Caro Saviano

Caro Saviano, la Meloni ti sfida in dibattito: affrontala!

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Caro Saviano, sono anni che – ormai lo sanno anche i sassi – parli in TV e scrivi su facebook senza alcun contraddittorio. Anni che pontifichi, sermoneggi, sentenzi. E nessuno dall’altra parte che ti contesti. Possiamo andare oltre, cosa ne dici?

Saviano e le sentenze facili

Una delle ultime uscite del caro Roberto Saviano è stata ripresa nel corso del programma Quarta Repubblica di Nicola Porro. Un parere pretenzioso e falsamente obiettivo, quasi da osservatore “terzo” che, in realtà, nasconde neanche troppo bene la solita immancabile faziosità su Giorgia Meloni e Matteo Salvini: “Se avessero avuto prudenza e intelligenza oggi avrebbero in mano il Paese; se invece di urlare al regime sanitario, se invece di sposarsi a negazionismi più o meno legittimi, avessero al contrario spinto per avere maggiore prudenza, oggi potrebbero parlare”.

Giorgia Meloni, interpellata da Porro durante la trasmissione, è stata molto diretta: “I personaggi come Saviano,  senza contraddittorio si possono permettere di dare la responsabilità di quello che sta accadendo in Italia, quindi dei contagi e delle vittime, a gente che negli ultimi otto mesi non ha avuto la possibilità di toccare palla”.

La domanda che ci poniamo da anni, caro Saviano, è sempre la stessa: ma discutere con qualcuno in televisione invece che con persone disposte solo a riverirti manco fossi un totem religioso, ti pesa così tanto?

Caro Saviano, accetta la sfida di Giorgia Meloni

Al netto dell’affermazione sulle possibilità delle opposizioni, condivisibile o meno, il passaggio importante del commento della Meloni avviene dopo, quando dice: “Roberto Saviano dice un sacco di idiozie, e io non capisco perché sia considerato un guru. Ma sono pronta a sfidarlo. Se lei [Porro, ndr] lo porta seduto, parliamo di come sono andati gli ultimi otto mesi“.

“Se Roberto Saviano, nel merito, oltre a pontificare con le sue stupidaggini, ci viene a spiegare esattamente cosa significa…”

Caro Roberto, è il tuo momento. Hai l’occasione di far valere le tue illuminanti argomentazioni prevalendo su quelle – certamente  sciocche – altrui. Cosa aspetti?

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Fedez, perché non hai parlato dei lavoratori di Amazon?
Fedez poteva dire tante cose, sul palco del Primo Maggio. [...]
Restrizioni e coprifuoco, un racconto di ordinaria follia pandemica
Quello che segue è un episodio realmente accaduto. Così le [...]
No, il 1 maggio non è il 25 aprile: ecco perché
Sbaglia chi mette il 1 maggio (come del resto, in [...]
Ai tempi del Covid la proprietà non è più un diritto?
Com’è noto, la crisi del covid sta provocando conseguenze disastrose [...]
Scroll Up

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.