George Soros

Project Veritas: Soros e Steyer dietro le proteste Usa [VIDEO]

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Come parte di una serie di video realizzati in incognito fra le organizzazioni della sinistra radicale come gli Antifa, Project Veritas ha diffuso alcuni filmati che mostrano gli attivisti democratici di estrema sinistra vantarsi di aver ricevuto finanziamenti dal finanziere liberal George Soros. Tom Steyer – che ha fatto una campagna senza successo per la nomina presidenziale del Partito Democratico per il 2020 – e il finanziere liberale George Soros sono entrambi nominati come collaboratori e finanziatori nella nuova clip su Refuse Fascism, un’organizzazione dedicata alla rimozione dall’incarico del presidente Donald Trump e del vicepresidente Mike Pence.

Andy Zee, organizzatore nazionale del gruppo, menziona durante il video di sette minuti che Steyer “potrebbe non voler essere direttamente collegato” al gruppo perché ha “ambizioni politiche” che potrebbero essere minate da tale relazione, ma Zee dice che il gruppo è in comunicazione con l’assistente di Steyer e “consigliere principale sull’impeachment”.

Soros

Zee afferma inoltre che i dipendenti della campagna presidenziale 2016 di Hillary Clinton erano coinvolti nell’organizzazione. Tee Stern viene visto cenare con i reporter sotto copertura di Veritas e rivela che il gruppo ha ricevuto una “sovvenzione” dal controverso miliardario Soros. La Silicon Valley è anche menzionata come un’importante fonte di finanziamento del gruppo. Stern in seguito fa ripetute chiamate a “migliaia di persone, quindi milioni” a “venire in strada” e agire come una forza dirompente fino a quando il presidente non viene costretto a lasciare l’incarico.

Il video è la terza parte di una serie di filmati curati da Project Veritas che intende mostrare cosa si cela veramente dietro organizzazioni della sinistra radicale come RefuseFascism e Antifa, gruppi che stanno dietro o fanno parte di molte delle proteste in corso negli Stati Uniti. RefuseFascism è un gruppo che sta guadagnando sempre più attenzione dai conservatori. L’autore e regista Dinesh D’Souza li ha descritti come parte di una “forza paramilitare” di sinistra questa settimana. “La sinistra ha schierato un paramilitare. Hanno letteralmente una forza paramilitare per strada. Non è solo Antifa. Sono tutti gli altri gruppi: RefusFascism, Black Lives Matter, e continua così ”, ha detto D’Souza. I video precedenti di Veritas in incognito esponevano i membri dell’Antifa mentre promuovevano la violenza nelle strade.

Tradotto e rielaborato da Russia Today

Soros: pioggia di milioni alla sinistra italiana

George Soros, pioggia di milioni a ong e partiti in Italia. Come rivela l’agenzia stampa Adnkronos, sono 8.527.948 milioni di dollari i soldi investiti da Soros in Italia. E’ l’ammontare dei ‘grants’, le sovvenzioni elargite in Italia dalla Open Society Foundations di George Soros nel biennio 2017-2018. Tra i beneficiari, movimenti politici come i Radicali Italiani, think-tank come l’Istituto Affari Internazionali, onlus e ong impegnate sul fronte dell’immigrazione e delle politiche di accoglienza e perfino il Comune di Ventimiglia. In tutto, secondo i dati ottenuti dall’Adnkronos, la fondazione del miliardario-filantropo statunitense di origini ungheresi ha finanziato 70 progetti: 32 nel 2017, per un totale di 4.140.318 dollari; e 38 nel 2018, per 4.387.630.

Il campo d’azione principale dell’impegno della Open Society Foundations di Soros in Italia rimane l’immigrazione, scrive l’agenzia stampa. Ai Radicali Italiani, ad esempio, sono andati in tutto 298.550 dollari nel 2017, per “promuovere un’ampia riforma delle leggi italiane sull’immigrazione attraverso iniziative che puntino a fornire aiuto agli immigrati e avanzare il loro benessere sociale”. Sempre sul fronte migranti, ben 385.715 dollari nel 2018 sono stati assegnati all’Asgi, l’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione, che in passato ha pubblicato anche la rivista ‘Diritto Immigrazione e Cittadinanza’, in collaborazione con Magistratura Democratica. Tra la miriade di sigle, enti pubblici e privati, ong e onlus che hanno beneficiato della generosità di George Soros spiccano anche i nomi dello Iai, l’Istituto Affari Internazionali presieduto dall’ex commissario europeo Ferdinando Nelli Feroci, che nel 2018 ha ricevuto 230.192 dollari “per educare e favorire il dialogo con gli attori politici sui nuovi approcci all’immigrazione e alle politiche di asilo europee, a beneficio di migranti, rifugiati e società ospiti”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Sovranisti, sveglia! Sbarchi super e UE cannibale, altro che “5 furbetti”
Sovranisti, sveglia, non è il momento di indignarsi per le [...]
Brasile, ecco la petizione contro George Soros
Dal Brasile parte una grande raccolta firme contro il magnate [...]
Imagine “comunista” e la ridicola politicizzazione dell’arte
Hanno fatto discutere le dichiarazioni di Giorgia Meloni in merito [...]
Processateci tutti. Ora. Da cittadini, da amministratori, da politici
Processateci. Fatelo il prima possibile. Questo pensiamo, dopo ciò che [...]
Scroll Up