Perché siamo tutti Julian Assange

Perché siamo tutti Julian Assange

La legge internazionale, il rispetto dei diritti umani, la libertà di parola, il diritto di esporre i documenti che incastrano i criminali; in teoria esistono, nella pratica no. Quando l’esercizio delle libertà basilari comporta conseguenze negative, ciò accade per una delle seguenti ragioni:
 
1) Incompetenza da parte delle autorità, il cui dovere de facto è quello di ridurre la libertà al fine di mantenere il monopolio della violenza;
 
2) Il fenomeno delle autorità che consentono un esercizio arbitrario della libertà tra individui anti-autorità, al fine di dare alle persone un falso senso di sicurezza in merito ai propri diritti. La ragione di ciò è che, dal punto di vista dell’autorità, è più facile permettere a qualcuno attaccato alla propria libertà di “esporsi”, piuttosto di spendere tempo e denaro per far sì che tali persone siano scoperte dalle autorità.
 
3) Un’analisi costi-benefici, compiuta dallo stato, al fine di determinare la libertà di chi vale la pena spendere tempo, denaro e sforzi per soffocare, e di chi invece non ne vale la pena. Quest’ultimo elemento è quello maggiormente presente negli stati con un sofisticato apparato di intelligence / polizia segreta.
 
IL MONOPOLIO DELLA VIOLENZA
 
Max Weber ha definito il potere dello stato come l’abilità di esercitare il monopolio della violenza. In teoria, non significa che lo stato si comporterà necessariamente in modo non-etico, ma che le fazioni che altrimenti userebbero la violenza come mezzo per ottenere i propri obiettivi saranno costrette a sottomettersi a uno stato, il quale può usare il proprio monopolio della violenza per rinforzare l’ordine e la pace o, in alternativa, per costruire un ambiente dannoso per coloro che avrebbero beneficio da un ambiente sociale più libero e decentralizzato.
 
Weber credeva che, idealmente, il monopolio della violenza fosse il modo in cui lo stato avrebbe protetto il popolo dall’anarchia e dal caos. Di fatto, nella realtà, il monopolio della violenza ha effetti positivi e negativi.
 
LA TUA LIBERTA’ NASCE DALL’ANALISI COSTI-BENEFICI DELLO STATO
 
Nella pratica, tutti gli stati usano il monopolio della violenza per far avanzare i loro interessi materiali. Questo è il caso anche quando l’avanzamento degli interessi materiali di uno stato è ammantato di slogan ideologici. Pertanto, le differenze che esistono tra gli stati ruotano attorno a come un’entità sovrana sceglie di eseguire il monopolio della violenza. Alcuni stati perseguono i propri interessi in un modo generalmente vantaggioso per le persone e altri no. Questo è l’unico motivo per cui alcuni stati sono benevoli, mentre altri avanzano i loro interessi attraverso atti di estrema malignità.
 
In generale, queste differenze sono meglio definite dall’analisi costi-benefici di uno stato, quando si tratta di ridurre la libertà di coloro che esercitano la propria libertà di sfidare l’autorità.
 
Se qualcuno sfida l’autorità confidando a un membro della famiglia il suo disprezzo per il potere, pochi stati potrebbero far valere la propria volontà contro un tale individuo, per la semplice ragione che la libera espressione dell’individuo è nota solo a una persona, o a un un piccolo gruppo di persone che non desiderano amplificare l’espressione iniziale.
 
Se qualcuno invece usa la propria libertà per gridare delle dichiarazioni anti-autorità ai quattro venti, tale persona può subire una punizione temporanea e senza troppe conseguenze (una multa, una breve detenzione), altrimenti sarà ignorato dalle autorità. Questo accade quando non è il caso che un individuo punisca severamente qualcuno che ha il potenziale per essere influente, ma che con ogni probabilità non avrà alcun impatto significativo su sviluppi sociali più ampi.
 
Facendo poco o nulla per punire qualcuno che sta tentando di far valere le sue dichiarazioni anti-autorità, lo stato si basa sul fatto che un tale individuo non ha avuto un grande impatto sociale e probabilmente non lo avrà mai.
 
A volte queste analisi costi-benefici sono sbagliate, ma gli stati materialmente avanzati in genere le fanno bene. Questo è il motivo per cui, a coloro che sono meno importanti di Julian Assange, viene permesso di dire cose obiettivamente più controverse di quelle che ha pubblicato Assange. Lo stato è più minacciato da un lieve messaggio anti-autorità detto ad alta voce, che da un grande messaggio anti-autorità che non verrà mai ascoltato.
 
Se tuttavia qualcuno usa grandi piattaforme mediatiche, specialmente internet, per diffondere messaggi anti-autorità al grande pubblico, qualcosa verrà certamente fatto dallo stato per punire la persona che amplifica il messaggio. Nella misura in cui questo è il caso, i poteri in essere hanno diverse opzioni, quando si tratta di confrontare qualcuno che usa la sua libertà per diffondere tali messaggi.
 
1) ERODERE LA CREDIBILITA’ ATTRAVERSO ATTACCHI PERSONALI
 
Possono basarsi su comportamenti veri ma immateriali che l’individuo ha compiuto, ma anche su complete falsità. Spesso l’atto di danneggiare la credibilità di una persona è un misto delle due cose.
 
Dal punto di vista dello stato, il vantaggio di usare tale metodo è che può influenzare altri potenziali soggetti anti-autorità a tacere. Una persona imprigionata sparisce subito dalla coscienza del grande pubblico, e un uomo ucciso viene presto sepolto e dimenticato. Tuttavia, una persona vivente che viene imbarazzata, umiliata e degradata è un avvertimento vivente per gli altri: “non dire che cosa ho detto io, o la tua vita diventerà miserevole come la mia”.
 
