CO26

COP26, la colossale presa per i fondelli delle élite

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
La COP26 si prepara a essere uno spettacolo grottesco. Stiamo per assistere a livelli di stravaganza e ipocrisia di Versailles. I ricchi, i potenti e i pieni di virtù gonfiate si riuniranno a Glasgow per pontificare al resto di noi su quanto stiamo danneggiando il pianeta con tutti i nostri sprechi e arroganza. Arriveranno con i loro jet privati ​​per lamentarsi del flagello delle emissioni dell’industria dell’aria. Faranno pasti a cinque stelle tra chiedendosi ad alta voce se le piccole persone dovrebbero mangiare meno carne. Poggeranno le loro teste stanche e virtuose su paffuti cuscini di seta dopo lunghe giornate di discussioni su come tenere a freno le aspirazioni materiali delle masse. Promette di essere una delle manifestazioni più nauseanti di presunzione oligarchica degli ultimi tempi.

Ecco la COP26

Sembra che le élite ci stiano ridendo in faccia ora. Quindi l’altro giorno abbiamo avuto il principale consigliere scientifico del Regno Unito, Patrick Vallance , che ha affermato che tutti dovranno mangiare meno carne e volare di meno se vogliamo affrontare questa faccenda del cambiamento climatico. Poco dopo è stato riferito che circa 400 jet privati voleranno alla COP26, portando leader mondiali e dirigenti di grandi imprese nei lussuosi dintorni in cui si torceranno le mani curate sui crimini legati al carbonio dell’umanità. La gente comune prova un senso di colpa per aver preso un volo poxy all’anno per sfuggire alle prove e ai capricci della vita nella società capitalista per un paio di settimane, mentre quelli che bevono champagne su aeroplani che costa 10.000 dollari l’ora da noleggiare si atteggiano a difensori iperconsapevoli della povera Madre Natura.
Secondo un rapporto, i jet privati ​​che atterrano a Glasgow emetteranno circa 13.000 tonnellate di carbonio . È la stessa quantità di CO2 che 1.600 scozzesi attraversano in un anno . “Fatti un cazzo” sarà una risposta perfettamente ragionevole a questi ricchi jet-set che dicono agli scozzesi, o a chiunque altro, di volare di meno, guidare di meno e mangiare di meno. John Kerry, l’inviato per il clima di Joe Biden, sarà a Glasgow per fare smorfie davanti alle telecamere per la possibile morte per calore del pianeta. Tre mesi fa ha volato su un jet privatoa Martha’s Vineyard per le sontuose celebrazioni del 60° compleanno di Barack Obama. Era la sedicesima gita in jet privato che la sua famiglia aveva fatto quest’anno. Il principe Carlo, da uno dei suoi palazzi, afferma che la COP26 è il “saloon dell’ultima possibilità” per il pianeta. La famiglia reale ha volato collettivamente abbastanza miglia aeree negli ultimi cinque anni per raggiungere la Luna e tornare indietro. E poi intorno all’equatore terrestre tre volte. In breve: 545,161 miglia.
Poi ci sono tutte le auto. La guida è vista dai verdi e dai leader politici eco-virtuosi come Sadiq Khan, come una delle attività più stupide e distruttive di Gaia a cui si dedica la plebe. Nelle ultime settimane, gli irritanti delle contee di Insulate Britain hanno ottenuto il plauso del commentatore per aver bloccato i percorsi di terribili eco-criminali come le mamme che accompagnano i loro figli a scuola e i fattorini che cercano di consegnare cibo e altri elementi essenziali. Eppure c’è Joe Biden a Roma per il G20 che viene portato in giro in un convoglio di 85 auto . La sua limousine corazzata e la sua versione esca generano 8,75 libbre di carbonio per miglio guidato, 10 volte più delle normali auto. E i verdi vogliono che ci arrabbiamo per il tipo della classe operaia che guida un camion pieno di generi alimentari e carburante? È da pazzi.

L’indegno spettacolo della COP26

Quando avrà finito con la Roma, Biden volerà a Glasgow con l’Air Force One. Lo accompagneranno quattro jet. Insieme, emetteranno circa 2,16 milioni di libbre di carbonio in cinque giorni. Questo sta diventando ridicolo. Le persone saranno perfettamente nel loro diritto nei prossimi giorni per chiedere perché è che coloro che vivono nel lusso, che volano in ogni angolo del globo, che sperimentano più lusso in una settimana di quanto la maggior parte di noi possa aspettarsi in un decennio, dovrebbe arrivare a sostenere il presunto soffocamento del pianeta da parte dell’umanità con il carbonio e l’inquinamento. Come Joanna Lumley , famosa e ben pagata viaggiatrice del pianeta, che dice che i viaggi dovrebbero essere razionati. O Dama Emma Thompsonletteralmente volando in prima classe da Los Angeles a Londra per prendere parte a una protesta di Extinction Rebellion sui mali della CO2. Oppure Harry e Meghan che assistono a un concerto incentrato sull'”urgente necessità” di un’azione per il clima e poi partono su un jet privato . Ciò che manca in coerenza morale all’oligarchia verde, lo compensa ampiamente con il collo d’ottone.

