratore capo nello stretto giro di sei ore, Biden sarebbe tornato negli Usa e l’Ucraina non avrebbe più avuto alcuna garanzia di prestito. L’Ucraina, in quell’occasione, capitolò senza alcuna resistenza. Il procuratore stava indagando proprio sugli affari della Burisma Holdings, compagnia che aveva collocato nel proprio board operativo il figlio del vicepresidente. Lo stesso Biden si vantò di aver minacciato nel marzo 2016 l’allora presidente ucraino Poroshenko di ritirare un miliardo di dollari in prestiti se quest’ultimo non avesse licenziato il procuratore generale Viktor Shokin che stava indagando proprio su suo figlio Hunter.

Chi è Hunter Biden

Il figlio di Joe Biden aveva già ottenuto un incarico presso il National Democratic Institute (Ned), un’organizzazione di “promozione della democrazia” finanziata dagli Stati Uniti che ha contribuito a rovesciare il governo filo-russo di Yanukovich insieme all’Open Society del finanziere George Soros. Hunter venne così arruolato in una posizione di grande prestigio in Burisma, a 50 mila dollari al mese, nonostante la sua totale mancanza di esperienza nel settore energetico e negli affari ucraini. Hunter Biden lo ripagò contattando un importante studio legale di Washington, Dc, Boies, Schiller e Flexner, dove aveva lavorato come consulente. Nel gennaio successivo, i beni dell’oligarca vennero scongelati nel Regno Unito. Nella primavera del 2014, Associated Press e persino il New York Times sollevarono perplessità sul ruolo di Hunter Biden nella compagnia ucraina, nonostante Joe Biden assicurasse di non saperne nulla.

(Di Roberto Vivaldelli)

Fonte: Breitbart

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Gli spot Amazon: una lezioncina inaccettabile
Da qualche settimana incombe, sulle banchine delle metropolitane, una pubblicità [...]
Massimo Giannini e la storia strappalacrime sul Covid: ambiguità
Massimo Giannini è un "giornalista". Il virgolettato non è ironico, [...]
Jole Santelli, l’ipocrita cordoglio di una sinistra che l’ha sempre insultata
Jole Santelli è deceduta, come tutti sapranno. Per la sinistra, [...]
Sì, caro TgLa7, gradiremmo essere “cacciati a calci” dall’Euro
Il TgLa7 stasera è stato molto severo con la terribile [...]
Scroll Up