Open maschili femminili

Open, no a maschili e femminili: così il giornale annuncia disservizi

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

No a desinenze maschili e femminili, in nome della parità anche verso gli ibridi, del progressismo e della propaganda liberal. Così Open, con questo spettacolare comunicato su Facebook, annuncia l’impossibilità di accedere ai contenuti recenti sul sito.

Open, maschili e femminili assenti: il bizzarro comunicato

Ecco il testo del post di Open:

Care lettrici e cari lettori,
a causa di un imprevisto tecnico, attualmente non è possibile accedere agli articoli più recenti sul nostro sito. Stiamo lavorando per risolvere il problema il prima possibile e contiamo di tornare operativi entro qualche ora.
Ci scusiamo molto con tutt* per il disagio, vi terremo aggiornat*.

La redazione di Open

 

Qualcuno, tra l’altro, avrebbe potuto spiegare al geniale social media manager che sarebbe stato possibile semplicemente scrivere “tutti e tutte”. Ma si sa, il terrificante neutro rimane un problema serio. Ma poi, soprattutto: perché “care lettrici e cari lettori”? Non sarà troppo discriminatorio?

Il futuro della cultura, oltre che del giornalismo di per sé, si prospetta sempre più divertente.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Per il PD “tutto Zaki” chi è già italiano può rimanere nelle carceri in Marocco
Barricate per l'egiziano Zaki, silenzio tombale per l'italo-marrocchina Fatima (nome [...]
La riforma della giustizia è una priorità, come quella costituzionale
Riforma della giustizia, una priorità congelata da decenni. Ieri il [...]
Lo strano concetto di “legge Anti-LGBT” dei progressisti
In Ungheria è entrata in vigore oggi la famigerata legge [...]
Brandi: “Caro minus habens, invece di criticare chi tifa Italia, impegnati tutti i giorni”
Pubblichiamo volentieri il post integrale di Matteo Brandi, che si [...]
Scroll Up

Iscriviti al nostro Canale Telegram

Non perdere le notizie veramente importanti. In un contesto di disinformazione, oscuramento della libertà di espressione da parte dei mass media, è importante avere canali alternativi di informazione.