Finiamola con l'odio anti-nazionale

Finiamola con l’odio anti-nazionale

 

Il sentimento anti-nazionale, sia che derivi da una logica radical chic o che sia frutto di semplice ignoranza, è uno dei problemi più radicati in Italia. Col tempo si è andata a creare, attraverso i media e la cultura di massa, un’immagine ribelle ed anticonformista che vede la sua affermazione nell’odio verso il proprio Paese.

Il tricolore è uno straccio privo di significato, uno straccio che va strappato perché opprime la libertà dei semicolti e degli pseudo-rivoluzionari nostrani ed ecco allora che parte la diffamazione del concetto di patria: chi ricorda il centenario della nostra entrata in guerra o chi celebra l’Unità d’Italia è bollato come anacronistico o fascista. Le stesse istituzioni non possono parlare di Italia senza proporre un discorso retorico che va a sminuire la nazione, negandone i meriti e alimentando il pregiudizio e l’avversione.

L’anti-patriottismo è una tradizione stabile nella nostra repubblica sin dalla sua fondazione; durante la prima repubblica vigeva una visione patriottica formale usata a fini propagandistici che nel concreto si rivelava assolutamente mendace (basti pensare alla Dc che svendeva la nostra sovranità agli USA ed a Togliatti che, complice di Tito, si scagliava contro gli esuli istriani e giuliano-dalmati).

In tempi più recenti questa avversione è diventata una vera e propria moda. Questa è la moda della “generazione Erasmus”, di chi finiti gli studi vuole andare all’estero a prescindere, di chi si sente un leone a gridare lo slogan “morire per la patria, morire per nulla”, di chi sputa sull’inno perché lo considera “da bigotti”.

Il paradosso è quello di chi giustifica questo ragionamento sfoderando logiche socialisteggianti o progressiste dando un’ulteriore prova di ignoranza: sono forse coscienti questi individui dell’importanza del concetto di patria nella visione socialista di uomini come Chavez o Che Guevara? La nazione, che la si veda da ogni colore politico, è la massima espressione della comunità e non ci si può prefiggere la ricerca del bene comune propugnando allo stesso tempo la lotta contro ciò che rappresenta il nostro popolo.

Oggi più che mai riconoscersi nel tricolore è un atto rivoluzionario, popolo e nazione sono un binomio inscindibile e non una negazione come sostengono molti intellettuali salottieri. Prendere coscienza della propria identità è indispensabile per poter dar vita a un azione realmente rivoluzionaria, per questo una bandiera è più ispiratrice di qualsiasi discorso esterofilo da finto conoscitore del mondo, per questo l’unione di popolo smaschera l’idiozia di un Black Block e supera i vagheggiamenti del discorso autonomista. Dunque, per dar vita a qualcosa di nuovo e concreto, non si può che ripartire dal concetto di nazione.

(di Antonio Pellegrino)

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Per una giustizia italiana meno “liberale”
Lo stato della giustizia italiana riflette perfettamente alcune dinamiche che [...]
Ecco chi è Juan Guaidò, il golpista al servizio di Washington
Chi è veramente Juan Guaidò, l'autoproclamato Presidente ad interim del [...]
Censura a Bologna: impedita presentazione de “L’inganno antirazzista” di Stelio Fergola [VIDEO]
Impedita la presentazione, impedito il dibattito. Qualche blog "cittadino" l'aveva [...]
“L’UE? Si dissolverà come l’Unione Sovietica”: la previsione di George Soros
La «maggioranza addormentata degli europeisti» deve «svegliarsi» prima che l'Unione [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook