Lockdown

Walter Ricciardi’s Lockdown Story: pillole di un’ossessione senza freni

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Ricciardi, un uomo, un lockdown. Da febbraio il consigliere di Roberto Speranza non chiede altro che chiusue. Una follia talmente ripetuta che c’è chi, come il giornalista Mattia Pertoldi, ha ricercato tutte le ANSA con cui il prode Walter ha proposto, con straordinaria inventiva, sempre la stessa cosa. Chiudere tutto. “Altrimenti non ne usciamo”.

 

Lockdown Story in pillole

 

– Ricciardi: “Serve un lockdown totale, lo chiederò a Speranza”. (14 febbraio)
– Ricciardi: “Tutta Europa è già ricorsa a lockdown duri”. (11 febbraio)
– Ricciardi: “E’ la quiete prima della tempesta” (5 febbraio)
– Ricciardi: “Serve un lockdown rigido a febbraio” (24 gennaio)
– Ricciardi: “Le misure non fermano il virus, serve un lockdown di un mese” (21 gennaio)
– Ricciardi: “Basta colori, serve un lockdown di un mese” (17 gennaio)
– Ricciardi: “Io farei quattro settimane di lockdown” (15 gennaio)
– Ricciardi: “Subito lockdown o le vaccinazioni sono a rischio” (12 gennaio)
– Ricciardi: “Le nuove misure non saranno sufficienti” (7 gennaio)
– Ricciardi: “Ridurre i contagi con un blocco serio” (6 gennaio)
– Ricciardi: “Non riaprire le scuole, serve zona rossa fino al 15 gennaio” (31 dicembre)
– Ricciardi: “Farei un lockdown da subito e per due mesi” (21 dicembre).
– Ricciardi: “Un lockdown a Natale, i contagi sono la punta dell’iceberg” (15 dicembre)
– Ricciardi: “Abbiamo due-tre settimane di tempo per decidere sui lockdown” (13 novembre)
– Ricciardi. “Le persone circolano troppo, non è escluso un lockdown totale” (11 novembre)
– Ricciardi: “Lockdown subito in alcune aree metropolitane” (8 novembre)
– Ricciardi: “Lockdown? Due settimane sono poche” (6 novembre)
– Ricciardi: “E’ necessario un altro lockdown” (26 ottobre)
– Ricciardi: “Coprifuoco inutile, meglio il lockdown” (25 ottobre)

Un’ossessione

Non pensa ad altro, Walter Ricciardi. Ristoratori, attività turistiche, lavoratori onesti gentilmente ringraziano. Mentre sprofondano verso la miseria e la disoccupazione. Ma l’Italia di Ricciardi, questo è l’importante, nel frattempo sarà salva dal Covid. Anche se non saranno in tanti a volerlo testimoniare con gioia.

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Covid: il “rischio zero”, ovvero la nuova età (fallace) dello spirito
Più volte, nel corso dell’ultimo anno di Covid, il rischio [...]
E adesso chiedete scusa a Trump
Si dovrebbe chiedere scusa a Donald Trump. Con un po' [...]
Addio a Donatella Raffai, storica conduttrice di “Chi l’ha visto?”
È morta oggi la storica conduttrice di Chi l'ha visto?, [...]
Hoara Borselli e “la penna” (in mancanza di contenuti)
Se a sinistra c’è chi pensa di poter “ricostruire un’egemonia [...]
oltre-logo

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.