Putin

Sindrome russa: è facile incolpare Putin di tutto

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Quando migliaia di migranti si sono ammassati al confine polacco-bielorusso, il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki non ha perso tempo nell’identificare chi credeva fosse il vero colpevole. Il leader bielorusso Alexander Lukashenko era solo un “esecutore testamentario”, ha detto Morawiecki al suo parlamento. Il vero ‘abilitatore’ è stato ‘il presidente Putin, che mostra una determinazione a realizzare lo scenario della ricostruzione dell’impero russo, lo scenario a cui noi, tutti polacchi, dobbiamo opporci con forza’. Le colonne di profughi facevano parte della “politica neoimperialista della Russia”, ha detto Morawiecki. “Fanno parte di un attacco più coordinato, un nuovo tipo di guerra”.

Senza dubbio, i timori polacchi dell’imperialismo russo sono ben radicati nella storia. Altrettanto certamente, Putin ha molta forma nell’usare forme ibride di guerra, dalla disinformazione e le botnet ai torbidi delegati militari e soldati travestiti per influenzare le elezioni e invadere i vicini. Ma Putin è davvero dietro la decisione di Lukashenko di armare i migranti? Non ci sono prove che lo sia – e molti argomenti suggeriscono che l’ultima bravata di Lukashenko sia in realtà uno scomodo imbarazzo per il Cremlino.

Innanzitutto, Putin ha attualmente tutti gli incentivi per migliorare, anziché distruggere, le relazioni della Russia con l’Unione europea. La più grande vittoria strategica dell’anno del Cremlino è stata l’abolizione delle sanzioni da parte di Washington contro il gasdotto Nord Stream 2 di Gazprom a maggio. Ciò, combinato con la corsa europea alla decarbonizzazione sostituendo il carbone con l’energia a gas e l’aumento dei prezzi del gas che ne è derivato, rappresenta un’opportunità d’oro per la Russia. Bloccare più europei in contratti a lungo termine con Gazprom non solo riempie le casse del Cremlino, ma dà anche a Putin una leva politica sui suoi clienti. In tal senso, gli obiettivi della COP26 rappresentano un vantaggio economico e diplomatico a breve termine per la Russia.

L’agenda di Lukashenko è l’opposto. È disposto a usare ogni mezzo necessario per intimidire l’Europa. Sebbene non possieda il gas nei gasdotti che attraversano il territorio bielorusso, ha avvertito che: “Stiamo riscaldando l’Europa e ci stanno minacciando… E se interrompiamo le forniture di gas naturale?” Non sorprende che Putin sia intervenuto rapidamente per abbattere l’idea di chiudere i tubi del gas.

In secondo luogo, molto di recente Putin si è scagliato contro i pericoli di consentire ai migranti di entrare in Russia o in qualsiasi parte dell’ex Unione Sovietica. Ad agosto ha messo in guardia contro i “militanti travestiti da rifugiati” nel tentativo di dissuadere gli stati dell’Asia centrale dal cooperare con i piani statunitensi di ricollocare i fuggiaschi dal regime talebano. L’idea di incoraggiare attivamente migliaia di siriani, afghani e curdi ad entrare in Bielorussia, come sembra aver fatto Lukashenko, è contraria alla visione di Putin di proteggere il suo paese dal fondamentalismo islamico, soprattutto se quei migranti hanno poche o nessuna possibilità di entrare effettivamente in Europa.

Terzo, ci sono prove aneddotiche dall’interno della cerchia ristretta di Putin che è frustrato e persino arrabbiato per le buffonate di Lukashenko. “Luka[shenko] è il dolore numero uno nel didietro [di Putin] in questo momento”, dice un giornalista televisivo anziano del Cremlino che si reca alla residenza di Putin a Novo-Ogaryovo più volte alla settimana. ‘Vorrebbero sbarazzarsi di Lukashenko se potessero… Non è sotto il loro controllo e non lo è mai stato.’

Per il Cremlino, scatenare una guerra con l’UE per i rifugiati ora sarebbe in definitiva controproducente

Le attuali ossessioni gemelle di Putin – come evidenziato dai suoi discorsi e articoli di quest’anno – sono garantire che Washington non ignori la Russia e i suoi interessi e invertire il sostegno politico e militare degli Stati Uniti all’Ucraina. Ecco perché ha ammassato truppe al confine ucraino a marzo e di nuovo questo mese. Ma per raggiungere questi obiettivi ha bisogno di soldi europei e alleati europei. Per il Cremlino, scatenare una guerra con l’UE per i rifugiati ora sarebbe in definitiva controproducente.

“Non vedo solo alcuna prova di una mano russa, ma un profondo imbarazzo”, afferma Mark Galeotti dell’Istituto per le relazioni internazionali di Praga. Lukashenko può essere uno dei pochissimi alleati regionali rimasti di Putin, ma è uno scontroso e spesso recalcitrante, perfettamente capace di acrobazie indipendenti e spesso imbarazzanti. I russi ‘sfrutteranno la situazione il più possibile’, dice Galeotti. “Ma sono bloccati con Lukashenko e lui lo sa, e sta guidando le cose verso un confronto che Mosca non vuole assolutamente”.

Per essere chiari: il fatto che un’azione possa essere stupida, provocatoria e controproducente non è certo di per sé una prova che Putin non l’abbia fatto. Infatti il ​​’perché mai dovremmo fare una cosa così folle e stupida?’ l’argomento è noiosamente familiare dalle confutazioni ufficiali del coinvolgimento del Cremlino negli avvelenamenti di Skripal e Litvinenko. Ma la risposta ovvia a questa domanda retorica è: hai cercato di liquidare quelle ex spie voltagabbana perché pensavi di farla franca. L’assassinio di cittadini britannici sul suolo britannico con armi chimiche ha causato un massiccio contraccolpo diplomatico ed economico di gran lunga superiore a qualsiasi possibile beneficio per la Russia dall’eliminazione dei traditori della Patria. È stato peggio di un crimine: è stato un errore. Ma è stato un errore di esecuzione, non di strategia.

La crisi al confine bielorusso-polacco è l’opposto di un’operazione clandestina. È rumoroso, provocatorio e progettato per scatenare le paure più profonde dell’Europa di un’invasione di migranti. Inoltre, è anche destinato a fallire, perché Varsavia e Bruxelles non possono permettere a migliaia di rifugiati di invadere con successo i confini dell’Europa, per paura di incoraggiare imitazioni. Non è il tipo di lotta che Putin sceglie.

Tutte le azioni di Putin rientrano in uno spettro accuratamente definito da quelli che percepisce come gli interessi suoi e della Russia. Ha spesso torto ma raramente è irrazionale. Putin è stato in passato colpevole di molti atti illegali, sovversivi e apertamente criminali. Ma sulla crisi del confine con la Bielorussia, anche lui merita il beneficio del dubbio.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Robert Kennedy Jr a «VisioneTv»: «Green Pass forma di violenza»
«Il potere sta cercando di limitare i diritti civili e, [...]
Perché l’Occidente è una società di bambini
Società di bambini, espressione forse forte, ma motivata. Lo scorrere [...]
Bibbiano, condannato Foti: 4 anni
Condannato a 4 anni di reclusione – la Procura ne [...]
Grazie Mattarella, ci risparmi pure il suo bis
Il presidente Sergio Mattarella ci ha tenuto oggi a sottolineare [...]

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.