statue

Statue abbattute e furia iconoclasta: il grande odio di sé

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il grande odio di sé. 

Un gruppo di bambini si è riunito di recente una mattina vicino al monumento dei soldati e dei marinai a Riverside Park. Gli adulti incaricati distribuirono pezzi di gesso dai colori vivaci e presto il marciapiede e la piazza furono adornati allegramente con motti come Black Lives Matter, Black Trans Lives Matter, Dimmi perché la polizia ha bisogno di carri armati, Let Justice Roll Down, e – il mio preferito – Brucialo. Bruciare il monumento ai soldati e ai marinai? Non ce n’è bisogno.

Il monumento di 96 piedi era a suo tempo un tributo ai soldati e ai marinai di New York che hanno combattuto per l’Unione durante la guerra civile. La pietra angolare fu posta nel 1899 dal governatore Theodore Roosevelt, due anni prima di giurare come presidente. Povero orsacchiotto. Un tempo incarnazione della fiducia e dell’aspirazione americane, fu appena votato al largo dell’isola (in questo caso Manhattan) dal consiglio di fondazione dell’American Museum of Natural History. Una statua di Roosevelt, a cavallo di un cavallo e “affiancato da un nativo americano e un uomo africano”, come lo descrive il New York Times, sorge su un basamento di fronte al museo. Il consiglio del museo offriva una resa preventiva alla folla che si è laureata nel bruciare e saccheggiare procedere al rovesciamento di statue e alla deturpazione dei monumenti. Teddy Roosevelt era un obiettivo troppo allettante.

Per aggiungere sale alla ferita, uno dei fiduciari, il 77enne Teodoro Roosevelt IV, pronipote del Presidente, fu convocato per giustificare la rimozione. Spiegò: “Il mondo non ha bisogno di statue, cimeli di un’altra epoca, che non riflettano né i valori della persona che intendono onorare né i valori di uguaglianza e giustizia”. Inoltre, la statua “non riflette l’eredità di Theodore Roosevelt. È tempo di spostare la statua e andare avanti. ‘

A questo si unisce il desiderio di sradicare statue nel nome di “giustizia”. La giustizia ovviamente può significare molte cose, ma in questo caso significa un’epurazione dalla nostra memoria di quelle parti del passato ora considerate imbarazzanti. Circa 465.000 uomini di New York hanno prestato servizio nelle forze armate dell’Unione durante la guerra civile, combattendo per la libertà dei neri schiavizzati nel sud. New York contribuì con più soldati di qualsiasi altro stato e più di 50.000 di loro morirono in guerra. Quel monumento fatiscente a Riverside Park è apparentemente il migliore che possiamo fare ora per onorare tale sacrificio. Ma ai suoi piedi, i bambini hanno segnato i nomi di uomini e donne neri uccisi in scontri con la polizia negli ultimi anni.

Alcune di queste furono tragiche vittime di violenze ingiustificate; altri erano criminali. Ma arruolarli tutti in una lista di martiri di Black Lives Matter è un tentativo di rivendicare qualcosa ancora una volta contro la coscienza nazionale. Per citare Martin Luther King, Jr che a sua volta citava il profeta Amos – “Ma lascia che la giustizia rotoli giù come acque e la giustizia come un fiume che scorre sempre” – è davvero fare una richiesta molto ampia. I bambini che maneggiano il gesso, sotto la supervisione di qualche adulto, insistono su queste dichiarazioni dei necrologi sull’attenzione pubblica sotto la rubrica generale secondo cui l’America è piena di “razzismo sistemico”. Suppongo che i bambini non fossero davvero consapevoli dell’ironia di celebrare la vita dei criminali neri in una protesta all’ombra di un memoriale per gli uomini che hanno combattuto e sono morti in una guerra giusta per liberare i loro antenati.

Per gentile concessione del Progetto 1619 del New York Times, che descrive Lincoln come un razzista in qualche modo in combutta con la “slavocrazia”, ​​e grazie anche a Black Lives Matter e alle sue epigoni, ora abbiamo una nuova mitologia eccitante in cui l’America è il famelico ragno che divora neri innocenti nella sua rete di oppressione di quattrocento anni. Quando anche l’American Museum of Natural History capitola in questa storia, sappiamo di essere in un momento culturale. Scelgo queste due storie – il gesso e il presidente che costruisce il parco naturale, che distrugge la fiducia – perché le vedo di prima mano, ma quasi tutte le città americane sono ora teatro di spettacoli simili.

