Marco Valle Africa

Marco Valle racconta l’Africa: per ripensare un continente

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il mese scorso, in allegato con il Giornale, nelle edicole è comparso un libricino nero, opera di Marco Valle, giornalista e storico, direttore del sito d’informazione Destra.it, autore dei libri Confini e conflitti. Uomini, imperi e sovranità nazionali (Eclettica, 2014), Suez. Il Canale, l’Egitto e l’Italia; da Venezia a Cavour, da Mussolini a Mattei (Historica, 2018) e, per la collana “Fuori dal coro” (la stessa del pamphlet in questione) Le Pen, la donna che spaventa l’Europa (2017). Il volumetto è acquistabile sul sito della testata.

Marco Valle: sguardi e pensieri nuovi

Viaggiatore instancabile (e perciò nostalgico della libertà pre-Covid), il triestino Valle è sempre mosso da due avversioni: quella per i “pensieri corti” e quella per le banalizzazioni («semplificare è travisare»).

Già nell’introduzione, l’autore mette in guardia dai dogmi del terzomondismo (e dell’immigrazionismo), come fa Federico Rampini, giornalista di sinistra ma alieno da certo instupidimento globalista e conformista, citato nella prima pagina del pamphlet: “ogni sofferenza dell’umanità contemporanea si deve ricondurre alle colpe dell’Occidente, dell’uomo bianco… solo espiare le nostre colpe può appagare una sinistra che non apre mai i libri di storia”.

Senza però scadere nelle banalizzazioni di segno opposto, oppure in passatismi («una vulgata opposta e altrettanto errata quanto perdente») e semplificazioni dell’attualità («immaginando popoli perduti, trame criminali e confini blindati»), atteggiamenti accomunati dal rifiuto e dall’incapacità di guardare al futuro: i “pensieri corti” deplorati dall’Autore.

Ripensare seriamente la storia recente dell’Africa

Come notano Valle e Rampini, pensiero unico (globalista, mondialista o come dir si voglia) e semplificazione hanno imposto l’idea per la quale la stagione colonialista sia la causa di tutti i mali del Terzo Mondo; cui si aggiunge la convinzione che tale periodo (di fatto, una breve parentesi che, pur tragica, da sola non spiega le condizioni dell’Africa) vada espiato. Non affrontato, e magari risolto: espiato.

Questa “filantropia pelosa” ha la convenienza di far ritenere valido uno “schema irenico” fallimentare e dannoso, con conseguenze distruttive per tutti i continenti coinvolti. Per l’Europa, travolta da un’immigrazione dai numeri insostenibili; per l’Africa, dissanguata da un’emigrazione che la priva delle sue risorse umane. Le vittime sono da entrambe le parti: gli africani si trovano prima sulle carrette del mare, poi in nazioni per loro nuove dove devono scegliere se accettare lavori quasi gratuiti o, per disperazione, delinquere; gli europei subiscono il crollo del prezzo del lavoro e lo spropositato aumento del tasso di criminalità.
Ci guadagna chi diffonde la succitata caricatura di filantropia: chi sfrutta la manodopera sottopagata, e i trafficanti di esseri umani, che oltre a lucrare sul flusso migratorio si permettono il lusso di passare per benefattori, col plauso di pochi privilegiati e di tanti utili idioti: i primi fanno credere che il solo modo di salvare gli africani sia imbarcarli e sfruttarli, i secondi credono alla messinscena.

Se chi, da questa parte del Mediterraneo, prova a far chiarezza su questa atrocità di portata intercontinentale è tacciato di egoismo e crudeltà, qualcuno dall’altra sponda prova ad arginare questo disastro. Valle cita politici – il presidente del Ghana, Nana Akufo-Addo e quello del Ruanda, Paul Kagame – che intraprendono politiche per far restare i giovani in patria, e persino cantanti – Nahawa Doumbia nel Mali, e la Star Feminine Band nel Benin – che esortano i loro ascoltatori e non cadere nella trappola dell’emigrazione e nelle promesse con le quali i trafficanti di esseri umani (le ONG che qualche idiota, a volte per malizia altre per semplice dabbenaggine, chiama “salvatori di vite umane”) lucrano sulle loro speranze.

