JK Rowling

“Transfobica”: il politicamente corretto contro JK Rowling

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

J.K. Rowling di nuovo nel mirino del mondo Lgbt per le sue posizioni sui transessuali. Come riporta l’agenzia Adnkronos, Sembra non avere fine la polemica sulle affermazioni di J. K. Rowling giudicate “transfobiche”. L’autrice della saga di Harry Potter è tornata sull’argomento dopo che due dei più grandi siti di fan del maghetto hanno preso le distanze dai suoi commenti defininendoli “dannosi e fuorvianti”. I due siti (The Leaky Cauldron e MuggleNet), che insieme totalizzano circa un milione di utenti, hanno anche annunciato di non voler più pubblicare link al sito web della Rowling e nemmeno sue foto, sottolineando che avrebbero scritto di lei solo per il suo ruolo di creatrice del mondo di Harry Potter. La Rowling non aveva commentato la presa di posizione fino ad oggi, quando ha rotto il silenzio dopo che il fondatore di MuggleNet, Emerson Spartz, le ha espresso sostegno pubblicamente.

Rowling criticata perché dice la verità

“Dopo ore di bruciore allo stomaco e ritmo frenetico, ho deciso che, come fondatore di MuggleNet, devo dire qualcosa”, ha scritto Spartz. “Non posso credere di doverlo dire ma JK Rowling non è transfobica.” Rowling ha ritwittato Spartz e ha scritto: “Grazie, Emerson, per essere quello che ho sempre pensato che fossi”, aggiungendo l’emoji di un fulmine, simbolo della cicatrice di Harry Potter. Poco dopo, la scrittrice è tornata a polemizzare rispondendo a delle offese che le arrivavano su Twitter. Ad un utente che la accomunava a quelle donne che “si risentono con le proprie ovaie perché regalano emozioni e sentimenti”, ha risposto ironica: “Certo. Senza le mie ovaie non avrei sentimenti o emozioni. Mio marito è fondamentalmente un robot di carne incapace di provare dolore o piacere, mentre io, con le mie ovaie, sono un vortice frenetico di emozioni vertiginose”. Ma quando un altro utente le ha scritto che stava di nuovo discriminando le donne trans perché loro non hanno le ovaie, è sbottata: “Allora chi ha scritto il primo tweet può parlare delle mie ovaie ma a me non è permesso di parlare delle mie ovaie perché tu non hai le ovaie? Mi pare giusto”, ha concluso.

Rowling

 

La scrittrice contro la barbarie dei bimbi trans

Jk Rowling si è scagliata contro la folle pratica dei bimbi transessuali. “Molti operatori sanitari temono che i giovani alle prese con la loro salute mentale vengano deviati con ormoni e interventi chirurgici quando questo potrebbe non essere nel loro interesse”, ha insistito Rowling in un tweet, riferendosi agli interventi medici coinvolti nella “transizione” dei bambini da un “genere” ” ad un altro. “Molti, me compresa, credono che stiamo assistendo a un nuovo tipo di terapia di conversione per i giovani gay, che sono stati avviati su un percorso permanente di medicalizzazione che potrebbe comportare la perdita della loro fertilità e / o piena funzione sessuale”, ha avvertito.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Sovranisti, sveglia! Sbarchi super e UE cannibale, altro che “5 furbetti”
Sovranisti, sveglia, non è il momento di indignarsi per le [...]
Brasile, ecco la petizione contro George Soros
Dal Brasile parte una grande raccolta firme contro il magnate [...]
Imagine “comunista” e la ridicola politicizzazione dell’arte
Hanno fatto discutere le dichiarazioni di Giorgia Meloni in merito [...]
Processateci tutti. Ora. Da cittadini, da amministratori, da politici
Processateci. Fatelo il prima possibile. Questo pensiamo, dopo ciò che [...]
Scroll Up