globalizzazione

Coronavirus: stati protagonisti, muore la globalizzazione

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Coronavirus e globalizzazione: qui un’imperdibile riflessione di Stephen M. Walt, pubblicata su Foreign Policy

L’approccio realista alla politica internazionale e alla politica estera non dedica molta, se non nessuna, attenzione alla questione di potenziali pandemie come l’epidemia di COVID-19. Nessuna teoria spiega tutto, ovviamente, e il realismo si concentra principalmente sugli effetti restrittivi dell’anarchia, sui motivi per cui le grandi potenze competono per il vantaggio e sugli ostacoli duraturi a un’efficace cooperazione tra Stati. Ha poco da dire sulla trasmissione virale interspecie, sull’epidemiologia o sulle migliori pratiche di salute pubblica, quindi non dovresti chiedere a un realista di dirti se dovresti iniziare a lavorare da casa.

Nonostante questi ovvi limiti, il realismo può ancora offrire utili spunti su alcuni dei problemi sollevati dal nuovo focolaio di coronavirus. Vale la pena ricordare, ad esempio, che un evento centrale nel racconto di Tucidide sulla guerra del Peloponneso (uno dei testi fondanti della tradizione realista) è l’epidemia che colpì Atene nel 430 a.C. e che persistette per più di tre anni. Gli storici ritengono che la peste possa aver ucciso circa un terzo della popolazione di Atene – tra cui leader di spicco come Pericle – e che ebbe evidenti effetti negativi sul potere a lungo termine di Atene. Il realismo potrebbe avere qualcosa da dire sulla situazione in cui ci troviamo oggi?

Coronavirus, la crisi profonda della globalizzazione

Innanzitutto, e ovviamente, l’attuale emergenza ci ricorda che gli stati sono ancora i principali attori della politica globale. Ogni anno, studiosi e esperti suggeriscono che gli stati stanno diventando meno rilevanti negli affari mondiali e che altri attori o forze sociali (cioè organizzazioni non governative, società multinazionali, terroristi internazionali, mercati globali, ecc.) miano la sovranità e spingono lo stato verso la pattumiera della storia. Quando sorgono nuovi pericoli, tuttavia, gli esseri umani cercano innanzitutto protezione nei governi nazionali. Dopo l’11 settembre, gli americani non si sono rivolti alle Nazioni Unite, alla Microsoft Corp. o all’Amnesty International per proteggersi da al Qaeda; guardarono a Washington e al governo federale. E così è oggi: in tutto il mondo, i cittadini stanno cercando funzionari pubblici per fornire informazioni autorevoli e creare una risposta efficace. Come giornalista Derek Thompson ha scritto su Twitter la scorsa settimana: “Non ci sono libertari in una pandemia”. Ciò non significa che non siano necessari anche sforzi globali più ampi; è semplicemente per ricordarci che, nonostante la globalizzazione, gli stati rimangono gli attori politici centrali nel mondo contemporaneo. I realisti hanno enfatizzato questo punto per decenni e il coronavirus sta fornendo un altro vivido promemoria.

In secondo luogo, sebbene le versioni più strutturali del realismo tendano a minimizzare le differenze tra gli stati (a parte il potere relativo), finora le risposte allo scoppio del coronavirus stanno esponendo i punti di forza e la debolezza di diversi tipi di regimi. Gli studiosi hanno precedentemente suggerito che le dittature rigide sono più vulnerabili a carestie , epidemie e altri disastri, in gran parte perché tendono a sopprimere le informazioni e gli alti funzionari potrebbero non riconoscere la gravità della situazione fino a quando non è troppo tardi per prevenirla. Questo è esattamente ciò che sembra essere accaduto in Cina e anche in Iran: Le persone che hanno cercato di emettere l’allarme sono state messe a tacere o punite e gli alti funzionari hanno cercato di nascondere ciò che stava accadendo invece di mobilitarsi tempestivamente per affrontarlo. I governi autoritari possono essere bravi a mobilitare risorse e ad intraprendere risposte ambiziose – testimoniare la capacità di Pechino di mettere in quarantena intere città e imporre altri controlli di vasta portata – ma solo dopo che le persone al vertice hanno capito e riconosciuto ciò che sta succedendo.