È una domanda aperta se questi siano meglio interpretati come produzioni amatoriali o semi-professionali, una ribellione di base che scatena rabbia distruttiva il gusto di farla, o un assalto più profondamente mediato alla repubblica che sta tentando di manipolare e intensificare la protesta popolare come un passo verso un cambiamento politico “rivoluzionario”. Entrambi gli elementi sono in gioco, ma chi sta giocando chi? Gli aspiranti rivoluzionari stanno guidando la folla o la stanno seguendo?

È il grande odio di sé

La decisione dell’American Museum of Natural History di imballare Teddy Roosevelt è lo sviluppo più inquietante. È l’azione di un’assemblea di adulti di mentalità civile e responsabile che non vedeva nulla che valesse la pena difendere a immagine del presidente che ha reso la celebrazione e la conservazione delle risorse naturali una priorità del governo nazionale. Il padre di TR, del resto, era uno dei fondatori del museo. È dovuto un debito di qualche tipo, ma quell’obbligo è stato oscurato da quello che può essere chiamato odio per se stessi.

Il Museo è situato in un solo angolo umido di quel miasma che in qualche modo fuoriesce da Central Park West. Il veleno è in realtà pervasivo nell’America contemporanea. Il Grande Odio del Sé è disceso su di noi, e forse non solo sulla sola America. Anche altre nazioni occidentali si guardano con gioiosa repulsione, come anoressici che si vedono allo specchio morbosamente obesi. Loro – e noi – insultiamo la loro libertà come se fosse fondata su bugie; allo stesso modo detestiamo la nostra prosperità come ingiusta.

Ecco cosa vogliono i manifestanti

Non siamo nel bel mezzo di una gara ma di rivolte. I rivoltosi intendono punire la società, ma la passività e la collusione del resto della società liberale parlano di un desiderio collettivo di espiare, e non solo del peccato immaginario di “razzismo sistemico”. Stiamo espiando la nostra piccolezza, la nostra mancanza di fiducia in noi stessi come nazione degna, la nostra ridotta fiducia nel futuro e la nostra mancanza della solida gioia di Teddy nello splendore di questo mondo. Rappresentiamo la nostra società negli occhi della nostra mente non in ampie vedute o grattacieli altissimi, ma nello squallore delle tendopoli, nell’incompetenza delle élite che depredano la giustizia sociale. Se le persone malintenzionate ci offrono storie su quanto i nostri antenati fossero cattivi e quanto anche noi dobbiamo essere immeritevoli, prestiamo loro un orecchio. Pensiamo, forse è così.

Solo una società che vede la necessità di una consulenza sull’autostima potrebbe essere così suscettibile a tali illusioni distruttive.

Possiamo essere sicuri di salvarci da questa spirale di odio che genera disperazione culturale, suscitando ancora più rabbia e debolezza. Per così dire, ci imporrà di riparare i monumenti a Colombo, Washington, Jefferson e altri grandi uomini e i memoriali ai molti che hanno combattuto in cause grandi e nobili. Il rispetto di noi stessi inizia quando recuperiamo il nostro senso di gratitudine e forse un po ‘di riverenza.

Tradotto da The Spectator Usa

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Trump lancia le forze spaziali USA. E per Russia e Cina è corsa al riarmo
Le forze spaziali Usa sono solo l’ultima iniziativa di quel [...]
Sgarbi, intesa con Vox Italia: “Condividiamo gli stessi valori”
C'è un'intesa crescente fra il noto critico d'arte Vittorio Sgarbi, [...]
Alain de Benoist: “È guerra USA – Cina. L’Europa non cada nella trappola”
Traduciamo e riportiamo un'intervista ad Alain de Benoist apparsa su [...]
I Sentilenesi, la tribù che respinge la civiltà ed esalta il primivitismo
I Sentinelesi sono gli abitanti dell’isola di North Sentinel, un’isola [...]
Scroll Up