Sanatoria Mentana

Sanatoria Bellanova, Mentana: “È un’occasione da non perdere”

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Sulla Sanatoria clandestini, Enrico Mentana è molto diretto: “Resta un settore, quello della filiera agro-alimentare, fatta di centinaia di migliaia di persone sotto scacco del caporalato che hanno questa occasione per emergere.”

Mentana, non nuovo a certe esternazioni favorevoli all’immigrazione clandestina, mascherata da solidarietà e da principio di sedicente eguaglianza antirazzista, stavolta si è superato, dichiarando apertamente il suo favore al profitto politico di una situazione che lui stesso definisce, in pratica, irripetibile.

Sanatoria, per Mentana è “un’occasione da non perdere”

Anche le parole del direttore del TG L7 non tradiscono intenzioni quasi ufficializzate: legalizzare i clandestini, e farlo senza gli impicci o quanto meno sfruttando la situazione di estrema debolezza del dibattito parlamentare. Mentana parla addirittura di “occasione da non perdere”, quasi a sottolineare che non ricapiterà mai di poter fare un passo in avanti così deciso sull’argomento.

E la sanatoria, ovviamente, viene giustificata da Mentana nello stesso modo in cui il pensiero unico giustifica da anni le numerose vergogne che cerca di tradurre in legge: quello di combattere l’illegalità, in realtà favorendola.

Come abbiamo avuto modo di riflettere già ieri, regolarizzare stipendi da 5 euro all’ora (perché così andrà a finire) non significa combattere nessunissimo caporalato, ma significa, semplicemente, renderlo legale. Significa rendere legale il dumping salariale a danno degli italiani, continuando a tenere bassissimi gli stipendi dei lavoratori agricoli, con il risultato di allontanare i connazionali disoccupati dal settore e poter urlare, ancora una volta, ai “lavori che non vogliono più fare”.

Sanatoria, Mentana, e “occasioni da non perdere”. Sull’ultimo punto è difficile non concordare. Per distruggere ancora di più l’Italia è difficile trovare situazione più propizia.

(di Stelio Fergola)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
E dei “1300 morti al giorno” previsti ad aprile nessuna traccia
"Con le riaperture rischiamo 1300 morti al giorno". Così profetizzava [...]
Per il PD “tutto Zaki” chi è già italiano può rimanere nelle carceri in Marocco
Barricate per l'egiziano Zaki, silenzio tombale per l'italo-marrocchina Fatima (nome [...]
La riforma della giustizia è una priorità, come quella costituzionale
Riforma della giustizia, una priorità congelata da decenni. Ieri il [...]
Lo strano concetto di “legge Anti-LGBT” dei progressisti
In Ungheria è entrata in vigore oggi la famigerata legge [...]
Scroll Up

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.