Sinistra Usa

Stati Uniti: il totalitarismo soft viene dalla sinistra liberal

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Gli isterici di sinistra con le principali piattaforme mediatiche hanno gridato per anni che il presidente Trump sta per instaurare una dittatura fascista da un momento all’altro. Nel frattempo, immigrati inascoltati dal blocco sovietico avvertono che la tirannia totalitaria sta effettivamente emergendo da sinistra e gli americani sono troppo ingenui per vederla arrivare.

Sembra folle, vero? Lo pensavo quando l’ho sentito per la prima volta da una donna anziana che ha trascorso sei anni come prigioniera politica sotto il regime marxista della Cecoslovacchia. Ma più parlavo con persone come lei, più li vedevo come canarini in una miniera di carbone. Il loro messaggio è lo stesso: ciò che sta accadendo in America oggi mi ricorda la vita sotto il comunismo. È difficile per gli americani capirlo, in parte perché la nostra idea di totalitarismo viene da “1984 ” di Orwell e “The Gulag Archipelago ” di Solzenicyn. Ma lo stalinismo 2.0 non è ciò che prevedono i vecchi dissidenti. Sottolineano che la sinistra al potere sta raggiungendo obiettivi totalitari – non semplicemente obbedienza, ma interiorizzazione dell’ideologia di sinistra con mezzi molto più morbidi.

Chi ha bisogno del gulag quando puoi costringere l’obbedienza minacciando il lavoro di qualcuno o distruggendo la sua reputazione sui social media? Perché preoccuparsi della polizia segreta quando le masse consegnano già dettagliate informazioni personali a Google e ad altri colossi capitalisti svegliati tramite smartphone e laptop? Il prossimo soft totalitarismo potrebbe benissimo unificare il governo, le grandi corporazioni, i media e le principali istituzioni della società civile, che collaboreranno per sopprimere il dissenso e costringere il conformismo. Gli Stati Uniti potrebbero un giorno avere una propria versione del sistema di credito sociale high-tech cinese. Coloro che hanno resistito al comunismo sovietico ci esortano a prepararci ora per la resistenza, finché possiamo ancora.

La verità scioccante è che noi americani viviamo in una situazione pre-totalitaria. Nel 1951, Hannah Arendt ha pubblicato il suo studio fondamentale “Le origini del totalitarismo”, in cui ha studiato le condizioni che hanno portato sia la Russia sovietica che la Germania nazista ad abbracciare il totalitarismo. Rende la lettura che fa riflettere nelle nostre attuali circostanze. Tra i segni:

Solitudine e atomizzazione sociale: i movimenti totalitari, ha detto Arendt, sono “organizzazioni di massa di individui isolati e atomizzati”. E “ciò che prepara gli uomini al dominio totalitario nel mondo non totalitario è il fatto che la solitudine, una volta che un’esperienza borderline di solito subita in certe condizioni sociali marginali come la vecchiaia, è diventata un’esperienza quotidiana delle masse in continua crescita del nostro secolo. “

Perdita di fiducia nelle gerarchie e nelle istituzioni: la solitudine è politicamente significativa perché lascia le masse affamate di un senso di comunità. In una società sana, un individuo potrebbe trovare amicizia e scopo comune attraverso le istituzioni della società civile: partiti politici, chiese, club civici, leghe sportive e simili. Nell’America contemporanea, questi sono in gran parte appassiti.

Trasgressività fine a se stessa: sia nella Russia pre-bolscevica che nella Germania pre-nazista, le élite si dilettavano in atti di ribellione che prendevano in giro tradizioni e standard, morali e non. Si sono immersi nella bassezza e l’hanno chiamata “liberazione”. Hanno anche provato piacere nel ribaltare istituzioni e pratiche consolidate per il bene degli estranei.

Scriveva Arendt: “I membri dell’élite non si sono affatto opposti al pagamento di un prezzo, alla distruzione della civiltà, per il divertimento di vedere come coloro che erano stati esclusi ingiustamente in passato si sono introdotti in essa”. Le sue parole si applicano con inquietante preveggenza allo sconvolgimento di Black Lives Matter nelle strade e nelle istituzioni d’élite.

Suscettibilità alla propaganda e all’ideologia: nelle nazioni pre-totalitarie, ha scritto Arendt, odiare la “società rispettabile” era così narcotico che le élite erano disposte ad accettare “mostruose falsificazioni nella storiografia” per il gusto di colpire coloro che, a loro avviso, avevano “Escluso i diseredati e gli oppressi dalla memoria dell’umanità”. È come se Arendt avesse anticipato il fraudolento Progetto 1619 del New York Times .

(Rod Dreher)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Referendum, con la vittoria del Sì bisogna andare al voto
La vittoria del Sì al Referendum Costituzionale implica una conseguenza [...]
Sbarchi è Record! a Lampedusa 26 in un solo giorno
È Record di sbarchi! il Governo stappa lo champagne e [...]
Trump, il sondaggio di Rasmussen: è davanti a Biden
Per la prima volta Donald Trump è davanti allo sfidante [...]
Il Detonatore: intervista a Matteo Fais
Da circa tre mesi ha visto la luce "Il Detonatore". [...]
Scroll Up