Glenn Greenwald - guerra al terrore

“Ecco la nuova guerra al terrore di Biden: così limita le libertà individuali”

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Le ultime due settimane hanno inaugurato un’ondata di retorica nel nome della lotta al “terrorismo” che sembra evocare i peggiori eccessi della prima Guerra al Terrore iniziata quasi vent’anni fa. Questa tendenza non mostra alcun segno di regresso man mano che ci allontaniamo dalla rivolta del Campidoglio del 6 gennaio. È vero il contrario: si sta intensificando.

Abbiamo assistito a un’orgia di censura da parte dei monopoli della Silicon Valley, una Washington, DC visibilmente militarizzata con una “Zona verde”, e la promessa del Presidente eletto e dai suoi alleati chiave per un nuovo disegno di legge sul terrorismo domestico e frequenti accuse di “sedizione”, “tradimento” e “terrorismo” contro membri del Congresso e cittadini. Tutto questo è guidato da una radicale espansione del significato di “incitamento alla violenza”. È accompagnato da suppliche virali sui social media al fine di collaborare con l’FBI per consegnare i propri concittadini ( See Something, Say Something! ) E richieste per un nuovo sistema di sorveglianza domestica.

Alla base di tutto ciò ci sono insinuazioni immediate che chiunque metta in dubbio qualcosa di tutto ciò deve, in virtù di questi dubbi, nutrire simpatia per i terroristi e la loro ideologia neonazista, suprematista bianca. I liberali hanno trascorso così tanti anni in una stretta alleanza con i neocon e la CIA che stanno facendo sembrare la versione del 2002 di John Ashcroft il presidente della (vecchia scuola) ACLU uno scherzo. 

"Ecco la nuova guerra al terrore di Biden: così limita le libertà individuali"I fautori più onesti di questa nuova Guerra al Terrore domestica ammettono esplicitamente di volerla modellare sulla prima. Un giornalista del New York Times ha osservato lunedì che un “ex funzionario dell’intelligence su PBS NewsHour” ha detto “che gli Stati Uniti dovrebbero pensare a una ‘Commissione 11/9’ per l’estremismo interno e considerare di applicare qui alcune delle lezioni dalla lotta contro Al Qaeda a casa.” Più sorprendentemente, il generale Stanley McChrystal – per anni capo del Joint Special Operations Command in Iraq e comandante della guerra in Afghanistan – ha paragonato esplicitamente quella guerra a questa nuova, parlando a Yahoo News :

Ho visto una dinamica simile nell’evoluzione di al-Qaeda in Iraq, dove un’intera generazione di giovani arabi arrabbiati con prospettive molto scarse ha seguito un potente leader che ha promesso di riportarli indietro nel tempo in un posto migliore, e li ha abbracciare un’ideologia che ha giustificato la loro violenza. Questo sta accadendo ora in America … Penso che siamo molto più avanti in questo processo di radicalizzazione e stiamo affrontando un problema molto più profondo come paese, di quanto la maggior parte degli americani si renda conto.

Chiunque, nonostante tutto ciò, nutra ancora dubbi sul fatto che la rivolta del Campidoglio sia e sarà l’11 settembre neoliberista e che una nuova Guerra al Terrore sia stata implementata nel suo nome, deve solo guardare i due brevi video clip qui sotto, che chiarirà i loro dubbi per sempre. È come essere catapultati da una diabolica macchina del tempo nel laboratorio di messaggistica di Paul Wolfowitz del 2002.

