Cristiani perseguitati nel mondo: è un "genocidio"

Cristiani perseguitati nel mondo: è un “genocidio”

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

La persecuzione organizzata dei cristiani in Medio Oriente sta raggiungendo i livelli di un genocidio, dice il rapporto commissionato dal Segretario di Stato per gli Affari Esteri britannico Jeremy Hunt.

Milioni di cristiani nella regione sono stati scacciati dalle loro case, e molti di loro sono stati uccisi, rapiti, imprigionati e discriminati; così dice il rapporto compilato dal vescovo di Truro, Reverendo Philip Mountstephen, il quale ha anche svelato che la persecuzione in atto oggi è la peggiore mai avvenuta nelle regioni del sudest asiatico, dell’Africa subsahariana e dell’Asia orientale – spesso condotta da autoritarismo di stato e intolleranza verso la diversità religiosa.

“La verità scomoda”, dice il rapporto, “è che la grande maggioranza (80%) di perseguitati per questioni religiose sono i cristiani”.

La scorsa settimana è stato rivelato che il crollo delle persecuzioni è avvenuto a seguito della perdita del “Califfato” da parte dello Stato Islamico in Iraq e in Siria.

“Sfortunatamente, si può dire che la campagna anticristiana condotta dallo Stato Islamico ha avuto molto successo in Iraq e, per certi versi, anche in Siria”, così ha detto a Breitbart News John Hajjar, vicedirettore della Middle East Christian Committee (MECHRIC).

“Penso che non ci sia più speranza”, ha detto l’arcivescovo Vicken Aykazian, direttore ecumenico della diocesi della Chiesa Ortodossa Armena d’America, riferendosi al futuro della cristianità in Medio Oriente. “I cristiani mediorientali non hanno alcuna nazione che li protegga”.

Il nuovo rapporto conferma tale affermazione. Mr. Hunt, un anglicano, ha voluto che il tema della persecuzione cristiana diventasse uno dei temi principali della sua politica estera: “Penso che abbiamo evitato per molto tempo di parlare della persecuzione dei cristiani perché siamo una nazione cristiana e abbiamo un passato coloniale, quindi sulla cosa c’è molto nervosismo. Ma dobbiamo riconoscere che i cristiani sono il gruppo religioso più perseguitato”.

Ha aggiunto: “In questa atmosfera di correttezza politica abbiamo dimenticato che i cristiani sono perseguitati in alcuni dei paesi più poveri della Terra. Nel Medio Oriente la popolazione cristiana era all’incirca il 20%, oggi è il 5%”.

Il rapporto mostra che 100 anni fa i cristiani erano il 20% della popolazione del Medio Oriente e del nord Africa, ma da allora la proporzione è scesa a meno del 4%, circa 15 milioni di persone. In queste regioni, infatti, “forme di persecuzione quali discriminazione nell’educazione, nel lavoro e nella vita sociale fino agli attacchi genocidi contro le comunità cristiane hanno portato a un significativo esodo dei credenti”.

In paesi come Algeria, Egitto, Iran, Iraq, Siria e Arabia Saudita per i cristiani e altre minoranze la vita è impossibile: “In Arabia Saudita ci sono serie limitazioni all’espressione di fede cristiana, incluso il divieto di pregare in pubblico. Il conflitto arabo-israeliano ha causato la fuga della maggior parte dei cristiani palestinesi. La popolazione di cristiani in Palestina si è ridotta dal 15 al 2%”.

Il vescovo Mounstephen ha detto che lo studio svela che i cristiani sono perseguitati di qualunque altro gruppo religioso, specialmente nei paesi a maggioranza musulmana in Medio Oriente e in nord Africa: 245 milioni di cristiani soffrono “alti livelli di persecuzione” in 50 paesi. In particolare, sono attaccati da gruppi estremisti in Siria, Iraq, Egitto, Nigeria nordorientale e Filippine, così come in Cina e in India. Il Medio Oriente sta subendo “la decimazione delle comunità più antiche e longeve”, e chiede un “urgente supporto governativo”.

(da Breitbart – Traduzione di Federico Bezzi)

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Brexit, la Regina umilia Bruxelles: “Via il 31 ottobre dall’Ue”
La Regina lo ha confermato: il 31 ottobre sarà Brexit. [...]
Il comandante dei curdi spiega l’accordo con Assad e Putin
Il comandante in capo dei curdi, Mazloum Abdi, spiega perché [...]
Clandestini, l’Italia torna a pregare: “Non lasciateci soli”
"L'Europa non ci lasci soli con i profughi", implora l'Italia [...]
Siria, i curdi siglano un accordo con Damasco e Putin
Accordo fra curdi, Damasco e Putin. Come riporta l'Agi, Damasco [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter

Scroll Up