Covid "altri malati"

Covid, ecco quanto ha danneggiato gli “altri malati”

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Tutti sul Covid, tutti sull’emergenza – o presunta tale, vista la letalità media mondiale e la difficoltà di stabilire quanto il virus sia stato realmente decisivo per molti decessi di patologie già esistenti e serie – ma c’è un mondo, quello degli “altri malati” che subisce un collasso decisamente superiore.

Covid e “altri malati”: il caso degli screening ontologici

A parlarne è Antonio Grizzuti su La Verità, in un articolo che denuncia il rinvio, solo nei primi 9 mesi del 2020, di ben 2 milioni di screening oncologici. Si legge testualmente:

Per l ’esattezza, sono 2.118.973 gli screening effettuati in meno nei primi nove mesi del 2020, anche se “il quadro complessivo appare molto eterogeneo” e “con grandi differenze tra le Regioni”. Sono tre le categorie prese in esame dal rapporto. La situazione peggiore riguarda i controlli per il tumore del colonretto: 1,9  milioni di soggetti invitati in meno (-42%), 967.000 test persi (-52,7%) e un ritardo accumulato pari a 4,7 mesi. Tradotto in termini di diagnosi mancate, si parla di 1.168 carcinomi e 6.667 adenomi avanzati in meno. Segue poi lo screening del tumore del collo dell’utero, con -1,1 milioni di soggetti contattati (-40,5%), oltre mezzo milione di test effettuati in meno e 2.383 lesioni Cin2+ perse. Regge meglio l’urto – si fa per dire – lo screening del tumore alla mammella, quasi 1 milione di persone invitate in meno (-34,5%), oltre 600.000 test effettuati in meno e 3,9 mesi di ritardo accumulati. Per questa categoria l’Ons stima che le diagnosi perse siano pari a – 2.793 carcinomi. Complessivamente, dunque, si stima che l’impatto della pandemia sulle attività di screening sia quantificabile, nei primi 3 trimestri dell’anno passato, in 4 milioni di italiani invitati in meno, e circa 13.000 diagnosi in meno.

Un terremoto, a quanto pare. Che coinvolge tante persone innocenti, che si aggiungono ai lavoratori a rischio povertà, nel quadro della tragedia – dal sapore folle – che ci accompagna da ormai un anno. Dodici mesi in cui quasi 28 milionii di italiani hanno subito rinvii e ritardi, altri 13 milioni hanno dovuto annullare le visite, 3 pazienti su 4 nel campo dell’urologia e 8 pazienti su 10 in campo gastroenterologo.

Covid e cardiopatici ignorati

Lo aveva riportato già l’ANSA a maggio 2020, riportando il dato drammatico dei morti di infarto triplicati nei primi mesi del Covid. Lo ha ribadito l’AGI a novembre, riportando le parole del FOCE (Federazione degli oncologi, cardiologi e ematologi):

“Denunciamo la gravissima situazione che si sta determinando negli ospedali del nostro Paese a danno dei pazienti cardiologici a causa della pandemia. Dalla Lombardia alla Sicilia vengono ridotti i posti letto cardiologici per fare posto ai pazienti Covid, addirittura vengono chiuse intere unità di terapia intensiva cardiologica (UTIC) e convertite in terapie intensive per pazienti Covid. L’intasamento dei Pronto Soccorso ed i percorsi promiscui in questi servizi di pronto intervento, che provocano i contagi del personale medico ed infermieristico, stanno inoltre determinando la paralisi delle attività di importanti hub cardiologici. Non possiamo permettere che si protragga questa situazione, il rischio concreto è di avere nelle prossime settimane più morti per infarto che per Covid perché le patologie cardiovascolari sono tempo-dipendenti”.

Il Covid, con i suoi 2 milioni e mezzo di morti mondiali su quasi 8 miliardi di persone, ha insomma provocato cifre davvero inquietanti per gli “altri malati”. Covid e “altri malati” è un binomio di cui, però, sulla stampa mainstream si parlerà molto poco. D’altronde, chi non preferirebbe continuare con questa conta quotidiana di positivi in larghissima parte asintomatici?

(di Stelio Fergola)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Covid e “allestimento del futuro”
Covid, o un modo per definire un "allestimento del futuro". [...]
Olaf Scholz, nuovo nome per idiozie europeiste e per i polli che ci cascheranno
Olaf Scholz è uscito vincente dalle elezioni in Germania. L'SPD [...]
Caiazza (UCPi) e la prescrizione: “Senza di noi sarebbe rimasto un problema”
Giandomenico Caiazza e la prescrizione: "Grazie al nostro lavoro è [...]
UniTre, un progetto da sostenere
Una delle iniziative più interessanti del panorama educativo e culturale [...]

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.