Pupi Avati racconta del suo “Signor Diavolo” [VIDEO]

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Oltre la Linea ha intervistato Pupi Avati, a seguito di un articolo sul suo film di quest’anno: Il Signor Diavolo. Se la sua produzione più recente si è concentrata su commedie, per lo più famigliari, dal tono malinconico, con Il Signor Diavolo il maestro Avati è tornato a quel “Gotico Padano” di cui egli stesso è il principale fautore: vicende stregonesche, sospese tra la fiaba (Le strelle nel fosso, Arcano incantatore) e l’horror (La casa dalle finestre che ridono, Zeder), inusualmente (per i canoni del genere) ambientate in un’Emilia sospesa tra i secoli XVIII e XX.

Con questo film, e con gli amici e collaboratori di una vita di una carriera (Gianni Cavina, Lino Capolicchio, Massimo Bonetti, Amedeo Tommasi, il fratello Antonio e il figlio Tommaso), Pupi Avati ci sottrae al mondo globalizzato del 2019 e ci riporta al Piccolo Mondo Antico di metà Novecento.

Pupi Avati e lo Strapaese: un racconto marginale

Sta finalmente tornando la fascinazione per l’Italia minore; il termine “Italietta” sta perdendo la connotazione spregiativa, e i cinefili nostrani (anche giovanissimi) rivalutano con entusiasmo crescente quel cinema degli anni ’70 che ha visto l’affermazione autoriale di Pupi Avati.

Eppure, restano marginali tanti tratti della cultura e del costume di quest’Italia provinciale: ad esempio, non si parla più della figura del diavolo – protagonista di tanta narrazione popolare, centrale nella civiltà preconciliare; non solo non lo si narra più, non se ne parla più nemmeno nelle omelie – i nuovi sacerdoti non affrontano più un discorso sull’Inferno.

Avati: nostalgia e magia tra Ferrara e il Polesine

Pupi Avati è tornato all’Italia della sua prima adolescenza: quindi, a quella delle sue scoperte – l’Italia delle paure, d’una cultura contadina ricca di spaventi senza eguali e d’una religiosità legata al peccato e alle punizioni.

Si è trattato d’un ritorno, emozionante e gratificante, a un luogo per lo stesso Avati magico, non contaminato dalla modernità: quella parte dell’Emilia che da Comacchio e Ferrara sale fino al Veneto, già ambientazione di Le strelle nel fosso e La casa dalle finestre che ridono.

(di Tommaso de Brabant)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

La verità sulla risposta dell’Iran all’assassinio di Qassem Soleimani
Numerose sono state le speculazioni che hanno riguardato la risposta [...]
USA: assassinato Qassem Soleimani delle Guardie della Rivoluzione Iraniane
Stanotte, in un bombardamento aereo nei pressi di Baghdad, aerei [...]
Lupus in fabula: un’espressione dalle lontane origini
Quando si esclama "lupus in fabula!", magari sghignazzando con qualche [...]
La sconfitta di Corbyn e la dura lezione per la sinistra
È accaduto di nuovo. Per mesi il tamburo battente della [...]
Scroll Up