Il primo video, segnalato da Tom Elliott , è tratto dal programma Morning Joe di lunedì mattina su MSNBC (lo spettacolo che probabilmente ha fatto di più per aiutare Donald Trump a diventare il candidato del GOP rispetto a qualsiasi altro). Presenta Jeremy Bash – uno degli apparentemente innumerevoli dipendenti delle reti di notizie televisive che in precedenza ha lavorato nella CIA e nel Pentagono di Obama – che chiede che, in risposta alla rivolta del Campidoglio, “reimpostiamo il nostro intero approccio di intelligence”, incluso “guardando [ing] a una maggiore sorveglianza su di loro “, aggiungendo:” l’FBI dovrà gestire fonti riservate “. Vedi se rilevi differenze tra ciò che gli agenti della CIA ei neocon dicevano nel 2002 quando chiedevano il Patriot Act e una maggiore sorveglianza dell’FBI e della NSA e ciò che questo funzionario della CIA diventato analista di NBC-News sta dicendo qui:

Il secondo video presenta la straordinaria dichiarazione dell’ex funzionario della sicurezza di Facebook Alex Stamos, che parla con il preoccupatissimo conduttore della CNN Brian Stelter, sulla necessità per le società di social media di usare le stesse tattiche contro i cittadini statunitensi che hanno usato per rimuovere l’ISIS da Internet – “In collaborazione con le forze dell’ordine” – e che quelle tattiche dovrebbero essere dirette direttamente a quelli che lui chiama “influencer conservatori” estremisti.

“La libertà di stampa viene abusata da questi attori”, ha proclamato l’ex dirigente di Facebook. Stamos ha notato quanto sia stato generoso lui e i suoi compagni fino ad ora: “Abbiamo dato molto margine di manovra – sia nei media tradizionali che nei social media – a persone con una gamma molto ampia di opinioni”. Ma non più. Ora è il momento di “riportarci tutti nella stessa realtà consensuale”.

In un momento di spontaneità involontaria, Stamos ha notato il vero problema: “Ci sono persone su YouTube, ad esempio, che hanno un pubblico più ampio rispetto alle persone sulla CNN diurna” – ed è tempo che la CNN e altri canali mainstream si impossessino del monopolio dell’informazione divulgazione a cui hanno diritto divinamente togliendo le piattaforme di coloro che le persone vogliono effettivamente guardare e ascoltare:

Se non sei ancora convinto, e se riesci a sopportarlo, puoi anche guardare Joe Scarborough e Mika Brzezinski di MSNBC che urlano letteralmente che un rimedio necessario alla rivolta del Campidoglio è che l’amministrazione Biden deve “chiudere” Facebook. Chiudere Facebook ).

Le richieste di un sequel di Guerra al terrore – una versione domestica completa di sorveglianza e censura – non sono limitate agli host via cavo privi di rating e ai demoni dello stato di sicurezza. Il Wall Street Journal riporta che “Mr. Biden ha detto che intende dare la priorità  all’approvazione di una legge contro il terrorismo interno , ed è stato sollecitato a creare un incarico alla Casa Bianca che sovrintenda alla lotta contro gli estremisti violenti di ispirazione ideologica e aumentando i fondi per combatterli “.

Nel frattempo, il membro del Congresso Adam Schiff (D-CA) – non solo uno dei membri più disonesti del Congresso, ma anche uno dei più militaristi e autoritari – ha proposto dal 2019 un disegno di legge per modificare semplicemente il disegno di legge anti-terrorismo straniero esistente per consentire il governo degli Stati Uniti di invocare esattamente gli stessi poteri in patria contro i “terroristi interni”.

Perché queste nuove leggi sul terrorismo sarebbero necessarie in un paese che già imprigiona più cittadini di qualsiasi altro paese al mondo a causa di una serie di leggi penali molto aggressive? Quali atti dovrebbero essere criminalizzati dalle nuove leggi sul “terrorismo interno” che non sono già considerate criminali? Non lo dicono mai, quasi certamente perché – proprio come era vero per la prima serie di nuove leggi sulla Guerra al Terrore – il loro vero scopo è criminalizzare ciò che non dovrebbe essere criminalizzato: discorso, associazione, proteste, opposizione alla nuova coalizione di governo.

La risposta a questa domanda: cosa deve essere criminalizzato se non è già un crimine? – a malapena sembra importare. I media e le élite politiche hanno messo quanti più americani possibile – ed è molto – in modalità di paura e panico in piena regola, e quando ciò accade, le persone sono disposte ad accettare qualsiasi cosa ritenuta necessaria per fermare quella minaccia, come prima La guerra al terrorismo, ancora forte vent’anni dopo, si è rivelata decisamente.


