Trump immigrazione

Coronavirus, Trump blocca l’immigrazione verso gli Usa

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il presidente  degli Stati Uniti Donald Trump ha dichiarato nelle scorse ore che “sospenderà temporaneamente l’immigrazione” verso gli Usa per via della pandemia provocata dal Covid-19. Come riporta Breitbart, Trump ha dichiarato  nella giornata di ieri che bloccherà l’immigrazione verso gli Stati Uniti, decisione storica per il Paese a stelle e strisce. “Alla luce dell’attacco del nemico invisibile, nonché della necessità di proteggere i lavori dei nostri GRANDI cittadini americani, firmerò un ordine esecutivo per sospendere temporaneamente l’immigrazione negli Stati Uniti”, ha scritto Trump su Twitter.

Trump immigrazione

 

 

 

 

 

 

Trump blocca l’immigrazione verso gli Usa

L’imminente ordine esecutivo di Trump di mettere in pausa l’immigrazione negli Stati Uniti è ampiamente supportato dagli elettori americani. Un sondaggio Ipsos pubblicato questo mese ha scoperto che quasi otto su dieci americani, o circa il 79%, vogliono fermarsi completamente sull’immigrazione negli Stati Uniti Allo stesso modo, l’ultimo sondaggio del Pew Research Center rivela che oltre l’80% degli adulti americani definisce la migrazione di massa verso gli Stati Uniti una “minaccia”.

Per settimane Breitbart News ha raccontato il precedente storico di una moratoria sull’immigrazione durante i periodi di crisi nazionale. Durante la Grande Depressione, ad esempio, la disoccupazione di massa fu alleviata da importanti tagli ai livelli di immigrazione legale che rimasero al di sotto delle 100.000 ammissioni annuali per quasi 15 anni dal 1931 al 1945.

Almeno dal 1999, il sistema di immigrazione legale degli Stati Uniti ha consegnato prevalentemente carte verdi a cittadini messicani, cinesi e indiani. In un solo periodo di due anni, ad esempio 2000 e 2001, gli Stati Uniti hanno consegnato le carte verdi a oltre 100.000 cittadini cinesi. Dal 2016 al 2018, gli Stati Uniti hanno consegnato le carte verdi a quasi 220.000 cittadini cinesi e oltre 184.000 cittadini indiani – la stragrande maggioranza dei quali si unisce alla forza lavoro statunitense per competere per lavori contro gli americani.

Il Presidente Usa contro il globalismo e immigrazione

Trump scatenato contro i globalisti. Il presidente Donald Trump ha affermato sabato che la più grande eredità che il coronavirus lascerà agli Stati Uniti è che questi ultimi non avrebbero dovuto fare affidamento sulla Cina per le loro catene di approvvigionamento. “Abbiamo imparato molto sulle catene di approvvigionamento”, ha affermato Trump. “Abbiamo imparato che è bello fare cose negli Stati Uniti, lo dico da molto tempo”. Il presidente ha discusso la questione durante il briefing stampa della Casa Bianca, ricordando come la dipendenza americana sia nata dai pessimi accordi commerciali siglati nell’era Obama.

“Se c’è una lezione utile che viene dal Coronavirus”  è che “dovremmo produrre di più negli Stati Uniti”, ha detto. Trump ha promesso che come candidato sarà duro con la Cina e ha ricordato l’accordo commerciale siglato con Pechino. “Cosa succede quando sei in guerra e hai una catena di approvvigionamento in cui la metà delle tue forniture viene prodotta in altri paesi?”. Questo, ha sottolineato, “lo hanno pensato i globalisti e non funziona”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Alain de Benoist: “È guerra USA – Cina. L’Europa non cada nella trappola”
Traduciamo e riportiamo un'intervista ad Alain de Benoist apparsa su [...]
I Sentilenesi, la tribù che respinge la civiltà ed esalta il primivitismo
I Sentinelesi sono gli abitanti dell’isola di North Sentinel, un’isola [...]
Trump: l’imprevisto del deep state e delle élites globaliste
Mentre il mondo si interroga sul potere delle élite globaliste [...]
Trump e la lotta interna al Partito Repubblicano: è di nuovo fuoco “amico”
La lotta tutta interna al Partito Repubblicano americano tra il [...]
Scroll Up