PD: "La mafia non ha nazionalità". Ma solo quando è immigrata

PD: “La mafia non ha nazionalità”. Ma solo quando è immigrata

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

“La mafia non ha nazionalità”. Parola dei deputati PD. Pur di lanciare emergenze razzismo, ormai è bene chiudere gli occhi, per l’ennesima volta. Dobbiamo crederci?

A dir la verità, la cultura che viene (anche) da sinistra non ha fatto altro che generalizzare l’italiano medio, oltre che quale analfabeta funzionale, come corrotto e mafioso. La declinazione locale, poi, c’è sempre stata in generale: mafia siciliana, ‘ndangheta calabrese, camorra napoletana eccetera. Per non parlare del banalissimo apostrofo sul “clan dei casalesi”, non tale per chissà quale ostilità verso gli abitanti di Casal di Principe, ma per una ovvia constatazione di fatto.

Improvvisamente, per i signori della sinistra parlamentare diventa fondamentale non etichettare, neanche le organizzazioni. Niente definizioni, per carità, qualificare una provenienza è razzista e discriminatorio. La criminalità organizzata – adesso – non ha bandiera e non ha passaporto.

PD: "La mafia non ha nazionalità". Ma solo quando è immigrata

Il motivo? L’impossibilità, spalle al muro, di negare l’esistenza della mafia nigeriana ormai infiltratasi nel nostro tessuto sociale anche grazie all’accoglienza indiscriminata. S’intenda, un’impossibilità al seguito di un paio d’anni prima di aperto diniego del fenomeno, poi di squallido tentativo di definirlo “subappalto” per gentile concessione della ben più cattiva Cosa Nostra italiana (qui si può usare, tranquilli, non è razzista).

Qualcuno ha giustamente affermato che a questo punto sarebbe il caso anche di proibire le proiezioni di una intera cinematografia hollywoodiana descrivente la criminalità italiana trapiantata nel Nord America, ma ci sentiamo di respingere il suggerimento: sono considerazioni che valgono solo se riguardano immigrati clandestini da accogliere ad ogni costo in questo disgraziato Paese.

(di Stelio Fergola)

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
E dei “1300 morti al giorno” previsti ad aprile nessuna traccia
"Con le riaperture rischiamo 1300 morti al giorno". Così profetizzava [...]
Per il PD “tutto Zaki” chi è già italiano può rimanere nelle carceri in Marocco
Barricate per l'egiziano Zaki, silenzio tombale per l'italo-marrocchina Fatima (nome [...]
La riforma della giustizia è una priorità, come quella costituzionale
Riforma della giustizia, una priorità congelata da decenni. Ieri il [...]
Lo strano concetto di “legge Anti-LGBT” dei progressisti
In Ungheria è entrata in vigore oggi la famigerata legge [...]
Scroll Up

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.