Un intero libro potrebbe – e probabilmente dovrebbe – essere scritto sul perché tutto questo è così preoccupante. Per il momento, è fondamentale sottolineare due punti.

In primo luogo, gran parte dell’allarmismo e della paura sono guidati da una deliberata distorsione di ciò che significa per parola “incitare alla violenza”. L’imbastardimento di questa frase è stato alla base dell’impeachment frettoloso del presidente Trump la scorsa settimana. È anche ciò che sta guidando le richieste di espulsione e persino perseguimento di dozzine di membri del Congresso con l’accusa di “sedizione” per aver contestato la certificazione del Collegio elettorale, ed è anche al centro dell’ondata di azioni di censura già intraprese e ulteriormente repressive. misure urgenti.

"Ecco la nuova guerra al terrore di Biden: così limita le libertà individuali"

Questa frase – “incitamento alla violenza” – è stata anche ciò che ha guidato molti dei peggiori abusi della Guerra al Terrore. Ho passato anni a riferire su come numerosi giovani musulmani americani siano stati perseguiti ai sensi delle nuove e draconiane leggi antiterrorismo per il caricamento di video di YouTube contro la politica estera statunitense o per aver tenuto discorsi entusiasmanti contro gli americani ritenuti “incitanti alla violenza” e quindi fornire “supporto materiale “ Ai gruppi terroristici – la teoria esatta che il rappresentante Schiff sta cercando di importare nella nuova guerra interna al terrorismo.

È fondamentale chiedersi cosa significhi per la parola costituire “incitamento alla violenza” al punto da poter essere bandito o criminalizzato. L’espressione di qualsiasi punto di vista politico, specialmente quello espresso con passione, ha il potenziale per “incitare” qualcun altro ad arrabbiarsi così tanto da impegnarsi nella violenza.

Se inveisci contro le minacce alla libertà di parola poste dai monopoli della Silicon Valley, qualcuno che ti sente potrebbe essere così pieno di rabbia che decide di bombardare un magazzino di Amazon o un ufficio di Facebook. Se scrivi un bollente massacro che accusa attivisti pro-vita di mettere in pericolo la vita delle donne costringendole a tornare ad aborti non sicuri, o se sostieni che l’aborto è un omicidio, potresti benissimo ispirare qualcuno a impegnarsi nella violenza contro un professionista -un gruppo di vita o una clinica per aborti. Se avvii un movimento di protesta per opporti all’ingiustizia dei salvataggi di Wall Street – che tu lo chiami “Occupy Wall Street” o Tea Party – potresti indurre qualcuno a dare la caccia ai dirigenti di Goldman Sachs o Citibank che credono stiano distruggendo l’economia futuro di milioni di persone.

Se affermi che George W. Bush ha rubato le elezioni del 2000 e / o del 2004 – come hanno fatto molti Democratici, inclusi i membri del Congresso – potresti ispirare disordini civici o violenza contro Bush ei suoi sostenitori. Lo stesso vale se si sostiene che le elezioni del 2016 o del 2020 sono state fraudolente o illegittime. Se ti arrabbi contro la brutalità razzista della polizia, le persone possono incendiare edifici per protesta o uccidere agenti di polizia selezionati a caso che si sono convinti siano agenti di uno stato genocida razzista .

Il volontario della campagna di Bernie Sanders e partigiano democratico intransigente, James Hodgkinson, che è andato su un campo di softball nel giugno 2017 per uccidere i membri del Congresso repubblicano – ed è quasi riuscito a sparare fatalmente al rappresentante Steve Scalise (R-LA) – aveva trascorso mesi ascoltando i sostenitori radicali di Sanders e partecipando a gruppi di Facebook con nomi come “Terminate il Partito Repubblicano” e “Trump è un traditore”.

