Il caso Azione Cattolica Castel Lucio, atei codardi travestiti da cattolici

Il caso Azione Cattolica Castel Lucio, atei codardi travestiti da cattolici

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Azione Cattolica di Castel Lucio, gruppo presumibilmente piccolo della nota organizzazione giovanile, ci ha appena dato un saggio del penoso livello di fede che contraddistingue il mondo dei cristiani odierni, nella fattispecie cattolici. Più che altro ci ha dato un saggio del proprio livello di ateismo, profondo ma soprattutto completamente indifferente a qualsiasi cosa riguardi vagamente Gesù Cristo, la Bibbia e tutti i loro insegnamenti.

Azione Cattolica Castel Lucio: i cattolici che dicono sì ai generi random

Chi scrive non è un credente di ferro, non è ateo, non conduce una vita da cristiano modello, anzi tutt’altro. L’unica cosa che non tollera è l’ipocrisia di chi si spaccia per credente e poi è complice del progressismo imperante, nella sua opera di distruzione di qualsiasi valore insindacabile di qualsiasi religione che voglia definirsi tale.

Nel caso specifico, la Chiesa – oltre a non poter approvare le unioni omosessuali di qualsiasi tipo – non può né dovrebbe prestare il fianco alla campagna pro DDLZan. I motivi dell’inutilità della legge li abbiamo già discussi, ma più di tutto abbiamo approfondito i motivi del perché la legge di per sé sia pericolosissima non solo per la libertà di espressione che tanto si dice di voler difendere, ma anche perché sdogana un principio – quello dell’identità sessuale random e a seconda di come ci si sveglia la mattina, come potete verificare leggendone i contenuti –  che con i principi cattolici non è conciliabile in nessun modo.

In nessun modo, cara Azione Cattolica, o sarebbe più giusto chiamarvi Azione Atea?

Il caso Azione Cattolica Castel Lucio, atei codardi travestiti da cattolici

Azione Cattolica, censori, codardi, atei in favore del verbo progressista

Non solo i signori di Azione Cattolica Castel Lucio sono in sintonia con la fede più o meno quanto io sono in sintonia con il taglio e cucito, ma non accettano nemmeno critiche. Il sottoscritto ha provato a commentare sotto il post di elogio del DDL Zan, ma non era possibile farlo, come mostra lo screen sottostante.

Azione Cattolica Castel Lucio

Preso dalla voglia di denunciare qualcosa di oggettivamente inaccettabile, decido di commentare in un post sottostante, in cui i commenti sono liberi, in questo modo.

Azione Cattolica Castel Lucio

Poco dopo, viene cancellato. E c’è una nuova limitazione ai commenti, non solo per quel post ma anche per quelli successivi. Scendo un po’ più in basso e ne trovo un altro libero. Un post sulla settimana santa! Una ricorrenza da veri cattolici, da autentici cristiani! Che meraviglia. E con la Bibbia bene in vista! Bravi!

Azione Cattolica Castel Lucio

Decido di rispondere lì sotto, alzando un minimo i toni giusto perché sia chiaro un concetto.Azione Cattolica Castel Lucio

Indovinate un po’? Commento cancellato! E di nuovo, limitazione a qualsiasi cosa non sia approvata da questo gruppetto di poveri e miserabili atei, con in più pure la superbia di definirsi credenti, di postare sulla pasqua, sulla fede, sul creato. Che tristezza.

Come me, anche altri subiscono la stessa sorte. Almeno così lascia supporre il fatto che neanche questo commento, al momento, sia presente.Azione Cattolica Castel Lucio

Che dire dunque della fantastica Azione Atea di Castel Lucio? Non molto più del fatto che sono dei codardi, dei vigliacchi e dei censori. Che con Gesù Cristo hanno a che fare – e non ho paura di dirlo – perfino meno di me. Che sfioro l’ateismo ogni giorno, sono un peccatore irrecuperabile, seriale, un disastro senza mezzi termini. Questo per dare un’idea del livello bassissimo in cui si trovano.

Perché “cattolici” come questi producono altri atei. E mi fanno venire voglia di diventare definitivamente ateo domani mattina. Buffoni e tristi.

(di Stelio Fergola)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Fedez, perché non hai parlato dei lavoratori di Amazon?
Fedez poteva dire tante cose, sul palco del Primo Maggio. [...]
Restrizioni e coprifuoco, un racconto di ordinaria follia pandemica
Quello che segue è un episodio realmente accaduto. Così le [...]
No, il 1 maggio non è il 25 aprile: ecco perché
Sbaglia chi mette il 1 maggio (come del resto, in [...]
Ai tempi del Covid la proprietà non è più un diritto?
Com’è noto, la crisi del covid sta provocando conseguenze disastrose [...]
Scroll Up

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.