Ecco il punto, però: è sempre stato così. Da anni ormai è chiaro che il movimento ambientalista è fondamentalmente un gioco da uomini facoltosi, fatto di persone che vivono vite lussuose lamentandosi delle abitudini distruttive delle masse. Chi può dimenticare quando David de Rothschild – sì, è della famiglia di banchieri – ha scritto il Global Warming Survival Handbook che conteneva meravigliose pepite di consigli come “Indossa un maglione” (così puoi spegnere il riscaldamento in casa tua) e “Fai crescere il tuo possedere pomodori’ (così puoi fare acquisti di meno)? O quando George Monbiot – Stowe, Brasenose College, discendente di milionari di torte e tè – cinguettava che l’ambientalismo è una ‘campagna non per l’abbondanza ma per l’austerità’? O quando i paffuti attivisti di Plane Stupid hanno chiesto il divieto dei voli economici perché tutto ciò che fanno è consentire agli oik di volare verso “destinazioni dell’Europa orientale scelte non per la loro architettura o cultura ma perché le persone possono volare lì per 99 pence e farsi caricare per un tenner’?

È chiaro da anni che il movimento verde è una neo-aristocrazia che trae le sue voci più forti dalla vecchia aristocrazia e anche dalle élite manageriali della classe media e dal nuovo establishment tecnocratico. Questo è un movimento che consente ai discendenti di famiglie di banchieri incredibilmente ricche di dire a tutti noi di indossare una cardie piuttosto che accendere il riscaldamento centralizzato e che invita i principi letterali a fare facce tristi su tutti i voli e i mangiatori di carne che gli oik sono impegnarsi. Ho detto che era una versione moderna di Versailles, ma in realtà è peggio di così. Almeno la stupida bint Maria Antonietta volevagli ordini inferiori per mangiare la torta (solo che non si rendeva conto che non ne avevano). Questo nuovo lotto si batte attivamente contro il consumo dell’equivalente della torta del 21° secolo: carne, calore, viaggi facili. ‘ Non farli mangiare la torta’ è il grido dell’eco-aristocratico.

Il problema qui non è l’ipocrisia, anche se senza dubbio abbonda. È il fatto che l’ambientalismo del COP26 è ora l’ideologia centrale della nuova classe dirigente del COP26. L’inverdimento delle élite è stato uno degli sviluppi più straordinari degli ultimi due decenni. In tutto l’Occidente, il pensiero verde è stato abbracciato praticamente da ogni ala dell’establishment, dalle élite politiche alla classe dei media, dal regno dell’istruzione al mondo della cultura popolare.

L’ideologia della nuova élite

E non è difficile capire perché. È l’ideologia perfetta per le nostre élite in mare. Permette loro di creare un senso di urgente scopo morale: stanno salvando il pianeta, nientemeno! Si presta magnificamente, o meglio, in modo terrificante, al progetto di ingegneria sociale: abbassa i tuoi orizzonti, impara a vivere con meno, riconcepisci te stesso come una creatura distruttiva che ha bisogno di un controllo dall’alto verso il basso piuttosto che un essere creativo che potrebbe aiutare per spingere l’umanità in avanti. Naturalizza i limiti del capitalismo, incoraggiando le persone a fare pace con l’austerità e la recessione sulla base del fatto che la crescita economica è una cattiva idea che sfrutta la natura. Ed è un’ideologia molto difficile da sfidare. Lo schieramento di The Science per sostenere questa ideologia della classe dominante significa che chiunque la metta in discussione – chiunque richieda più crescita, più ambizione, unpiù grande impronta umana – può essere rapidamente liquidata come un flagello antiscientifico, come un “negatore” delle verità rivelate della climatologia. La sua ingegneria sociale, il suo controllo sociale e la sua rigida e censurata gestione delle aspirazioni sociali sono ciò che rende l’ideologia verde così attraente per le nuove élite.

La COP26 aiuterà a consolidare questa neo-aristocrazia. E, stranamente, la sinistra farà il tifo. La sinistra una volta disse: ‘Noi non predichiamo un vangelo di miseria e scarsità, ma di abbondanza… Non chiediamo una limitazione delle nascite, una miseria parsimonia e l’abnegazione. Chiediamo una grande produzione che fornisca a tutti, e più di quanto tutte le persone possano consumare.’ ( Sylvia Pankhurst.) Ora supplica i super ricchi di trovare idee sempre più creative su come tenere a freno le abitudini sporche e i sogni materiali delle masse. Che disastro. Non è il cambiamento climatico a rappresentare la più grande minaccia per l’umanità all’inizio del 21° secolo. È la perdita di fiducia della borghesia nel suo progetto storico e la sua arrogante generalizzazione di quella perdita di fede in una nuova ideologia “verde” davanti alla quale tutti dobbiamo inchinarci. Una rivolta contro l’ambientalismo è probabilmente la causa più necessaria della nostra epoca. Chi è dentro?

Brendan O’Neill – Spiked Online

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Europarlamentari contro il Green Pass: il discorso di Christine Anderson [VIDEO]
L’europarlamentare tedesca Christine Anderson scuote il Parlamento europeo con il [...]
Puzzer, decisione shock: “Foglio di via e divieto soggiorno”
È ufficiale: la democrazia parlamentare in Italia è ufficialmente un [...]
COP26, la colossale presa per i fondelli delle élite
La COP26 si prepara a essere uno spettacolo grottesco. Stiamo per [...]
La protesta di Trieste e le sospette ordinanze anti-assembramento
La protesta di Trieste è sempre più scomoda, a quanto [...]

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.