Hodgkinson aveva sentito più e più volte che i repubblicani non erano solo fuorviati, ma erano “traditori” e gravi minacce alla Repubblica. Come riportato dalla CNN , “i suoi programmi televisivi preferiti erano indicati come ‘Real Time with Bill Maher;’ “The Rachel Maddow Show;” “Democracy Now!” e altri programmi orientati a sinistra “. Tutta la retorica politica a cui è stato esposto – dai gruppi Facebook pro-Sanders, MSNBC e spettacoli di sinistra – ha indubbiamente giocato un ruolo importante nell’innescare il suo violento assalto e la decisione di uccidere i membri pro-Trump del Congresso repubblicano.

Nonostante il potenziale di tutti questi punti di vista di motivare gli altri a commettere violenza in loro nome – potenziale che a volte è stato realizzato – nessuna delle persone che esprimono quelle opinioni, non importa quanto appassionatamente, può essere validamente qualificata come “incitamento alla violenza” legalmente o eticamente. Questo perché tutto quel discorso è protetto e legittimo. Nessuno di essi sostiene la violenza. Niente di tutto ciò spinge gli altri a commettere violenza in suo nome. Il fatto che possa “ispirare” o “motivare” una persona mentalmente malata o un genuino fanatico a commettere violenza non rende la persona che abbraccia quelle opinioni e si impegna in quel discorso non violento colpevole di “incitamento alla violenza” in alcun senso significativo.

Per illustrare questo punto, ho spesso citato la sentenza sulla libertà di parola della Corte Suprema, cruciale e brillantemente motivata, in Claiborne c. NAACP. Negli anni ’60 e ’70, lo Stato del Mississippi cercò di ritenere responsabili i leader locali della NAACP sulla base del fatto che i loro accesi discorsi che sollecitavano il boicottaggio dei negozi di proprietà bianca “incitavano” i loro seguaci a bruciare negozi e attaccare violentemente i clienti che non onoravano protesta. L’argomento dello stato era che i leader NAACP sapevano che stavano metaforicamente versando benzina sul fuoco con la loro retorica infiammatoria per innervosire e arrabbiare le folle.

Ma la Corte Suprema ha respinto tale argomento , spiegando che la libertà di parola morirà se le persone saranno ritenute responsabili non dei propri atti violenti ma di quelli commessi da altri che li hanno sentiti parlare e sono stati motivati ​​a commettere crimini in nome di quella causa (enfasi aggiunta ):

La responsabilità civile non può essere imposta semplicemente perché un individuo apparteneva a un gruppo, alcuni membri del quale hanno commesso atti di violenza . . . .

[A] ny tale teoria fallisce per il semplice motivo che non ci sono prove – a parte i discorsi stessi – che [il leader NAACP citato in giudizio dallo Stato] abbia autorizzato, ratificato o direttamente minacciato atti di violenza. . . . . Imporre la responsabilità senza che si accerti che la NAACP ha autorizzato – effettivamente o apparentemente – o ratificato una condotta illegale, graverebbe in modo inammissibile sui diritti di associazione politica protetti dal Primo Emendamento. . . .

Sebbene lo Stato possa legittimamente imporre danni per le conseguenze di una condotta violenta, non può concedere un risarcimento per le conseguenze di un’attività non violenta e protetta. Possono essere recuperate solo le perdite prossimamente causate da una condotta illegale.

Allo stesso modo, il primo emendamento limita la capacità dello Stato di imporre la responsabilità a un individuo unicamente a causa della sua associazione con un altro.

La sentenza Claiborne si è basata sull’iconica sentenza del Primo Emendamento in Brandenburg v. Ohio , che ha ribaltato la condanna penale di un leader del KKK che aveva pubblicamente sostenuto la possibilità di violenza contro i politici. Anche sostenere esplicitamente la necessità o la giustificabilità della violenza per fini politici è un discorso protetto, ha stabilito la corte. Hanno ritagliato un’eccezione molto ristretta: “dove tale difesa è diretta a incitare o produrre azioni illegali imminenti ed è probabile che inciti o produca tale azione” – il che significa che qualcuno sta esplicitamente sollecitando una folla già riunita a una violenza specifica con l’aspettativa che lo farà fallo più o meno immediatamente (come stare fuori dalla casa di qualcuno e dire alla folla riunita:è ora di bruciarlo ).