Dato che le informazioni fluiscono più liberamente nelle democrazie, dovute in parte ai media indipendenti e alla capacità dei funzionari di livello inferiore di emettere l’allarme senza essere puniti, dovrebbero essere in grado di identificare meglio quando sta emergendo un problema. Per le democrazie, tuttavia, possono emergere problemi quando si cerca di modellare e attuare risposte tempestive. Questa carenza può essere particolarmente grave negli Stati Uniti, perché i primi soccorritori e le altre agenzie che svolgono il vero lavoro in caso di emergenza sono per lo più sotto il controllo di una pletora di governi statali o locali. A meno che non vi sia un’adeguata pianificazione preventiva e un coordinamento efficace da parte di Washington, cosa che non è facile realizzare nella migliore delle circostanze, anche avvertimenti accurati e tempestivi potrebbero non produrre misure di emergenza efficaci.

Sfortunatamente, come ha sottolineato Michelle Goldberg in una recente rubrica del New York Times , “La risposta di Donald Trump al coronavirus combina le peggiori caratteristiche dell’autocrazia e della democrazia, mescolando l’opacità e la propaganda con un’inefficienza senza leader”. Avendo precedentemente ridotto la preparazione alle catastrofi in tutto il governo federale e nella stessa Casa Bianca , Trump ha costantemente minimizzato la gravità dell’epidemia di coronavirus, annullato o contestato le valutazioni di scienziati qualificati, non è riuscito a coordinare un’efficace risposta federale, ha preso combattimenticon funzionari locali che sono in prima linea e hanno dato la colpa a tutto il suo predecessore, che è stato fuori servizio per più di tre anni. Mettere un aspirante autoritario al comando di un sistema democratico decentralizzato, aggiungere una grave emergenza e questo è il tipo di disastro ferroviario che ci si aspetta.

Cosa ci insegna il realismo sul coronavirus

Il realismo suggerisce che potrebbe essercene uno piccolo. In un mondo competitivo, gli stati mettono in guardia su ciò che fanno gli altri e hanno un grande incentivo a imitare il successo. Le nuove innovazioni militari tendono ad essere rapidamente adottate da altri, ad esempio, perché il mancato adattamento può portare a rimanere indietro e diventare vulnerabili. Questa prospettiva suggerisce che, poiché alcuni stati sviluppano risposte più efficaci al coronavirus, altri seguiranno rapidamente l’esempio. Nel tempo, emergerà una serie di migliori pratiche globali, un processo che si verificherà più rapidamente se gli Stati condividono informazioni accurate tra loro e si astengono dal politicizzarle o usarle per trarne vantaggio.

Sfortunatamente, il realismo ci ricorda anche che raggiungere un’efficace cooperazione internazionale su questo tema potrebbe non essere facile, nonostante l’ovvia necessità. I realisti riconoscono che la cooperazione avviene continuamente e che norme e istituzioni possono aiutare gli stati a cooperare quando è nel loro interesse farlo. Ma i realisti avvertono anche che la cooperazione internazionale è spesso fragile, sia perché gli Stati temono che gli altri non rispettino i loro impegni, sia preoccupati che la cooperazione sia di beneficio agli altri più di quanto non li avvenga o vogliono evitare di sostenere una quota sproporzionata dei costi. Non penso che tali preoccupazioni impediranno agli Stati di fare molto per aiutarsi a vicenda ad affrontare questo problema globale, ma uno o tutti loro potrebbero rendere la risposta collettiva meno efficace.

