Negozi al dettaglio: una riflessione sulla crisi del settore

Negozi al dettaglio: una riflessione sulla crisi del settore

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

I negozi al dettaglio erano un tempo il fiore all’occhiello dell’economia italiana. Insieme al piccolo artigianato e l’imprenditoria locale, senza dimenticare turismo ed economia statale. Oggi sono dei fantasmi a bordo strada. Le ragioni sono ben note e risalgono alla fine degli anni Ottanta, quando gradualmente i centri commerciali hanno cominciato a espandersi, da Nord a Sud, sul nostro territorio nazionale.

È certamente una semplificazione, ma molti di coloro che un tempo erano indipendenti piccoli imprenditori, oggi sono dipendenti all’interno di grosse catene. Spesso malpagati, con differenze di tenore di vita palpabili. I negozi al dettaglio però non hanno smesso di esistere. Sono le condizioni di sopravvivenza ad essere drammatiche.

Negozi al dettaglio: 1 su 4 non guadagna, meno del 20% ha speranze di chiudere l’anno in attivo

Un studio risalente ad agosto di quest’anno, a firma Confesercenti, denunciava che “solo il 18% degli imprenditori del commercio ritiene di chiudere l’anno con un bilancio positivo. Una media decisamente inferiore a quella delle altre imprese (34%) e anche alla quota di commercianti che indica una chiusura d’anno negativa: sono il 24%, sei punti percentuali in più della media delle piccole imprese”.

Rimarcando poi come la sfiducia sia il sentimento predominante: “un commerciante su due (48%) ritiene di avere, rispetto allo scorso anno, meno certezze, l’11% in più delle altre imprese. Solo il 10% dei negozianti si sente invece più sicuro. A spaventare il commercio indipendente è in primo luogo il rallentamento percepito della domanda dei consumatori, segnalata da un’impresa su tre (32%) come principale fattore di preoccupazione: la frenata della spesa fa addirittura più paura del fisco, indicato ‘soltanto’ dal 28% delle imprese, accompagnata però da un 22% che teme l’arrivo degli aumenti IVA. Non desta preoccupazione, invece, l’instabilità del governo, chiamata in causa dal 6%, fattore ritenuto più rilevante dalla media delle piccole imprese (15%).”

I piccoli negozi hanno un futuro?

La crisi del settore è irreversibile fin tanto ché è il sistema della globalizzazione sfrenata ad essere irreversibile. Il sistema dei centri commerciali, è noto, negli ultimi 20 anni ha ammazzato la piccola imprenditoria, i piccoli negozi e ovviamente gli stessi negozi al dettaglio. Secondo uno studio dell’anno scorso, le piccole attività hanno ridotto il proprio volume d’affari di quasi il 15% negli ultimi dieci anni, dal momento che “i consumatori preferiscono la grande distribuzione”. E il motivo è ovvio: prezzi più bassi a condizioni notevolmente vantaggiose, tra ingrosso e non solo. Impossibile competere.

Organi sistemici come l’UE, poi, non hanno perso occasione di farci ridere negli ultimi anni, lamentando “tasse troppo alte” per un contesto in cui – soprattutto grazie alle regole di Bruxelles – è impossibile abbassarle.

Ma il modello dell’ingigantimento economico esasperato ha dimostrato tutte le sue falle ed è indiscutibilmente in crisi, come Michael O’Sullivan, ex banchiere di investimenti ed economista presso l’Università di Princeton, ha sottolineato nel suo ultimo libro “The Levelling: What’s Next After Globalization”.

Riscoprire i mercati interni, l’attività economica indipendente del singolo individuo sembrano, in altre parole, oggi più che mai una necessità assoluta.

(di Stelio Fergola)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Sovranisti, sveglia! Sbarchi super e UE cannibale, altro che “5 furbetti”
Sovranisti, sveglia, non è il momento di indignarsi per le [...]
Brasile, ecco la petizione contro George Soros
Dal Brasile parte una grande raccolta firme contro il magnate [...]
Imagine “comunista” e la ridicola politicizzazione dell’arte
Hanno fatto discutere le dichiarazioni di Giorgia Meloni in merito [...]
Processateci tutti. Ora. Da cittadini, da amministratori, da politici
Processateci. Fatelo il prima possibile. Questo pensiamo, dopo ciò che [...]
Scroll Up