Università Austin contro politicamente corretto

Grazie, Nuova Università di Austin, per la lotta contro la dittatura politicamente corretta

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Università of Austin baluardo di libertà, almeno nell’Occidente superliberista progressista, globalista e genderfluid. Un gruppo di accademici, emarginati o addirittura dimissionati da diversi campus americani, hanno deciso di uscire dal guscio e reagire, come riporta il Giornale di oggi.

Università di Austin e la lotta per la libertà negli atenei americani

Citiamo direttamente il pezzo de il Giornale sul tema: “E se fra gli accademici la situazione è drammatica in tema di pensiero critico, fra gli studenti universitari va addirritura peggio. Ad esempio, nel Campus Expression Survey 2020 della Heterodox Academy, il 62% degli studenti universitari intervistati ha convenuto sul fatto che il clima nel loro campus “ha impedito agli studenti di dire cose in cui credono“. I docenti che si oppongono ai dogmi del politicamente corretto e della neolingua vengono emarginati e boicottati. Dorian Abbot, uno scienziato dell’Università di Chicago che si è opposto all’azione positiva come strumento che mira a promuovere la partecipazione di persone appartenenti alle minoranze, non ha potuto tenere un’importante conferenza pubblica al Mit sul clima; Peter Boghossian, professore di filosofia alla Portland State University, si è dimesso lo scorso settembre dopo anni di pressioni da parte dei colleghi per le sue prese di posizione (“la sinistra regressiva ha preso il sopravvento sul mondo accademico“, dichiarò); a questi si aggiunge il caso di Kathleen Stock, professoressa lesbica e femminista delll’Università del Sussex, la quale si è recentemente dimessa dopo che le associazioni trasngender l’hanno apertamente minacciata per le sue dichiarazioni su sesso e genere. “Pensavamo che una simile censura fosse possibile solo sotto regimi oppressivi in ​​terre lontane. Ma si scopre che la paura può diventare endemica in una società libera” sottolinea Kanelos. È il volto feroce e totalitario del progressismo liberal e della politica identitaria che certa sinistra ha sposato negli ultimi anni.”

Il pensiero unico nelle sue forme peggiori: quelle che formano le menti dei giovani

Grazie, University of Austin. Siete una goccia in un oceano, ma è dovuto ogni sostegno a quanto state cercando di fare, se non altro una reazione a un pensiero, quello “unico politicamente corretto”, ormai incontrollabile nelle sue follie totalitarie e repressive di ogni forma di dissenso. Non so se basterà allo scopo, viviamo in un’epoca in cui il politicamente corretto domina ogni settore della cultura mainstream. Ma è senza dubbio un punto di partenza da sostenere e da approfondire. E se la Baylor University la scorsa primavera si era inchinata, c’è qualcuno che, con coraggio, resiste.

(di Stelio Fergola)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Armenia, viaggio in una Nazione del Cristianesimo
Laddove si è sempre resistito alle persecuzioni dell’uomo e oggi [...]
Scioperi e manifestazioni No Green Pass, situazione e prospettive
Dalla proclamazione degli scioperi del 15 ottobre, e più complessivamente [...]
La figuraccia della Lega
Sulla figuraccia della Lega e del suo appoggio al governo [...]
Il cambiamento climatico non è una catastrofe
Nessun problema globale è mai stato più esagerato del cambiamento [...]

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.