Cina

No, il Coronavirus non renderà la Cina più forte (Nye)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

In che modo la pandemia di coronavirus rimodellerà la geopolitica? Molti commentatori prevedono la fine di un’era di globalizzazione che ha prosperato sotto la guida degli Stati Uniti dal 1945. Alcuni vedono un punto di svolta in cui la Cina supererà gli Stati Uniti come potenza globale. Certamente ci saranno cambiamenti, ma bisogna stare attenti a credere che i grandi eventi abbiano grandi effetti. Ad esempio, la pandemia di influenza del 1918-1919 uccise più persone della prima guerra mondiale, tuttavia i cambiamenti globali duraturi che si verificarono nei successivi due decenni furono una conseguenza della guerra, non della malattia.

La globalizzazione – o l’interdipendenza tra i continenti – è il risultato di cambiamenti nella tecnologia dei trasporti e della comunicazione, che è improbabile che cessino. Alcuni aspetti della globalizzazione economica come il commercio saranno ridotti, ma i flussi finanziari lo saranno di meno. E mentre la globalizzazione economica è influenzata dalle leggi dei governi, altri aspetti della globalizzazione come la pandemia e il cambiamento climatico sono determinati più dalle leggi della biologia e della fisica. Muri, armi e tariffe non fermano i loro effetti transnazionali, sebbene una profonda e persistente stagnazione economica li rallenterebbe.

Le crisi degli ultimi decenni

Questo secolo ha visto tre crisi in due decenni. Gli attacchi terroristici dell’11 settembre non hanno ucciso molte persone, ma come il jujitsu, il terrorismo è un gioco in cui un giocatore più piccolo può usare lo shock dell’orrore per creare un impatto sproporzionato sull’agenda dell’avversario. La politica estera americana è stata profondamente distorta dalle scelte fatte in uno stato di panico che ha portato a lunghe guerre in Afghanistan e Iraq. Il secondo shock, la crisi finanziaria del 2008, ha provocato la Grande Recessione, che ha generato il populismo nelle democrazie occidentali e rafforzato i movimenti autocratici in molti Paesi. Il pacchetto di stimoli rapido, massiccio e di successo della Cina è in contrasto con la risposta ritardata dell’Occidente, che porta molti a prevedere che la Cina sarebbe in procinto di diventare il leader economico mondiale.

Anche le prime risposte alla terza crisi del secolo, la pandemia di coronavirus, hanno preso la strada sbagliata. Sia il presidente cinese Xi Jinping sia il presidente degli Stati Uniti Donald Trump hanno iniziato con la negazione e la disinformazione. I ritardi e l’offuscamento hanno perso tempo cruciale per i test e il contenimento e l’opportunità di cooperazione internazionale è stata sprecata. Invece, dopo aver imposto costosi blocchi, le due maggiori economie del mondo si sono impegnate in battaglie di propaganda. La Cina ha incolpato le forze armate statunitensi per la presenza del virus a Wuhan e Trump ha parlato del “virus cinese”. L’Unione europea, con un’economia all’incirca delle dimensioni di quella degli Stati Uniti, si è sfaldata. Eppure a un virus non potrebbe importare di meno dei confini o della nazionalità delle sue vittime.

L’incompetenza della sua risposta ha danneggiato il potere reputazionale (o morbido) degli Stati Uniti. La Cina ha fornito aiuti, ha manipolato le statistiche per motivi politici e si è impegnata in una vigorosa propaganda, il tutto nel tentativo di trasformare la narrativa del suo fallimento iniziale in una risposta benevola alla pandemia. Tuttavia, gran parte degli sforzi di Pechino per ripristinare il suo soft power è stata trattata con scetticismo in Europa e altrove. Questo perché il soft power si basa sull’attrazione. La migliore propaganda non è la propaganda stessa.

La Cina è debole nel soft power

Nel soft power, la Cina parte da una posizione debole. Nonostante i grandi sforzi da quando l’ex presidente Hu Jintao ha annunciato l’obiettivo di accrescere il soft power del Paese al 17 ° Congresso Nazionale nel 2007, Pechino ha creato i suoi ostacoli esacerbando le controversie territoriali con i paesi vicini e con la sua insistenza sul controllo repressivo del partito, che impedisce al pieno talento della società dall’essere liberato nel modo in cui accade nelle democrazie. Non sorprende che sondaggi e classifiche dell’opinione pubblica globale come il Soft Power 30 classifichino la Cina con un potere debole. Non sorprende che i sondaggi e le classifiche dell’opinione pubblica globale come il Soft Power 30 mostrino la Cina debole nel soft power. I primi 20 posti dell’indice sono detenuti dalle democrazie.

Anche nell’hard power, l’equilibrio che favorisce gli Stati Uniti non sarà modificato dalla pandemia. Sia l’economia americana che quella cinese sono state colpite duramente, così come quelle degli alleati europei e dell’Asia orientale degli Stati Uniti. Prima della crisi, l’economia cinese era cresciuta di due terzi rispetto a quella degli Stati Uniti (misurata ai tassi di cambio), ma la Cina è entrata in crisi con un rallentamento del tasso di crescita e un calo delle esportazioni. Pechino ha anche investito molto nel potere militare, ma rimane molto indietro rispetto agli Stati Uniti e potrebbe rallentare i suoi investimenti militari in un clima di bilancio più sfavorevole. Tra le altre cose che la crisi ha messo in luce, la Cina ha bisogno di ingenti spese per il suo inadeguato sistema sanitario.

No, il Coronavirus non renderà la Cina più forte

Cina

Inoltre, gli Stati Uniti hanno vantaggi geopolitici che persisteranno nonostante la pandemia. La prima è la geografia: è delimitata da oceani e vicini amichevoli, mentre la Cina ha dispute territoriali con Brunei, India, Indonesia, Giappone, Malesia, Filippine, Taiwan e Vietnam. Un secondo vantaggio è l’energia: la rivoluzione del petrolio e del gas di scisto ha trasformato gli Stati Uniti da un importatore di energia in un esportatore netto. La Cina, d’altra parte, dipende fortemente dalle importazioni di energia che attraversano il Golfo Persico e l’Oceano Indiano, dove gli Stati Uniti hanno la supremazia navale. Anche gli Stati Uniti hanno vantaggi demografici: nel prossimo decennio e mezzo, secondo una ricerca della Adele Hayutin della Stanford University, la forza lavoro statunitense crescerà probabilmente del 5 percento, mentre la Cina si ridurrà del 9 percento, principalmente a causa della sua precedente politica del figlio unico. La popolazione in età lavorativa della Cina ha raggiunto il picco nel 2015 e l’India passerà presto la Cina come nazione più popolosa del mondo. E a malapena ha bisogno di ripetere che il potere degli Stati Uniti deriva anche dal suo posto in prima linea nello sviluppo di tecnologie chiave tra cui la biotecnologia, la nanotecnologia e la tecnologia dell’informazione. Gli Stati Uniti e altre università di ricerca occidentali dominano l’istruzione superiore.

Tutto ciò suggerisce che è improbabile che la pandemia COVID-19 provi una svolta geopolitica. Ma mentre gli Stati Uniti continueranno a detenere la maggior parte delle carte a suo favore, decisioni politiche sbagliate potrebbero indurre Washington a giocare male queste carte. Scartare gli assi delle alleanze e delle istituzioni internazionali sarebbe una decisione sbagliata. Un altro sarebbe una severa restrizione all’immigrazione. Molto prima di questa crisi, quando ho chiesto all’ex primo ministro di Singapore Lee Kuan Yew perché non pensava che la Cina avrebbe presto superato gli Stati Uniti come potenza globale, una delle ragioni per cui ha citato era la capacità degli Stati Uniti di attingere ai talenti del mondo intero e ricombinarli in diversità e creatività. Dato il suo nazionalismo etnico Han, questo tipo di apertura sarebbe impossibile per la Cina.

In alternativa, una nuova amministrazione americana potrebbe prendere spunto dai presidenti statunitensi post-1945 di cui descrivo i successi nel mio libro  Do Morals Matter? Presidenti e politica estera Da FDR a Trump . Gli Stati Uniti potrebbero lanciare un massiccio programma di aiuti COVID-19, una versione medica del Piano Marshall. Come ha recentemente sostenuto l’ ex segretario di Stato americano Henry Kissinger, i leader dovrebbero scegliere un percorso di cooperazione che porti alla resilienza internazionale. Invece di competere nella propaganda, i leader potrebbero articolare l’importanza del potere piuttosto che su altri e creare quadri bilaterali e multilaterali per rafforzare la cooperazione. I paesi ricchi dovrebbero rendersi conto che ondate ricorrenti di COVID-19 interesseranno i paesi più poveri meno in grado di far fronte e che un tale bacino idrografico dei paesi in via di sviluppo danneggerebbe tutti se si riversasse verso nord in una ripresa stagionale. Fu così nel 1918, quando la seconda ondata della pandemia uccise più persone della prima. Sia per motivi di interesse personale che umanitari, gli Stati Uniti dovrebbero guidare il G-20 in generosi contributi a un nuovo importante fondo COVID-19 aperto a tutti i paesi.

Se un presidente degli Stati Uniti dovesse scegliere tali politiche di cooperazione e di potenziamento del soft-power, qualcosa di buono potrebbe ancora uscire dalla pandemia: un percorso geopolitico verso un mondo migliore. Se le politiche statunitensi proseguiranno sulla strada attuale, tuttavia, il nuovo coronavirus accelererà semplicemente le tendenze esistenti verso il populismo nazionalista e l’autoritarismo. Ma è ancora troppo presto per prevedere una svolta geopolitica che cambierebbe radicalmente le relazioni di potere tra Stati Uniti e Cina.

(di Joseph S. Nye Jr.  – da Foreign Policy)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Polonia, trionfa Duda: perdono Soros e Bruxelles
In Polonia è vittoria dei sovranisti. Come riporta l'agenzia Agi, [...]
Moda: così è diventata sempre più “gender” e meno sexy
“Sono solo canzonette” titolava una famosa canzone di Edoardo Bennato [...]
“Transfobica”: il politicamente corretto contro JK Rowling
J.K. Rowling di nuovo nel mirino del mondo Lgbt per [...]
Hezbollah: da partito libanese a potenza regionale (parte 1)
Hezbollah (il Partito di Dio in arabo) è una formazione [...]
Scroll Up