La Cina è vicina (all’Africa)

Il capitolo più lungo è il secondo: “African Renaissance e dragoni cinesi”. Il suo soggetto domina la scena africana, come fa con quella mondiale. Programmi di sviluppo economico (“Forum on China-Africa cooperation”), collegamenti economici permanenti (“China-Africa Economic and Trade Expo”) rette da investimenti enormi, gigantesche tratte ferroviarie (“China Road and Bridge Cooperation”) e tanto “soft power” (due network: CCTV News Channel e China Daily, e un’enorme organizzazione culturale: l’Istituto Confucio): l’impegno della Cina per fare dell’intero continente africano, nell’interesse d’entrambe le parti coinvolte, un suo satellite, è tanto colossale quanto fruttuoso: all’egemonia cinese sul continente nero sembra resistere soltanto la Francia.

Sfide tra leader europei

Tra gli interventi internazionali in Africa che Valle esamina, uno spazio a parte è dedicato ai paesi europei, e ai loro premier.
Il francese Emmanuel Macron (e la questione del franco africano, «oggetto in Italia d’una polemica tanto provinciale quanto superficiale»), il britannico Boris Johnson e il russo Vladimir Putin, assieme alle rispettive azioni sul continente nero, sono presentati in pochi paragrafi, ma con tanti dettagli: andando ben oltre i luoghi comuni (blaterati dai detrattori come dagli ammiratori) che aleggiano intorno ai personaggi, e riflettendo seriamente sui loro interventi: la geopolitica è cosa troppo seria e complessa per essere lasciata a chi non va al di là di “Macron arrogante”, “Johnson buzzurro” e “Putin prepotente”.

Le politiche verdi in Africa per Marco Valle: una sfida seria e concreta

Gli stravolgimenti climatici interessano tutto il mondo. L’Africa è uno dei continenti che peggio li paventano, dato l’incombere della desertificazione. Ma è anche il continente che sta reagendo meglio all’emergenza: con una serietà e una concretezza completamente ignote alla parte d’Occidente che si fa abbindolare da operazioni di facciata come la pantomima della povera Greta Thunberg. Seguendo l’esempio del biologo e botanico inglese Richard St. Barbe Baker e al suo progetto, risalente al 1952, d’una cintura verde, un’agenzia panafricana sta costruendo “The Great Green Wall”: un enorme piano di rimboschimento, con grandi contributi cinesi, e un comportamento particolarmente virtuoso del Senegal.

Marco Valle, Africa e inganno antirazzista

Va ammesso: come gli altri problemi dell’Africa, la desertificazione offre scenari di terrore. E come le altre soluzioni, la “Grande Muraille” non dà certezze di salvezza. Ma i problemi non si affrontano (e tantomeno si risolvono) con colpevolizzazioni sgangherate, o predicando sciagure ineluttabili. Senza gettarsi in un ottimismo facilone, l’Africa si aiuta non facendone una vittima e agevolandone la disperazione, ma valorizzandone le risorse; soprattutto quelle umane – che non le mancano. Il futuro dell’Africa è, come dice il titolo stesso del libro di Valle, in Africa: sono gli africani. Che non vanno compatiti, non vanno trattati con un paternalismo assai peggiore di quello colonialista, non vanno strappati dalle loro terre per nutrire le tasche, la vanagloria e le bugie di chi spaccia lo spopolamento indotto dell’Africa per legittima migrazione, lo sfruttamento delle altrui speranze per filantropia.
Una lettura da affiancare al libro di Stelio Fergola L’inganno antirazzista. Come il progressismo uccide identità e popoli (Passaggio al Bosco, 2018): le voci che smentiscono le fandonie delle ONG vanno ascoltate, per renderle più forti e difendersi da un flagello che fa vittime da entrambe le parti, che distrugge i paesi di partenza e d’arrivo della migrazione abusiva.

(di Tommaso de Brabant)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Sopravvissuti Shoah e discendenti chiedono interruzione vaccini Covid: “Violano codice Norimberga”
Il 25 agosto 2021, i sopravvissuti alla Shoah e i [...]
Prevenzione a ogni costo, l’opposto degli esseri umani
La prevenzione e gli esseri umani, ovvero quelle entità biologiche [...]
Afghanistan, vent’anni di guerra perduta: intervista ad Andrea Nicastro
Afghanistan, argomento del mese e Andrea Nicastro, che di questo [...]
Santori delle Sardine, il nuovo che avanza nel “tossico PD”
Per Mattia Santori delle Sardine, il PD era un "marchio [...]

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.