Sondaggi elezioni usa

I sondaggi danno Biden vincente, ma è tutto ancora da giocare

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Stando ai sondaggi e a quanto riportano i principali media americani ed europei, la vittoria di Joe Biden alle elezioni presidenziali statunitensi del 2020 è ormai data per certa. Ciò che però suscita dubbi – vuoi per semplice imperizia, vuoi per volontarie manipolazioni – è l’attendibilità dei sondaggi made in Usa.

I sondaggi errati del 2016

Già nel 2016 le stime avevano sbagliato, e non di poco, nell’attribuire la vittoria finale a Hilary Clinton invece che a Donald Trump. La media degli ultimi sondaggi prima del voto condotti dall’istituto Politico vedevano infatti una forte sottovalutazione di Trump negli stati chiave – swing states o battleground states. All’esito del voto, il ribaltamento del verdetto delle urne rispetto ai sondaggi in alcuni di questi stati ha determinato la vittoria finale di Trump. Nello specifico furono determinanti i clamorosi errori negli stati della Pennsylvania, del Michigan, e del Wisconsin, oltre che quelli di minore entità nella Florida e nel North Carolina, che con i loro 90 grandi elettori mandarono alla Casa Bianca Donald Trump invece che “la prescelta” Hilary Clinton. Inoltre, la portata del vantaggio di Trump era notevolmente sottostimata in Ohio e Iowa.

Sondaggi delle elezioni USA nel dettaglio

 

Andando a guardare nel dettaglio le situazioni dei singoli stati, in Pennsylvania (20 grandi elettori) i sondaggi del 2016 vedevano la Clinton in vantaggio del 4,2% su Trump; il risultato finale fu invece una vittoria di Trump dello 0,7%, il quale recuperò quindi il 4,9% rispetto alle stime immediatamente precedenti il voto. Per il 2020 la media dei sondaggi vede Biden in vantaggio del 5,8% su Trump.

Nel Michigan, 16 grandi elettori, la media dei sondaggi 2016 voleva la Clinton a +6,2% su Trump, laddove il risultato effettivo fu invece del +0,2% per Trump. In Michigan il recupero di Trump sui sondaggi fu del 6,4%. La media dei sondaggi per le elezioni del 2020 vede Biden in vantaggio di +7,2% su Trump.
Wisconsin, 10 grandi elettori: media sondaggi +6,2% per Clinton, risultato effettivo +0,7% per Trump. Recupero di Trump sui sondaggi del 6,9%. Media sondaggi per il 2020: +7,7% per Biden.

Florida, 29 grandi elettori: media sondaggi di sostanziale parità, risultato effettivo +1,2% per Trump. Recupero di Trump sui sondaggi del 1,2%. Media sondaggi per il 2020: +2,9% per Biden.

North Carolina, 15 grandi elettori: media sondaggi +0,2% per Clinton, risultato effettivo +3,6% per Trump. Recupero di Trump sui sondaggi del 3,8%. Media sondaggi per il 2020: +2,2% per Biden.

Ohio, 18 grandi elettori: media sondaggi +1,0% per Trump, risultato effettivo +8,1% per Trump. Recupero di Trump sui sondaggi del 7,1%. Media sondaggi per il 2020: +0,3% per Trump.

Iowa, 6 grandi elettori: media sondaggi +3,0% per Trump, risultato effettivo +9,4% per Trump. Recupero di Trump sui sondaggi del 6,4%. Media sondaggi per il 2020: +0,4% per Biden.

Gli altri swing states per il 2020 sono Texas (38 grandi elettori, +1,4% per Trump nei sondaggi), Georgia (16 grandi elettori, +1,4% per Biden nei sondaggi), Arizona (11 grandi elettori, +2,9% per Biden nei sondaggi) e Nevada (6 grandi elettori, +6,7% per Biden nei sondaggi).

Per il resto: 20 stati (District of Columbia, Massachusetts, Hawaii, New York, California, Vermont, Connecticut, Maryland, Delaware, Rhode Island, Washington, New Jersey, Illinois, Oregon, Colorado, Maine, Virginia, New Mexico, New Hampshire, Minnessota) pari a 227 grandi elettori vengono dati dal sicuro esito democratico; altri 20 stati (Wyoming, Arkansas, Idaho, Oklahoma, Louisiana, West Virginia, North Dakota, Alabama, Tennessee, Nebraska, Kentucky, Mississippi, Utah, South Dakota, Kansas, Indiana, South Carolina, Alaska, Missouri, Montana) pari a 126 grandi elettori dal sicuro esito repubblicano.
Insomma, se dalla lettura dei sondaggi il vantaggio di Joe Biden sembra essere netto, una interpretazione di questi ultimi “ponderata” alla generale sottostima e alla capacità di recupero di Donald Trump porterebbe a configurare una sfida quanto mai aperta. La sensazione è che la volata di Trump al secondo mandato presidenziale sia niente affatto da escludere.

(di Federico Epifani)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Fedez, perché non hai parlato dei lavoratori di Amazon?
Fedez poteva dire tante cose, sul palco del Primo Maggio. [...]
Restrizioni e coprifuoco, un racconto di ordinaria follia pandemica
Quello che segue è un episodio realmente accaduto. Così le [...]
No, il 1 maggio non è il 25 aprile: ecco perché
Sbaglia chi mette il 1 maggio (come del resto, in [...]
Ai tempi del Covid la proprietà non è più un diritto?
Com’è noto, la crisi del covid sta provocando conseguenze disastrose [...]
Scroll Up

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.