Viktor Orbán: "Ungheria cristiana, no al multiculturalismo"

Viktor Orbán: “Ungheria cristiana, no al multiculturalismo”

In un’intervista rilasciata la scorsa settimana, il primo ministro ungherese Viktor Orbán ha sottolineato che l’Ungheria è stata una parte dell’Europa per 1.000 anni e che i critici di Budapest all’interno Unione europea sono sconvolti perché la costituzione dell’Ungheria afferma che il paese ha «radici cristiane», rifiuta il «multiculturalismo», che ogni bambino ha «diritto a una madre e un padre» e che il paese ha il diritto di «difendere i propri confini», specialmente contro la minaccia islamista.

Riguardo alle critiche da parte di Bruxelles, Orbán ha osservato: «Non sono preoccupato per i processi di Bruxelles. Mia nonna mi ha insegnato ad essere umile nelle avversità. Devo sopportare tutto questo. Non posso fare nulla se non mettermi nelle mani di Dio».

«Ciò che offende maggiormente i nostri avversari» ha sottolineato il Primo ministro Viktor Orbán «è il fatto che nella nostra Costituzione abbiamo scritto che l’Ungheria ha radici cristiane; che qui non c’è posto per il multiculturalismo; che un bambino ha il diritto di avere una madre e un padre; e che la nostra nazione ha il diritto di difendere i suoi confini – che sono anche i confini dell’Unione europea». Il primo ministro ha inoltre espresso grande preoccupazione per la natura divisiva dell’islamizzazione in alcuni paesi dell’Ue.

«Se ci lasciano in pace e non ci impongono l’islamizzazione, l’Europa può vivere come un club di nazioni libere», ha affermato. «Se, tuttavia, ci costringono ad accettare il patto migratorio delle Nazioni Unite o le decisioni della Commissione europea, allineandoci con la loro permissiva politica occidentale, non posso escludere la disintegrazione dell’unione».

(La Redazione)

 

 

 

 

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Lampedusa, ora il sindaco Martello è per l’accoglienza: le élite ignorano la volontà popolare
Ora il sindaco di Lampedusa Totò Martello è per l'accoglienza. [...]
Gramellini contro i “kattivisti”: il solito moralismo chic
Massimo Gramellini si schiera a difesa del fenomeno Greta Thunberg e [...]
Non si muore più nel Mediterraneo, ma agli immigrazionisti non va giù
Solo un morto ritrovato nel 2019. Quanto ai dispersi, se [...]
Oltrelalinea attiva il chatbot
Dopo il restyling del sito web, stiamo cercando di utilizzare [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter