Osiride anubi iside horus

Osiride l’eterno signore: dio dell’amore e degli inferi

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Osiride è il signore egiziano degli inferi e il giudice dei morti, fratello-marito di Iside e uno degli dei più importanti dell’antico Egitto. Come riporta Ancient, il nome “Osiride” è la forma latinizzata dell’usir egiziano che viene interpretato come “potente” o “potente”.

È il primogenito degli dei Geb (terra) e Nut (cielo) poco dopo la creazione del mondo, è stato assassinato dal fratello minore Seth e riportato in vita dalla sorella Isis. Questo mito e gli dei coinvolti sono diventati centrali nella cultura e nella vita religiosa egiziana.

Osiride: dalla fertilità alla morte

Osiride era originariamente un dio della fertilità, probabilmente dalla Siria (sebbene questa affermazione sia contestata) che divenne così popolare da assorbire la funzione di divinità precedenti come Andjeti e Khentiamenti, due divinità della fertilità e dell’agricoltura venerate ad Abydos. È associato al simbolo djed ed è spesso raffigurato con la pelle nera o verde che simboleggia il fango fertile del Nilo e la rigenerazione. Viene anche spesso mostrato come una mummia o in forma parzialmente mummificata nel suo ruolo di Giudice della Morte.

Le immagini di Osiride come un dio vivente lo raffigurano come un bell’uomo in abito reale che indossa la corona dell’Alto Egitto come un copricapo piumato noto come atef e che trasporta il truffatore e il flagello, simboli di regalità. È associato al mitico uccello Bennu (ispirazione per la Fenice greca) che prende vita dalle ceneri. Osiride era conosciuto con molti nomi ma principalmente come Wennefer, “The Beautiful One” e, nel suo ruolo di Judge of the Dead, Khentiamenti, “The Foremost of the Westerners”. L’Occidente fu associato alla morte e gli “occidentali” divennero sinonimo di coloro che erano passati all’aldilà.

Osiride, il Signore dell’Amore

Era anche conosciuto come Il Signore dell’Amore, Re dei Vivi ed Eterno Signore. Dopo Iside, Osiride era il più popolare e duraturo di tutti gli dei egizi. Il suo culto durò migliaia di anni da poco prima dell’inizio del periodo dinastico (3150-2613 a.C. circa) fino alla dinastia tolemaica (323-30 a.C. ), l’ultima dinastia a governare l’Egitto prima dell’arrivo di Roma. È anche possibile che Osiride fosse adorato in qualche forma nel periodo predinastico dell’Egitto (c. 6000-3150 a.C.) e probabile che egli abbia avuto origine in quel momento. La studiosa Geraldine Pinch scrive:

Dove, quando e come Osiride fu adorato per la prima volta è molto contestato. È stato affermato che Osiride era originariamente un re predinastico divinizzato, uno spirito primitivo della vegetazione, un dio sciacallo di una necropoli reale antica o una dea madre. Anche l’etimologia del suo nome è incerta, sebbene possa significare semplicemente “Il potente” (178).

Anche se di solito è visto come un dio giusto, generoso della vita e dell’abbondanza, ci sono anche raffigurazioni di lui come “una figura terrificante che invia messaggeri demoniaci per trascinare i vivi nel cupo regno dei morti” sebbene queste siano la minoranza. Osiride come il gentile e giusto sovrano, assassinato dal suo risentito fratello Seth, che torna in vita è l’immagine più popolare e duratura del dio.

Osiride
Reliquia di Osiride

Il mito del figlio di Get e Nut

Dopo la creazione del mondo, nacquero i primi cinque dei dall’unione di Geb (terra) e Nut (cielo) e questi furono Osiride, Iside, Seth, Nefti e Horus . Osiride, come il primogenito, assunse il dominio come Signore della Terra, con Iside come regina e consorte. Trovò il popolo egiziano incivile e senza legge e così diede loro leggi, cultura, istruzione religiosa e agricoltura. L’Egitto divenne un paradiso sotto il dominio di Osiride dove tutti erano uguali e c’era cibo in abbondanza poiché le colture erano sempre abbondanti. Seth era geloso del successo di suo fratello e si risentì.

La loro relazione si deteriorò ulteriormente dopo che Nephthys, la moglie di Seth, si travestì da Iside e sedusse Osiride, rimanendo incinta del dio Anubi. Seth fece realizzare una bellissima bara all’altezza esatta di Osiride e poi organizzò una grande festa in cui presentò questa scatola e disse agli ospiti che chiunque di loro si adattava perfettamente ad essa poteva averlo come regalo. Quando Osiride si sdraiò nella bara, Seth sbatté il coperchio, lo chiuse e lo gettò nel Nilo, dove fu portato via lungo il fiume.

