"L'epoca dei muri": in ere di migrazioni di massa, l'ultima balla dei progressisti

“L’epoca dei muri”: in ere di migrazioni di massa, l’ultima balla dei progressisti

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Dopo il turpe editoriale di Antonio Polito di qualche giorno fa sul Corriere della Sera (La nuova epoca segnata dai muri: Nel 1989 erano 16 oggi sono 63) arriva su Instagram la copertina di questo libro.

Polito era stato capace di accomunare la Grande Muraglia Cinese e i Comuni italiani medievali quali esempi di “apertura”, decontestulizzando completamente la storia della prima (troppo peculiare l’esperienza cinese, considerato lo spazio davvero enorme) e inventando deliberatamente sui secondi, oltre a cucinare un pasticcio totale tra muri e confini, mettendo ancora in piedi la storiaccia senza senso del muro di Berlino, ovvero non un confine tra nazioni ma una costruzione del tutto relativa ad una determinatissima e quasi irripetibile circostanza storica.

“L’epoca dei muri”, messa o no nel titolo di un libro, è l’ultima invenzione della cultura progressista e globalista. Se ci sono più recinzioni (che non vuol dire confini) è solo perché da 40 anni si sta attuando una guerra senza quartiere ai concetti di regole, di nazionalità, di cittadinanza, di frontiere, riducendole ai minimi termini con i risultati drammatici ai quali stiamo assistendo nell’Europa “avanzata”. È ovvio che qualcuno reagisca a un crimine del genere.

Onestà intellettuale sarebbe chiamarla per quello che è: epoca senza frontiere e senza regole. Ma a rivoltare le frittate, da sponda sinistra, sono sempre stati dei campioni assoluti.

(di Stelio Fergola)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Perché il PD di Letta rappresenta l’ennesima caduta della sinistra
Il PD e le sue manifestazioni esterne: una nuova riflessione. [...]
Hezbollah: possibile apertura di un ufficio di rappresentanza a Mosca
Secondo quanto riferito da SouthFront, Hezbollah e alcuni membri del [...]
Giornalisti contro i poveri: il resoconto della settimana
È stata una settimana in cui i giornalisti hanno scaricato [...]
La stampa mainstream che odia il popolo [VIDEO]
La stampa mainstream odia il popolo. Odia la gente. Odia [...]
Scroll Up

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.