Iside, Egitto

Iside, il culto e il mito della dea egizia

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Iside è un’antica dea egizia, associata alla dea precedente Hathor , e divenne la più popolare e duratura di tutte le divinità. Il suo nome deriva dall’egiziano Eset, (“il seggio“) che si riferiva alla sua stabilità e anche al trono d’Egitto, poiché era considerata la madre di ogni faraone e del re con Horus, figlio di Iside.

Come spiega Ancient, il suo nome è stato anche interpretato come la regina del trono, e il suo copricapo originale era il trono vuoto del marito assassinato Osiride. I suoi simboli sono lo scorpione (che la teneva al sicuro quando si nascondeva), l’aquilone (una specie di falco la cui forma assunse per riportare in vita suo marito), il trono vuoto e il sistro.

Viene regolarmente rappresentata come altruista, generosa, madre, moglie e protettrice, che pone gli interessi e il benessere degli altri davanti ai suoi. Era anche conosciuta come Weret-Kekau (“la Grande Magia“) per il suo potere e Mut-Netjer, “Madre degli dei“, ma era conosciuta con molti nomi a seconda del ruolo che stava svolgendo in quel momento. Come dea che ha portato l’inondazione annuale del Nilo che ha fertilizzato la terra, simbolo della vita.

Chi era Iside: dalla nascita di Horus alla decapitazione

Col tempo, Iside divenne così popolare che tutti gli dei erano considerati semplici aspetti di Iside ed era l’unica divinità egizia venerata da tutti nel paese. Lei e suo marito e suo figlio hanno sostituito la triade tebana di Amon, Mut e Khons, che era stata la trinità di divinità più popolare in Egitto.

Osiride, Iside e Horus sono indicati come la triade di Abydos. Il suo culto iniziò nel delta del Nilo e il suo santuario più importante era lì nel santuario di Behbeit El-Hagar, ma il culto di Iside alla fine si diffuse in tutte le parti dell’Egitto. Sia gli uomini che le donne adoravano Iside e senza dubbio i riti sulla sua adorazione venivano condotti sulla falsariga di altre divinità: un tempio fu costruito come la sua dimora terrena che ospitava la sua statua e questa immagine fu riverentemente curata dai sacerdoti e dalle sacerdotesse.

Il popolo egiziano fu incoraggiato a visitare il tempio per lasciare le offerte e fare suppliche, ma a nessuno, tranne il sommo sacerdote o sacerdotessa, fu permesso nel santuario dove risiedeva la statua della dea.

Iside
Una raffigurazione di Iside

Iside si nascose con Horus nelle paludi del delta del Nilo fino a quando suo figlio non fu completamente cresciuto e poté vendicare suo padre e reclamare il suo trono. Ha difeso il bambino dagli attacchi di serpenti e scorpioni. Ma poiché Iside era anche la sorella di Seth, vacillò durante la battaglia tra Horus e quest’ultimo. In un episodio Iside ebbe pietà di Seth e fu di conseguenza decapitata da Horus (la decapitazione fu invertita dalla magia). Alla fine lei e Horus si riconciliarono e Horus riuscì a prendere il trono d’Egitto.

Il culto di Iside: la dea del popolo egiziano

Il culto di Iside si trasformò in una religione misteriosa che prometteva i segreti della vita e della morte agli iniziati, che poi avevano giurato di mantenere il segreto. È noto che il culto prometteva la vita eterna a coloro che sono stati ammessi ai suoi segreti. Le persone che l’adoravano in tutto l’Egitto potevano o no essere state iniziate nel suo culto e, in entrambi i casi, non lasciavano traccia di come la dea fosse onorata.

Il suo tempio sull’isola di Philae nell’Alto Egitto sarebbe rimasto un luogo di pellegrinaggio attivo per migliaia di anni fino alla sua chiusura nel VI secolo d.C. dall’imperatore cristiano Giustiniano. Nel suo ruolo di “dea del trono”, era considerata la madre di tutti i re, ma la sua benevolenza non si limitava alla regalità.

È raffigurata in alcune storie e iscrizioni come una senzatetto, una vecchia, una moglie che cerca e piange il marito perduto, una madre in lutto per un bambino scomparso, una donna in lotta per la sua famiglia e tutte queste storie l’hanno identificata con la gente comune d’Egitto e suoi momenti più bui; per questo Iside divenne la dea di tutto il popolo egiziano, maschio e femmina, reale e comune, allo stesso modo. Insieme a suo marito Osiride, ha insegnato agli umani le arti dell’agricoltura e della medicina e ha istituito la pratica del matrimonio.

Le regine egiziane, su tutte Cleopatra, verranno considerate come neo Iside (nuove Iside). Rappresentazioni della divinità personificata.

Il tempio di Iside

Il primo grande tempio dedicato a Iside è stato costruito da re Nectanebo II (360-343 AC a Behbeit el-Hagar), sul delta del Nilo. Altri importanti templi, tra cui il tempio dell’isola di Philae , furono costruiti in epoca greco-romana quando Iside era dominante tra le dee egiziane.

Diversi templi le furono dedicati ad Alessandria, dove divenne la patrona dei marittimi. Da Alessandria il suo culto si diffuse in Grecia e Roma. Le immagini di Iside che allattava il bambino Horus potrebbero aver influenzato i primi artisti cristiani che rappresentavano la Vergine Maria con il bambino Gesù.

Il tempio dedicato a Iside

L’origine mitica della dea egizia

Nella mitologia, Iside è nata dopo la creazione del mondo. Secondo la versione più popolare del mito, una volta c’erano solo vorticose acque caotiche e oscurità nell’universo fino a quando, un giorno, un tumulo si levò dai mari con il dio Atum su di esso. Atum guardò il nulla eterno e riconobbe di essere solo, e così si accoppiò con la sua stessa ombra per dare alla luce Shu (dio dell’aria) e Tefnut (dea dell’umidità).
Queste due divinità lasciarono quindi il padre solo sul tumulo primordiale (noto come ben-ben ) e partirono per creare il mondo. Atum, solo sulla collina in mezzo al caos, desiderava i suoi figli e si preoccupava per la loro incolumità, così rimosse l’occhio e lo mandò in cerca di loro. Questo occhio sarebbe poi diventato una delle immagini più rappresentative di tutte le immagini egiziane: l’occhio che tutto vede (noto come Udjat eye o Eye of Ra).
Shu e Tefnut tornarono con l’occhio, non essendo riuscito a creare il mondo, e Atum era così felice di vederli, che iniziò a piangere. Mentre le sue lacrime cadevano sulla fertile terra del ben-ben , uomini e donne sorsero. Osiride sposò Iside e, come primogenito, assunse il dominio come Signore della Terra, con Iside come sua regina e consorte.

Leggi anche –> La tomba di Tutankhamon, la scoperta di Howard Carter

(La Redazione)
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Obamagate, Lindsey Graham: “Una vendetta politica contro Trump”
Negli Usa esplode lo scandalo Obamagate. Il senatore Lindsey Graham, [...]
Trump scatenato sui social, è la vittoria sul Deep State?
Trump scatenato sui social. Un Obamagate al giorno, a quanto [...]
Simona Mangiante a Vox Italia Tv: “Mifsud connesso alla western intelligence”
Simona Mangiante, moglie dell'ex advisor di Donald Trump George Papadopoulos, [...]
Al-Shabaab: ecco chi ha preso i soldi del riscatto della cooperante
Una doverosa premessa ,prima di parlare di Al-Shabaab: siamo ovviamente [...]
Scroll Up