Donald Trump - Medio Oriente

Il nuovo Medio Oriente di Trump: uno sforzo di pace

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Ecco il nuovo Medio Oriente di Trump. L’imminente instaurazione di relazioni diplomatiche tra Israele e due stati del Golfo, Emirati Arabi Uniti e Bahrein, fa parte di un processo di cooperazione per la sicurezza in corso da molti anni. Sebbene ciò derubi l’evento di qualche dramma, ne aumenta anche il significato. Significa che il processo per porre fine all’era del confronto arabo-israeliano continuerà, culminando forse in uno sconvolgimento politico in Iran. Questa è la strada su cui potrebbe trovarsi il Medio Oriente. Sudan, Arabia Saudita, Oman e Kuwait sono alcuni dei paesi arabi che si dice stiano prendendo in considerazione accordi di pace con Israele. Uno o due di questi paesi potrebbero trattenersi e l’Arabia Saudita, pur sostenendo il processo di normalizzazione regionale con Israele, potrebbe rifiutare ufficialmente il riconoscimento formale. Non importa. Anche senza legami ufficiali, tutti questi paesi in senso spirituale hanno posto fine alla loro ostilità nei confronti dello Stato ebraico.

Ora guardate la mappa:

L’alleanza Israele-Emirati Arabi Uniti gode di un accesso navale praticamente senza ostacoli intorno ai tre lati della penisola arabica: il Mar Rosso, il Mar Arabico e il Golfo Persico, con solo il piccolo Qatar e lo stato caotico e devastato dalla guerra dello Yemen che presenta un po ‘di sfida. Nel frattempo, la crescente presenza militare della Cina a Gibuti e potenzialmente a Port Sudan rimarrà un elemento neutrale rispetto a questo nuovo condominio di sicurezza arabo-israeliano, che andrà ben oltre la sfera navale e abbraccerà sicurezza e guerra ad alta tecnologia in tutti i suoi aspetti. Il Medio Oriente è in un complicato processo di trasformazione. Per decenni, a partire dagli anni ’60, i regimi totalitari baathisti in Siria e Iraq avevano organizzato il fronte di rifiuto contro Israele. Ma quegli stati, insieme alla Libia radicale, sono ora completamente distrutti, anche se l’Egitto giace impotente sotto la repressione debilitante e il caos economico. I palestinesi, il Qatar e gli elementi sciiti in Libano sono tutto ciò che resta del fronte di rifiuto arabo, che ora deve fare affidamento sul sostegno della Turchia non araba e dell’Iran.

Di questi due, l’Iran potrebbe essere il più fragile. Mentre il leader neo-autoritario della Turchia Recep Tayyip Erdogan opera ancora in un quadro parzialmente democratico di partiti politici rivali, nonché di sindaci e giornalisti indipendenti, il regime dell’ayatollah Ali Khamenei in Iran costituisce una teocrazia radicale che è molto più impopolare di quella di Erdogan in Turchia . Inoltre, il regime iraniano, a differenza di quello turco, è legato al prezzo degli idrocarburi che è stato in generale calo (e questo per non parlare delle sanzioni imposte dagli Stati Uniti), anche se i recenti accordi di pace arabi con Israele minacciano specificamente l’appoggio dell’Iran sul Golfo. . Infine, la Turchia per ragioni di geografia, cultura e storia del ventesimo secolo è uno stato quasi europeo con tutta la stabilità che ciò comporta, mentre l’Iran non lo è.

Massicce rivolte anti-regime si sono diffuse in tutto l’Iran alla fine del 2019, e questo prima della cattiva gestione della crisi Covid-19 da parte del regime. Il regime iraniano è sottoposto a crescenti pressioni politiche, palesemente considerato illegittimo agli occhi del suo popolo. Rispondere con il terrorismo e il dispiegamento di eserciti per procura all’estero, come probabilmente farà il regime, sarà più difficile dall’assassinio da parte dell’amministrazione Trump della mente geopolitica e terroristica Qasem Soleimani all’inizio di quest’anno.

Lenin disse notoriamente: “Ci sono decenni in cui non accade nulla e ci sono settimane in cui accadono decenni”. In sostanza non è successo niente in Iran dalla Rivoluzione del 1979, e non è successo niente tra Israele e i suoi vicini arabi dal 1994, quando sono state stabilite relazioni diplomatiche tra Israele e Giordania. Poi, nel giro di poche settimane, le forze accumulate per decenni sono culminate in due trattati di pace. Ci si deve chiedere se e quando, come parte di questo processo, in Iran ci saranno decenni nel giro di poche settimane: non adesso, ma forse durante il prossimo mandato presidenziale negli Stati Uniti. In breve, la battaglia per i cuori e le menti iraniane è iniziata sul serio in seguito alla nuova alleanza Israele-Golfo Arabo, mentre uno sviluppo indica inesorabilmente l’altro. È la dinamica interna dell’Iran, un paese altamente istruito di 84 milioni di persone, che nei prossimi anni ha il potere di cambiare veramente la regione.

Eppure, nonostante i drammatici eventi della scorsa settimana, parti di Washington rimangono in una distorsione temporale, attaccando “guerre senza fine”, come parte di un argomento per ritirarsi del tutto dal Medio Oriente. Un anonimo consigliere senior del candidato alla presidenza Joe Biden, citato in Foreign Policy , ha addirittura relegato la regione a ” un lontano quarto “Nell’ordine di importanza, dopo l’Europa, l’Indo-Pacifico e l’America Latina. In effetti, le “guerre infinite” sono in procinto di finire da anni ormai, poiché il livello delle truppe statunitensi continua a scendere da 132.000 a 3.000 in Iraq, da 100.000 a 4.500 in Afghanistan, e con meno di mille in Siria. Siamo in una nuova era: quella della cooperazione implicita ed esplicita arabo-israeliana, dell’espansione neo-ottomana turca e della crisi interna iraniana, il tutto sotto l’ombra economica strisciante dei cinesi, che invece di vedere il Medio Oriente come “un lontano quarto , “Lo vedono sempre più come il loro pezzo chiave del puzzle, necessario per collegare organicamente la loro iniziativa Belt and Road in Asia e in Europa. Di conseguenza, i cinesi stanno costruendo porti e basi militari, armati con centinaia di miliardi di dollari di investimenti, in tutta la regione.

Non è il momento di ritirarsi dal Medio Oriente o anche solo di pensarlo come una regione non collegata ad altre. In effetti, il Medio Oriente è una parte organica dell’Eurasia. Pertanto, nel prossimo mandato presidenziale, è tempo che gli Stati Uniti contribuiscano ad espandere e consolidare la pace arabo-israeliana al fine di limitare il neoimperialismo turco e minare ulteriormente il regime in Iran: tutto nello spirito di gestire con intelligenza l’ascesa della Cina attraverso l’Indo-Pacifico.

(Robert D. Kaplan – The National Interest)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Stati Uniti: il totalitarismo soft viene dalla sinistra liberal
Gli isterici di sinistra con le principali piattaforme mediatiche hanno [...]
Centro migranti, fuggono in 50 da quello di Agrigento [VIDEO]
Centro migranti sempre più anarchici, a quanto pare. La situazione [...]
Movimento 5 Stelle, al cadavere manca solo la sepoltura
Del Movimento 5 Stelle e della sua morte parliamo da [...]
Accordo sui migranti, la bufala di Malta e i sinistri che non capiranno mai
Accordo sui migranti, quello vero, quello definitvo: l'Europa ci aiuterà! [...]
Scroll Up