Infine, il realismo in politica estera suggerisce anche che se l’epidemia non si placherà rapidamente e più o meno permanentemente (come ha fatto l’epidemia di SARS del 2003), rafforzerà la crescente tendenza alla deglobalizzazione che è già in atto . Negli anni ’90, gli apostoli della globalizzazionec credevano che il mondo stesse diventando sempre più strettamente connesso dal commercio, dai viaggi, dall’integrazione finanziaria globale, dalla rivoluzione digitale e dall’apparente superiorità della democrazia capitalista liberale, e concluse che ci saremmo tutti impegnati a diventare ricchi in un ambiente sempre più piatto e senza confini mondo. L’ultimo decennio o più ha assistito a una costante ritirata da quella visione ottimista, con sempre più persone disposte a scambiare efficienza, crescita e apertura per il bene dell’autonomia e il mantenimento di stili di vita cari. Come affermano i Brexiteer nel Regno Unito, vogliono “riprendere il controllo”.

Per i realisti, questo contraccolpo non è sorprendente. Come scrisse il realista Kenneth Waltz nel suo capolavoro Theory of International Politics , “l’imperativo domestico è specializzare ” e “l’imperativo internazionale è “abbi cura di te”!” Il realista cristiano Reinhold Niebuhr ha osservato un avvertimento simile negli anni ’30, scrivendo che “lo sviluppo del commercio internazionale, l’accresciuta interdipendenza economica tra le nazioni e l’intero apparato di una civiltà tecnologica, aumentano i problemi e le questioni tra le nazioni molto più rapidamente di l’intelligenza per risolverli può essere creata. “ 

I teorici liberali hanno a lungo sostenuto che la crescente interdipendenza tra gli stati sarebbe una fonte di prosperità e un ostacolo alla rivalità internazionale. Al contrario, i realisti avvertono che i legami stretti sono anche una fonte di vulnerabilità e una potenziale causa di conflitto. Ciò che Waltz e Niebuhr stanno dicendo è che connessioni sempre più strette tra gli stati creano tanti problemi quanti ne risolvono, a volte più rapidamente di quanto possiamo escogitare soluzioni per loro. Per questo motivo, gli stati – i mattoni fondamentali della politica internazionale – cercano di ridurre i rischi e le vulnerabilità ponendo limiti ai loro rapporti reciproci.

Colpo durissimo alla globalizzazione

Da una prospettiva realista, quindi, è probabile che il coronavirus dia agli stati un altro motivo per limitare la globalizzazione . L’iper-globalizzazione ha reso il sistema finanziario globale più vulnerabile alle crisi e ha creato gravi problemi politici interni a causa del trasferimento di posti di lavoro; ora sappiamo che ha anche aumentato la nostra esposizione – letteralmente – al tipo di pandemia globale di cui possiamo assistere oggi. 

Per essere chiari: il realismo non prevede una ritirata all’autarchia o nemmeno lo stesso livello di de-globalizzazione che si è verificato a seguito delle due guerre mondiali e della Grande Depressione. Gli stati contemporanei non possono permettersi di recidere tutti i legami, anche di fronte a qualcosa come il coronavirus. Ma suppongo che il marchio di punta della globalizzazione contemporanea sia ormai alle nostre spalle e che un virus che ha attraversato il confine tra due specie sta andando verso una delle ragioni per cui i confini tra gli stati diventeranno un po ‘più alti.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Obamagate, Lindsey Graham: “Una vendetta politica contro Trump”
Negli Usa esplode lo scandalo Obamagate. Il senatore Lindsey Graham, [...]
Trump scatenato sui social, è la vittoria sul Deep State?
Trump scatenato sui social. Un Obamagate al giorno, a quanto [...]
Simona Mangiante a Vox Italia Tv: “Mifsud connesso alla western intelligence”
Simona Mangiante, moglie dell'ex advisor di Donald Trump George Papadopoulos, [...]
Al-Shabaab: ecco chi ha preso i soldi del riscatto della cooperante
Una doverosa premessa ,prima di parlare di Al-Shabaab: siamo ovviamente [...]
Scroll Up