Inutile dire che la giurisprudenza del Primo Emendamento sull ‘”istigazione” governa ciò che uno stato può fare quando punisce o limita la parola, non ciò che un Congresso può fare impeachmentando un presidente o espellendo i propri membri, e certamente non le società di social media che cercano di bandire le persone dalle loro piattaforme.

Ma ciò non rende irrilevanti questi principi su come interpretare “l’incitamento alla violenza” quando applicati ad altri contesti. In effetti, il ragionamento centrale di questi casi è vitale da preservare ovunque: che se la parola è classificata come “incitamento alla violenza” nonostante non sostenga esplicitamente la violenza, spazzerà via qualsiasi discorso politico che coloro che usano questo termine desiderano che includa. Nessun discorso politico sarà al sicuro da questo termine se interpretato e applicato in modo così ampio e disattento.

E questo è direttamente rilevante per il secondo punto. Continuare a elaborare dibattiti di questo tipo a Washington principalmente attraverso il prisma di “Democratici contro Repubblicani” o anche “sinistra contro destra” è un biglietto sicuro per la distruzione dei diritti fondamentali. Ci sono momenti in cui i poteri di repressione e censura sono diretti più a sinistra e momenti in cui sono diretti più a destra, ma non è né una tattica intrinsecamente di sinistra né una di destra. È una tattica di classe dominante e verrà utilizzata contro chiunque sia percepito come un dissidente degli interessi e delle ortodossie della classe dominante, indipendentemente da dove risiedono nello spettro ideologico.

Negli ultimi mesi la censura della Silicon Valley richiesta da politici e giornalisti ha preso di mira la destra, ma prima e contemporaneamente ha spesso preso di mira coloro che sono percepiti come a sinistra. Il governo ha spesso dichiarato “terroristi” i gruppi interni di destra, mentre negli anni ’60 e ’70 erano i gruppi di sinistra dediti all’attivismo contro la guerra a portare quella designazione . Nel 2011, la polizia britannica ha designato la versione londinese di Occupy Wall Street come un gruppo “terrorista”. Negli anni ’80, l’African National Congress fu così designato. “Terrorismo” è un termine amorfo che è stato creato, e sarà sempre usato, per mettere fuori legge un dissenso formidabile, indipendentemente dalla sua fonte o ideologia.

Se ti identifichi come un conservatore e continui a credere che i tuoi primi nemici siano di sinistra ordinaria, o ti identifichi come un uomo di sinistra e credi che i tuoi primi nemici siano cittadini repubblicani, cadrai perfettamente nella trappola tesa per te. Vale a dire, ignorerai i tuoi veri nemici, quelli che esercitano effettivamente il potere a tue spese: le élite della classe dominante, che in realtà non si preoccupano di “destra contro sinistra” e sicuramente non si preoccupano di “Repubblicano contro Democratico” – come evidenziato dal fatto che finanziano entrambi i partiti, ma invece si preoccupano solo di una cosa: la stabilità o la conservazione dell’ordine neoliberista prevalente.

A differenza di tanti comuni cittadini dediti alla banale guerra partigiana, queste élite della classe dirigente sanno chi sono i loro veri nemici: chiunque esca dai limiti e dalle regole del gioco che hanno creato e che cerchi di interrompere il sistema che preserva le loro prerogative e il loro status. Quello che ha espresso questo meglio è stato probabilmente Barack Obama quando era presidente, quando ha osservato – correttamente – che la guerra percepita tra le élite democratiche e repubblicane dell’establishment era per lo più teatro, e sulla questione di ciò in cui credono veramente , sono entrambi ” combattendo all’interno della linea delle 40 yard “insieme:

Un banchiere standard della Goldman Sachs o un dirigente della Silicon Valley ha molto di più in comune ed è molto più a suo agio, con Chuck Schumer, Nancy Pelosi, Mitch McConnell, Mitt Romney e Paul Ryan che con il normale cittadino americano. Tranne quando significa una presenza leggermente dirompente – come Trump – a malapena importa se i Democratici oi Repubblicani governano vari organi di governo, o se le persone che si definiscono “liberali” o “conservatori” salgono al potere. Alcuni membri di sinistra del Congresso, tra cui la deputata Alexandria Ocasio-Cortez (D-NY) e Ilhan Omar (D-MN) hanno affermato di opporsi a una nuova legge sul terrorismo interno , ma i Democratici non avranno problemi a formare una maggioranza collaborando con i loro alleati neocon GOP come Liz Cheney per farlo, come hanno fatto all’inizio di quest’annofermare il ritiro delle truppe dall’Afghanistan e dalla Germania.

Il neoliberismo e l’imperialismo non si preoccupano delle pseudo-lotte tra le due parti o dei litigi della TV via cavo del giorno. A loro non piace l’estrema sinistra o l’estrema destra. A loro non piace l’estremismo di alcun tipo. Non supportano il comunismo e non supportano il neonazismo o qualche rivoluzione fascista. A loro importa solo una cosa: privare di potere e schiacciare chiunque dissenta e minacci la loro egemonia. A loro interessa fermare i dissidenti. Tutte le armi che costruiscono e le istituzioni che assemblano – l’FBI, il DOJ, la CIA, l’NSA, il potere oligarchico – esistono per quell’unico ed esclusivo scopo, per rafforzare il loro potere ricompensando coloro che aderiscono alle loro devozioni e schiacciando coloro che lo fanno non.

Indipendentemente dalle vostre opinioni sulla minaccia rappresentata dal radicalismo islamico internazionale, sono stati commessi enormi eccessi nel nome di fermarlo o, più precisamente, le paure che ha generato sono state sfruttate per rafforzare e rafforzare le élite finanziarie e politiche esistenti. L’autorizzazione all’uso della forza militare – responsabile per vent’anni e oltre di guerra – è stata approvata dalla Camera tre giorni dopo l’attacco dell’11 settembre con un solo voto di dissenso . Il Patriot Act – che ha ampliato radicalmente i poteri di sorveglianza del governo – è stato emanato in sole sei settimanedopo quell’attacco, sulla base della promessa che sarebbe stato temporaneo e “tramontato” in quattro anni. Come le guerre generate dall’11 settembre, è ancora in pieno vigore, praticamente mai più dibattuto e prevedibilmente si è espanso ben oltre come era originariamente raffigurato.

La prima Guerra al Terrore finì per essere esercitata principalmente su suolo straniero, ma è stata sempre più importata su suolo nazionale contro gli americani. Questa nuova guerra al terrorismo – una guerra nazionale di nome fin dall’inizio e con lo scopo esplicito di combattere “estremisti” e “terroristi interni” tra i cittadini americani sul suolo americano – presenta l’intera sfilza di pericoli storicamente familiari quando i governi, sfruttando i media -Paure e pericoli generati, armarsi del potere di controllare l’informazione, il dibattito, l’opinione, l’attivismo e le proteste. Che una nuova guerra al terrorismo stia arrivando non è una questione di speculazione e non è dubbio. Coloro che ora esercitano il potere lo dicono esplicitamente. L’unica cosa che è in dubbio è quanta opposizione incontreranno da parte di coloro che apprezzano i diritti civili fondamentali più delle paure reciproche coltivate deliberatamente dentro di noi.

(di Glenn GreenwaldLa nuova guerra domestica contro il terrore sta arrivando)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Orban contro i colossi Big Tech: “Vogliono manipolare le nostre vite”
Il governo ungherese di Viktor Orban mette in guardia l'opinione [...]
Fenomenale stampa mainstream: “India al collasso per il covid” con lo 0,1% dei morti
Stampa mainstream e la fantomatica India al collasso per il [...]
Beppe, folgorato sulla via del garantismo
Lui è Beppe. Beppe trasforma ogni cosa che tocca in [...]
Caro Saviano, a te non frega un piffero, di chi muore in mare
"Caro Saviano", quante volte abbiamo iniziato così. Perché, a prescindere [...]
Scroll Up

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.