Il corpo di Osiride si allontanò verso il mare e alla fine la sua bara fu alloggiata in un grande albero di tamerice che cresceva vicino a  Byblos  in  Fenicia. L’albero cresceva rapidamente intorno alla bara fino a quando non la conteneva completamente. Il re di Byblos, Malcander, venne sulla riva con sua moglie Astarte e ammirò l’albero e il dolce profumo che sembrava emanare da esso. Ordinò che l’albero fosse abbattuto e portato nel suo palazzo come una colonna ornamentale per la corte, e lì rimase Osiride, intrappolato nella bara all’interno della colonna, fino alla sua morte.

Statua di Osiride

L’arrivo a Byblos

Nel frattempo Iside aveva lasciato l’Egitto in cerca di suo marito e alla fine arrivò a Byblos, travestita da donna anziana, dove si sedette sulla riva e pianse per il marito scomparso. Fu invitata a palazzo dalle ancelle reali che erano venute a riva per fare il bagno e lì si ingraziarono con il re e la regina, così le fu chiesto di fare da infermiera per i loro giovani figli. Iside cercò di rendere immortale il ragazzo più giovane bagnandolo nel fuoco e, quando la Regina Astarte lo scoprì, fu inorridita. Iside si rivelò quindi come la dea e il re e la regina le promise tutto quello che voleva se solo li avesse risparmiati. Ha richiesto solo il pilastro – che le hanno rapidamente concesso.

Dopo aver lasciato la corte, Iside tagliò Osiride dall’albero e riportò il suo corpo in Egitto dove lo nascose da Seth nella regione paludosa del Delta del Nilo. Lo lasciò per andare a raccogliere erbe per fare una pozione per riportarlo in vita, lasciando sua sorella Nephthys a guardia del corpo. Mentre se ne andava, Seth venne a sapere del ritorno di suo fratello e uscì per trovare il suo corpo. Riuscì a convincere Nephthys a dirgli dov’era, e quando lo trovò, lo fece a pezzi e lo sparse in tutto il paese e nel Nilo.

Il ritorno di Iside

Quando Iside tornò, fu inorridita ma si compose rapidamente e andò a lavorare per trovare i pezzi del marito assassinato. Con l’aiuto di Nephthys, recuperò tutte le parti del corpo tranne il pene, che era stato gettato nel Nilo e mangiato dal pesce oxyrhyncus, motivo per cui a questo pesce era vietato il cibo nell’antico Egitto.

Iside fu in grado di far rivivere Osiride e, una volta in vita, assunse la forma di un aquilone e volò intorno a lui, attirò il seme dal suo corpo nel suo e rimase incinta di un figlio, Horus. Anche se Osiride ora viveva, era incompleto e non poteva più governare la terra dei vivi. Si ritirò nell’aldilà dove divenne Signore e Giudice dei Morti. Iside, temendo cosa Seth potesse fare a suo figlio, nascose Horus tra le paludi dell’Egitto fino a quando non fu cresciuto. A quel punto, Horus emerse come un potente guerriero e combatté contro Seth per il controllo del mondo. In alcune versioni della storia, Seth viene ucciso ma, nella maggior parte dei casi, viene sconfitto e cacciato dalla terra. Il caos che Seth aveva scatenato sul mondo fu conquistato da Horus, che ristabilì l’ordine e poi governò con sua madre.

Come viene raffigurato Osiride

La più antica raffigurazione conosciuta di date Osiris a circa 2300 AC , ma rappresentazioni di lui sono rari prima del Nuovo Regno (1539-1075 AC ), quando è stato mostrato in una forma arcaizzante come una mummia con le braccia incrociate sul petto, una mano con in mano un truffatore, l’altro un mulinello.

Osiride
Statuetta di Osiride
Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Potrebbero piacerti

Obamagate, Lindsey Graham: “Una vendetta politica contro Trump”
Negli Usa esplode lo scandalo Obamagate. Il senatore Lindsey Graham, [...]
Trump scatenato sui social, è la vittoria sul Deep State?
Trump scatenato sui social. Un Obamagate al giorno, a quanto [...]
Simona Mangiante a Vox Italia Tv: “Mifsud connesso alla western intelligence”
Simona Mangiante, moglie dell'ex advisor di Donald Trump George Papadopoulos, [...]
Al-Shabaab: ecco chi ha preso i soldi del riscatto della cooperante
Una doverosa premessa ,prima di parlare di Al-Shabaab: siamo ovviamente [...]
Scroll Up