Waukesha

Le bugie dei media mainstream sul massacro di Waukesha

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Immaginate che la stampa principale sia semplicemente scomparsa un giorno: che per uno strano e miracoloso corso di eventi, i principali organi societari siano semplicemente svaniti dalla faccia della terra. Il popolo americano, e la nostra repubblica, starebbero peggio di come sono adesso? Potremmo anche stare meglio? È il tipo di cattivo pensiero che passa per la testa quando ci si confronta con il ruolo dei giornalisti mainstream nell’alimentare i disordini razziali in questo paese e nel modificare attivamente le percezioni pubbliche degli eventi quando quegli eventi minano la narrativa mediatica di una nazione suprematista bianca che caccia il suo nero cittadini per lo sport. 

“Il malcostume giornalistico” non inizia a descrivere il problema. Ciò che questi punti vendita hanno inflitto alla nazione negli ultimi anni, e specialmente dopo l’omicidio di George Floyd a Minneapolis, è decisamente criminale.

L’ultima esplosione di furfanteria dei media è arrivata in risposta al massacro della parata di Waukesha della scorsa settimana che ha ucciso sei innocenti, incluso un bambino di 8 anni, e ne ha feriti più di 40. biasimo te per aver pensato che l’omicidio fosse opera di un SUV senziente e malvagio, e non di Darrell Brooks Jr., un uomo di colore con una lunga fedina penale e una storia di razzismo anti-bianco.

“Ecco quello che sappiamo finora sulla sequenza degli eventi che hanno portato alla tragedia di Waukesha causata da un SUV”, ha twittato il  Washington Post  il 24 novembre, giorni dopo che era stata stabilita la vera natura dell’evento (il tweet è stato poi cancellato). L’articolo di fondo era leggermente migliore: Brooks non si è fatto vedere fino al quinto paragrafo, e per tutto il giornale il giornale ha continuato a riferirsi al veicolo, non al suo conducente, come il trasgressore.

Domenica, nel frattempo, la CNN ci ha informato che “Waukesha terrà un momento di silenzio” per commemorare “una settimana da quando un’auto ha attraversato una parata di Natale in città”. Che macchina terribile e schifosa. Brutta macchina.

La mia voce preferita nel genere è arrivata per gentile concessione di David Begnaud, il principale corrispondente nazionale della CBS, che ha twittato il 23 novembre che una sesta persona, un bambino, “è morta nello schianto della parata del Wisconsin”. Guarda la pura determinazione di un corrispondente di notizie di rete nel trasformare una follia omicida apparentemente intenzionale da parte di un devoto di Black Lives Matter in un semplice incidente, il genere di cose che purtroppo si verificano decine di volte al giorno in tutto il paese.

Andiamo: è dolorosamente ovvio perché giornalisti ed editori, inclusi editori di social media sempre più influenti, si rivolgano a trucchi così economici del mestiere di hacker di fronte a una figura come Brooks. L’uomo capovolge in ogni modo la storia che i media, e le nostre élite più in generale, hanno fatto girare sulla razza in America. Come documenta Pedro L. Gonzalez  sul suo prezioso blog Substack ,

post sui social media [di Brooks]  presentano una serie di punti di vista estremisti, dall’incoraggiare “eliminare i bianchi” e renderli schiavi, al sostenere Black Lives Matter, il Black Panther Party  e i  Black Jewish Israelites , un gruppo militante  di  odio della supremazia nera . In una delle sue canzoni rap, Brooks  si vantava di essere un “terrorista” e un “assassino in città”.

Tutto questo è estremamente scomodo per la nostra classe dirigente. Quindi deve essere aerografato via.

È vero che i media hanno sempre, beh, mediato la verità per lettori e spettatori. Le testate giornalistiche nazionali e internazionali sono nate perché nessuno riesce a capire cosa sta succedendo nella propria città, tanto meno nella nazione o nel mondo. Servire i bisogni del consumatore di media implica necessariamente modellare la pila quotidiana di notizie in narrazioni relativamente compatte e, sì, interessanti.

Eppure una linea chiara distingue questo compito legittimo (di curare e inquadrare) dalla  propaganda in stile Pravda in favore del potere e delle potenti ideologie. I media aziendali americani hanno attraversato quella linea molto tempo fa; lo spudorato, sostenere-il-consenso-DC-a- tutti-costi-tamburi per la guerra in Iraq è stata una delle prime trasgressioni.

La narrativa razziale di oggi è roba di livello successivo, come dicono i bambini. Non mi ricorda niente quanto il modo in cui i media europei coprono i crimini e gli attacchi terroristici commessi dai recenti migranti dal Medio Oriente e dal Nord Africa: spesso non si apprende che l’assassino era un migrante fino agli ultimi paragrafi della storia, se affatto. Le frontiere aperte sono una priorità per le classi dirigenti europee, e così giornalisti ed editori aerografano, ad esempio, il fatto scomodo delle donne violentate dai “richiedenti asilo” a Monaco.

“Seguire la storia ovunque ti porti”? Sì, non più.

Considerate la copertura mediatica di Nick Sandmann, il liceale cattolico immediatamente inquadrato dai media come razzista perché… sorrise a un anziano nativo-americano che gli stava odiosamente sbattendo un tamburo in faccia. O di Kyle Rittenhouse, che i principali media sapevano  essere un razzista, sulla base di esattamente zero prove. Sandmann ha fatto causa ai suoi diffamatori, costringendo la CNN e il  Washington Post a stabilirsi. Ora girano voci secondo cui Rittenhouse fa la stessa cosa, anche se finora i suoi portavoce insistono sul fatto che non ci sono piani immediati.

Dico di provarci, Kyle. Le tasche dei proprietari dei media sono profonde, ma non infinitamente. Non possiamo desiderare la CNN e simili. Ma le vittime dei media dovrebbero contrattaccare il più forte possibile con tutti i mezzi legali. “Non scherzare con me, per paura che io ti faccia del male” – c’è qualche altro principio che governa la vita pubblica americana in questi giorni?

(the American Conservative)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
“I non vaccinati sono i nuovi Kulaki”, dice Tucker Carlson
Tucker Carlson della FNC ha fatto un duro confronto con [...]
USA e Russia: Putin propone un accordo di pace
Tra USA e Russia non metter dito, si potrà dire. [...]
In Germania un quarto degli anziani vive in povertà
In Germania , quasi un quarto delle persone di età superiore agli [...]
L’isteria del progressismo woke porta l’occidente verso la rovina
Se l'ignoranza è beatitudine, il mondo occidentale dovrebbe essere estatico. Anche [...]

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.