Wuhan

Tutto ciò che sappiamo sul laboratorio di Wuhan e il coronavirus

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Sono emerse nuove prove che il coronavirus che sta devastando il globo potrebbe essere uscito da un laboratorio scarsamente attrezzato a Wuhan, in Cina, dove i ricercatori stavano conducendo esperimenti rischiosi sulle malattie virali. Nel marzo 2018, gli Stati Uniti hanno inviato diplomatici scientifici al Wuhan Institute of Virology, che diffusero due cables diplomatici “sensibili” su misure di sicurezza inadeguate in laboratorio, secondo il Washington Post , che cita fonti di intelligence.

L’accusa dagli Usa: Covid-19 uscito dal lavoratorio

Wuhan

Il primo cable ha messo in guardia dagli esperimenti condotti in laboratorio sul coronavirus nei pipistrelli che “rappresentavano il rischio di una nuova pandemia simile alla SARS”, secondo il rapporto. Il cable, scritto da due funzionari dell’ambasciata USA-Cina, afferma che “c’è una grave carenza di tecnici e investigatori adeguatamente formati necessari per operare in sicurezza in questo laboratorio ad alto contenimento”, secondo il rapporto. Il laboratorio di Wuhan stava ricevendo aiuti da organizzazioni statunitensi, incluso un laboratorio presso la Medical Branch dell’Università del Texas, ma il cable suggeriva che gli Stati Uniti avrebbero dovuto fornire ulteriore supporto perché la ricerca era così pericolosa.

I cables dovevano “suonare l’allarme” sulle condizioni di sicurezza in laboratorio – e i funzionari dell’ambasciata chiedevano un maggiore supporto del laboratorio per aiutare a risolvere i suoi problemi, fonti hanno riferito al Post. Non ci sono prove che suggeriscano che il coronavirus che sta attraversando il globo sia stato progettato in un laboratorio, ma ciò non esclude la possibilità che fuggì dall’Istituto di Virologia di Wuhan o da un altro laboratorio simile a miglia di distanza nella città cinese. Al presidente Trump è stato chiesto della possibilità al briefing stampa della Casa Bianca mercoledì e ha detto che gli Stati Uniti stavano indagando sulle origini. “Sempre più ascoltiamo la storia … stiamo facendo un esame molto approfondito di questa orribile situazione”, ha detto.

Fox News mercoledì ha riferito che i funzionari dell’amministrazione credono con “crescente fiducia” che lo scoppio sia stato causato da un esperimento in un laboratorio di Wuhan. Le fonti che hanno parlato con Fox News hanno affermato che probabilmente c’era uno “paziente zero” che lavorava in laboratorio ed era stato infettato lì, per poi andarsene e diffonderlo nella popolazione della città.

Una cosa che è chiara, secondo le fonti del canale di notizie, è che c’è uno sforzo concertato tra i funzionari cinesi per nascondere qualsiasi suggerimento che il virus sia in qualche modo sfuggito da un laboratorio. I funzionari del paese hanno indicato un mercato come il presunto zero dello scoppio – ma fonti hanno riferito a Fox che il mercato non ha mai venduto pipistrelli. Probabilmente un tentativo di deviare la colpa dai laboratori di Wuhan, secondo fonti di Fox.

Mercoledì sera il segretario di Stato Mike Pompeo ha dichiarato in rete che gli Stati Uniti stanno lavorando per collegare i punti. “Quello che sappiamo è che sappiamo che questo virus è nato a Wuhan, in Cina. Sappiamo che c’è il Wuhan Institute of Virology a poche miglia di distanza da dove si trovava il mercato bagnato “, ha detto. “C’è ancora molto da imparare. Dovresti sapere che il governo degli Stati Uniti sta lavorando diligentemente per capirlo ”, ha aggiunto. Il Wuhan Institute of Virology è stato lanciato nel 1978 dopo che una serie di altri istituti di ricerca della città si sono fusi per formare l’attuale laboratorio, secondo il suo sito Web in lingua inglese .

L’istituto ha iniziato a costruire l’attuale “laboratorio nazionale di biosicurezza” a Wuhan nel 2005 dopo l’epidemia di SARS del 2003, si legge nel sito. Il moderno edificio che ospita il laboratorio, vicino al fiume Yangtze a Wuhan, è stato completato nel 2015 e ha ricevuto “certificato di riconoscimento e autenticazione per l’installazione e la messa in servizio dell’attrezzatura di protezione critica”, si legge nel sito. Oggi ospita centri di ricerca per 37 gruppi disciplinari separati, tra cui un “nuovo centro di ricerca sulle malattie infettive”. Vanta anche una Commissione accademica con un ufficio per studenti laureati.

(Dal New York Post)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Sovranisti, sveglia! Sbarchi super e UE cannibale, altro che “5 furbetti”
Sovranisti, sveglia, non è il momento di indignarsi per le [...]
Brasile, ecco la petizione contro George Soros
Dal Brasile parte una grande raccolta firme contro il magnate [...]
Imagine “comunista” e la ridicola politicizzazione dell’arte
Hanno fatto discutere le dichiarazioni di Giorgia Meloni in merito [...]
Processateci tutti. Ora. Da cittadini, da amministratori, da politici
Processateci. Fatelo il prima possibile. Questo pensiamo, dopo ciò che [...]
Scroll Up