John Durham

John Durham incrimina il russo che voleva incastrare Trump

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La scorsa settimana abbiamo appreso che un gran giurì federale ha accusato il cittadino russo Igor Danchenko di cinque capi di imputazione per mentire all’FBI. Lo sviluppo ha prodotto una maggiore implicazione della colpevolezza della campagna di Clinton nella bufala della collusione Russia-Trump.

Sebbene Danchenko sia presunto innocente fino a prova contraria, l’atto d’accusa , firmato dal consigliere speciale John Durham, non dipinge un bel quadro per chiunque sia coinvolto nell’approvvigionamento e nella produzione del dossier Steele. Quel dossier è stato formato da un ex ufficiale dell’intelligence britannica, Christopher Steele. Ma coloro che sono coinvolti nello sviluppo del dossier ora sembrano essere degli imbecilli o dei bugiardi. Danchenko sembra rientrare in quest’ultima categoria.

L’incriminazione di Danchenko è arrivata sulla scia delle accuse presentate contro Michael Sussmann , un ex avvocato di Perkins Coie, per aver rilasciato false dichiarazioni all’FBI. Questi riguardavano “comunicazioni segrete” inesistenti tra la campagna di Trump e la Russia. Sussmann è accusato di aver detto all’FBI che stava fornendo informazioni come “cittadino preoccupato”, non rivelando che stava, in effetti, agendo per conto della campagna presidenziale di Hillary Clinton.

La campagna di Clinton ha mantenuto lo studio legale Perkins Coie per rappresentarla, con il suo ex partner, Marc Elias, come consigliere generale per la campagna. Perkins Coie ha quindi assunto una società di ricerca chiamata Fusion GPS per raccogliere ricerche sull’opposizione su Trump. Fusion GPS ha poi contratto con Steele, che a sua volta ha fatto affidamento su Danchenko come fonte primaria per parti sostanziali del dossier ora screditato.

L’accusa sostiene che Danchenko abbia inventato le informazioni che ha fornito o ottenuto parti di esse dall’agente democratico e confidente della Clinton Charles Dolan Jr. e che lo ha fatto senza rivelare – e, in seguito, mentendo apertamente – il fatto che Dolan fosse una fonte .

La Dolan, a sua volta, ha mentito a Danchenko, avendo inventato un incontro con un “amico del GOP” che avrebbe avuto informazioni sul funzionamento della campagna di Trump. Nessun incontro del genere ha avuto luogo, eppure questa affermazione inventata, e altre false informazioni fornite da Dolan, sono state inserite nel dossier.

Dolan è stato il presidente dello stato delle campagne presidenziali di Bill Clinton del 1992 e del 1996, consigliere della campagna presidenziale di Hillary Clinton del 2008 e, come dice l’accusa, “ha attivamente condotto una campagna e partecipato a chiamate ed eventi come volontario per conto di Hillary Clinton” nel suo campagna 2016. Da Elias e Sussmann a Perkins Coie a Fusion GPS a Dolan, la campagna di Clinton ha lasciato impronte su tutto il dossier Trump-Russia.

L’accusa afferma che Dolan ha effettivamente lavorato per il governo russo e una società energetica statale dal 2006 al 2014, gestendo le sue “relazioni globali”. In tale veste, ha “interagito spesso” con la “leadership senior della Federazione Russa”. Ironia della sorte, quindi, la campagna di Clinton, attraverso l’amico e socio di lunga data dei Clinton, aveva stretti legami con il governo russo.

Questa serie di eventi sarebbe quasi comica se la posta in gioco non fosse così alta, le accuse così gravi e la perversione del nostro sistema di giustizia così dannosa.

Ecco perché il lavoro di John Durham è così importante.

Come ha osservato il professore di legge della George Washington University Jonathan Turley , “Durham è conosciuto come un pubblico ministero metodico, apolitico e implacabile”. Mentre alcuni hanno espresso frustrazione per la lentezza delle sue indagini – questa è, dopo tutto, solo la terza accusa che ne deriva – Durham deve prendersi il suo tempo e scoprire tutti i fatti rilevanti.

Ricorda, l’FBI ha in parte fatto affidamento sulle accuse screditate del dossier per giustificare l’ottenimento di mandati del tribunale FISA per la sorveglianza intrusiva del consigliere della campagna Trump Carter Page. Dopo che il presidente Donald Trump ha licenziato l’allora direttore dell’FBI James Comey, è seguita un’indagine legale speciale. Ha afflitto la presidenza di Trump per anni ed è costato ai contribuenti statunitensi decine di milioni di dollari.

È fondamentale trovare tutti coloro che hanno abusato dell’immensa autorità di contrasto del governo federale per prendere di mira un avversario politico.

Zack Smith è un legale e Hans von Spakovsky è un legale senior nel Meese Center for Legal and Judicial Studies della Heritage Foundation.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Ecco l’Università Usa che si ribella al progressismo delirante
Che notizia fantastica! Sapevo che sarebbe successo e oggi è ufficiale: l'Università [...]
Armenia, viaggio in una Nazione del Cristianesimo
Laddove si è sempre resistito alle persecuzioni dell’uomo e oggi [...]
Scioperi e manifestazioni No Green Pass, situazione e prospettive
Dalla proclamazione degli scioperi del 15 ottobre, e più complessivamente [...]
La figuraccia della Lega
Sulla figuraccia della Lega e del suo appoggio al governo [...]

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.