destra

Elezioni: per vincere la destra deve fare la destra

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

È una sconfitta altamente prevedibile quella che il centro-destra ha subito in questa tornata di elezioni amministrative. Da Roma a Milano, passando per Torino – con l’eccezione di Trieste – nelle città cruciali del Paese soffia il vento del progressismo a guida dem. Già, perché se Enrico Letta può festeggiare, i cinque stelle hanno ben poco da gioire visto che sono letteralmente scomparsi dalla cartina politica italiana. Nondimeno, il loro apporto alla vittoria della sinistra – forse tranne a Roma – è risultato essere praticamente nulla e non percepibile. Ma torniamo al centro-destra: perché questa cocente sconfitta? Ci sono più risposte a questa domanda.

Perché la destra perde: Candidati deboli

Chi ha ascoltato Michetti durante la campagna elettorale romana ha potuto percepire la sua debolezza e la totale assenza di carisma, se non di preparazione. Diverso come profilo da Bernardo – candidato sconfitto a Milano da Beppe Sala – ma ugualmente insipido per gli elettori di centro-destra. Se quest’ultimo vuole vincere, deve fare una riflessione sulla propria classe dirigente e per città così importanti deve proporre il meglio, non dei candidati “civici” che nessuno conosce e che difficilmente l’elettorato imparerà a conoscere in poche settimane “clou” di campagna elettorale. Non si può imputare tutto ai media e alla loro partigianeria, alle inchieste ad orologeria, alle solite accuse di fascismo: un leader forte e carismatico non teme nulla.

Centro vs periferia

Il draghismo complica la vita è vero, giacché con un governo di unità nazionale viene a mancare per buona parte il cosiddetto voto di opinione.  Ma non è solo questo, anche se andrà fatta una riflessione approfondita sullo stato di salute della democrazia italiana in una fase nella quale la democrazia parlamentare è in profonda crisi e la maggioranza degli italiani vuole affidarsi a una tecnocrazia dell’uomo forte (Mario Draghi). Il punto è che se bisognava portare le periferie al voto e così non è stato perché ci si è concentranti troppo sui centri storici dove il Pd è sostanzialmente imbattibile (per via di fattori culturali, sociali, ecc.). Il centro-destra è apparso senza un suo dna, privato della sua identità.

Non è un problema di sovranismo

Chi sostiene che il centro-destra debba “abbandonare il sovranismo” parla del nulla. Se il centro-destra vuole diventare una copia della Cdu tedesca, auguri: meglio non dimenticare la lezione di Donald Trump. Per vincere la destra deve fare la destra e scrollarsi di dosso la sudditanza psicologica che prova verso la sinistra.

(di Roberto Vivaldelli)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Europarlamentari contro il Green Pass: il discorso di Christine Anderson [VIDEO]
L’europarlamentare tedesca Christine Anderson scuote il Parlamento europeo con il [...]
Puzzer, decisione shock: “Foglio di via e divieto soggiorno”
È ufficiale: la democrazia parlamentare in Italia è ufficialmente un [...]
COP26, la colossale presa per i fondelli delle élite
La COP26 si prepara a essere uno spettacolo grottesco. Stiamo per [...]
La protesta di Trieste e le sospette ordinanze anti-assembramento
La protesta di Trieste è sempre più scomoda, a quanto [...]

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.