Texas Corte Suprema

USA 2020, Texas e ricorso a Corte Suprema: media italiani in bilico

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Il Texas fa ricorso alla Corte Suprema. La notizia di ieri ha avuto il sapore della bomba, sebbene i media mainstream statunitensi abbiano messo in secondo piano la questione e quelli italiani per gran parte apertamente ignorato la storia.

Per meglio dire, nella nostra ridente penisola le fonti di informazione hanno quasi faticato a pubblicarla e, in alcuni casi, hanno cercato di “riallinearsi” citando questioni sostanzialmente differenti ma titolate in modo appositamente ambiguo.

Texas e Corte Suprema: Rainews e Adnkronos la prime a dare la notizia in Italia

Adnkronos così cita a riguardo:

Il procuratore generale del Texas, Ken Paxton, ha annunciato di aver intentato causa contro quattro Stati – Georgia, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin – presso la Corte Suprema degli Stati Uniti in relazione ai presunti brogli commessi durante le elezioni.

Secondo il ‘Texas Tribune’, Paxton – che è un forte sostenitore del presidente Trump – ha sostenuto nel suo esposto che “le modifiche alle procedure elettorali in questi Stati, legate al Covid, hanno violato la legge federale” e per questo ha chiesto alla Corte Suprema di bloccare i voti del collegio elettorale in questi quattro Stati, rinviando così la nomina ufficiale alla presidenza di Biden prevista il 14 dicembre.
Rainews, dal canto suo, fa un po’ di cerchiobottismo. Prima riporta la notizia del Texas, probabilmente con l’acqua alla gola.
Texas Corte suprema
In questo caso, si legge testualmente che “il Texas chiede quindi che non siano contati i loro 62 voti nel collegio elettorale, facendo così scendere Joe Biden, che ha totalizzato 306 voti, sotto la soglia del quorum necessario (270). Si tratta di in una mossa senza precedenti nella storia americana e, se avesse successo, potrebbe consegnare la vittoria elettorale a Trump.”
Nel corso della mattinata di oggi, però, la testata si prodiga di pubblicare la notizia del rigetto della Corte Suprema sul ricorso in Pennsylvania, questione evidentemente differente, ma titolata come se ne costituisse un “seguito”, espresso con un laconico “anche la Corte Suprema dice no a Trump”.
Texas Corte Suprema
Repubblica, manco a dirlo, liquida tutto con poche righe, anzi è già un miracolo che ci siano. Chiudendo il breve pezzo dedicato al riguardo con le opinioni degli “esperti citati dal New York Times”.
Texas Corte Suprema

Quali siano questi “esperti” non si sa. Perché asseriscano ciò, non si sa. Ma quando si tratta di argomentare su ciò che parte da Donald Trump, si sa, è meglio rifugiarsi nel generico. Un vero giornalismo d’inchiesta.

Tutto il resto della stampa italiana invece preferisce giocarsela in modo ancora più comodo: non parlandone. Meglio così.

Corte Suprema: la strategia del TeamTrump e di #WeThePeople

L’obiettivo era esattamente questo. Far fallire i ricorsi nei singoli Stati per giungere alla Corte Suprema, che non può essere chiamata in causa direttamente ma a seguito di un procedimento precedente su base locale.

Trattasi di un’eventualità – quella ipotizzata da Giuliani – che il celebre politologo Graham Allison aveva illustrato poche settimane fa sulla prestigiosa rivista the National Interest. Potrebbe accadere ciò che è già successo in occasione delle elezioni presidenziali del 1876 che vedevano contrapposti Tilden e Hayes. Come allora, ogni stato dovrà riunire la propria assemblea per certificare il risultato delle elezioni e la lista dei grandi elettori al Congresso. Questo dovrebbe accadere indicativamente verso il 6 gennaio. Tuttavia, sottolinea Allison, “i legislatori statali hanno l’autorità costituzionale per concludere che il voto popolare è stato corrotto” da “possibili brogli” e “quindi inviare una lista di elettori in competizione per conto del loro stato. Ciò significa che in caso di controversie su liste elettorali concorrenti, il Presidente del Senato, il Vicepresidente Pence, sembrerebbe avere l’autorità ultima per decidere quali accettare e quali rifiutare. E Pence sceglierebbe Trump”.

Posto che, ormai, sia impossibile negare le troppe prove esibite dai due team (il voto dei deceduti, la loro distribuzione tutta per Joe Biden, la chiusura dei seggi agli osservatori, le testimonianze video, gli affidavit), posto che sia impossibile non porsi almeno qualche domanda anche sulle prove puramente indiziarie (come gli sbalzi matematicamente mai visti prima, e tutti alle sei del mattino ora italiana, sempre a favore di Joe Biden), posto che sia quanto meno bizzarro decidere che le accuse a Dominion siano quanto meno da indagare e non da irridere come se non venissero al culmine di ragionamenti e altri fatti che si sono dimostrati fondati, la questione è sempre la stessa: basterà?

Perché è solo quello il punto. Non l’esistenza di uno dei maggiori scandali della storia elettorale americana e occidentale. Ma del fatto che si riuscirà a fare giustizia a riguardo. Ieri c’è stato un passo importante, e i prossimi giorni saranno decisivi per capirlo.

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Crisi di governo, Porro: “Niente cambia, soprattutto sulla dittatura del virus”
Sulla crisi di governo Nicola Porro stamattina su Facebook è [...]
Governo, è una crisi inutile?
Che il governo sia ormai in crisi è un dato [...]
No, Facebook e Twitter non possono bloccare chi vogliono, anche se sono privati
“Facebook e Twitter sono aziende private e possono bloccare chi [...]
Toscano (Vox Italia): “Basta lockdown, governo distrugge economia”
«Prima gialli, poi arancioni, poi chissà, seguendo un improbabile e [...]
Scroll Up