2) CORROMPERE L’INDIVIDUO
 
In alcuni casi, quando sembri che un individuo possa essere facilmente comprato dal guadagno materiale, le autorità cercheranno di metterlo a tacere attraverso la corruzione. Questo metodo può funzionare per silenziare rapidamente coloro il cui esercizio della libertà umana sconvolge le autorità.
 
3) USARE IL POTERE DELLO STATO SUL CAPITALE PER DANNEGGIARE IL BENESSERE ECONOMICO DI QUALCUNO
 
Senza il potere di influenzare e/o controllare il capitale, lo stato non può monopolizzare efficacemente la violenza. Per questo motivo gli stati poveri spesso diventano stati falliti. Uno stato fallito è uno stato che ha perso il monopolio della violenza. Dunque, gli stati potenti che sono in grado di muovere forze di polizia ed eserciti sono coloro che possono controllare il capitale a loro vantaggio.
 
Perciò, gli stati che non vogliono far vedere alla luce del sole di perseguitare la libertà degli individui anti-autorità possono usare il loro controllo sul capitale per chiudere conti bancari, chiedere che qualcuno perda il lavoro, o comunque tagliare le sue fonti di reddito.
 
Quando il pubblico vede che qualcuno ha subito sofferenze economiche per avere parlato contro lo stato, le persone saranno automaticamente scoraggiate a fare lo stesso.
 
4) ARRESTARE E PUNIRE L’INDIVIDUO BASANDOSI SU FALSITA’ O TECNICISMI
 
Se il potere vuole mandare un messaggio chiaro a coloro che sfidano l’autorità, è spesso utile arrestare, mettere a processo e punire tali individui con accuse false o che si basano su tecnicismi legali che il largo pubblico è spesso incapace di comprendere.
 
Dalla prospettiva dello stato, ciò ha il triplo vantaggio di distruggere la credibilità dell’individuo in questione, di rimuoverlo dalla sfera pubblica e contemporaneamente attirare gli altri in un falso senso di sicurezza in modo che anche loro possano essere facilmente catturati e puniti per le loro dichiarazioni anti-autorità. Questo metodo consentirà ad altri individui anti-autorità di continuare ad esporre se stessi alle autorità senza che queste debbano svolgere molte indagini personali.
 
5) ARRESTARE E PUNIRE L’INDIVIDUO CHIAMANDOLO TRADITORE, MINACCIA ALLA SICUREZZA E TERRORISTA
 
Quando l’autorità statale teme che un messaggio troppo potente, o altamente veritiero, ispiri altri non solo a parlare, ma ad agire contro l’autorità, l’ultimo fattore di paura che può essere usato per creare un esempio pubblico è punire qualcuno basandosi sul fatto che il suo atto anti-autorità è un crimine.
 
6) PUNIRE O PERSEGUITARE LA FAMIGLIA O GLI AMICI DELLA PERSONA IN QUESTIONE
 
Per coloro che non temono alcuna punizione materiale, lo stato può esercitare potere sugli amici o sulla famiglia dell’individuo. Ciò può essere utile nei casi in cui la persona in questione non tema per la sua vita, ma voglia al tempo stesso proteggere i suoi cari.
 
JULIAN ASSANGE
 
Alcuni lettori potrebbero ritenere che ciò che è stato scritto sia un’interpretazione estrema di come gli Stati esercitino il monopolio della violenza. Ma, se si è in grado di godere della libertà di parlare contro lo stato senza subire conseguenze negative dirette, la verità è che, nella maggior parte di questi casi, il proprio discorso non ha un impatto abbastanza grande da giustificare l’azione dello stato secondo la sua consueta analisi costi-benefici.
 
Se la persona che sta leggendo ha usato la sua libertà per parlare contro l’autorità in pubblico e non è stata punita, ci sono tre possibilità:
 
1) il messaggio non è abbastanza importante, lo stato non lo considera una minacciato
2) lo stato è troppo incompetente per considerare la persona in questione una minaccia al suo monopolio della violenza
 
3) la persona è stata indotta in un falso stato di sicurezza, ma a un certo punto verrà punita
 
Nel caso di Julian Assange, il suo impatto è stato sostanziale, le sue pubblicazioni hanno danneggiato l’autorità dello stato, e la sua influenza è cresciuta ogni giorno di più. Per tale motivo, lo stato ha all’inizio cercato di arrestarlo con prove false, e poi perseguitato coloro che gli erano vicini. Oggi lo stato lo ha incarcerato illegalmente e, alcune ore dopo, è emerso che il suo arresto è collegato alle accuse di “spionaggio” mosse da un altro stato (gli USA).
 
CONCLUSIONI
 
Se le masse fossero in grado di esercitare la loro libertà per sfidare lo stato, a un certo punto lo stato collasserebbe. Ciò è conosciuto come rivoluzione o colpo di stato. Dunque, perché uno stato con una popolazione insoddisfatta possa sopravvivere, dovrà usare il suo monopolio della violenza verso coloro che usano la propria libertà per sfidare l’autorità.
 
Da questo punto di vista, tutti coloro che sfidano l’autorità possono essere arrestati e torturati come Julian Assange. L’unica cosa che impedisce a uno stato di fare questo alle persone che non sono Julian Assange è una semplice analisi costi-benefici.

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Marina, nuovo Capo di Stato Maggiore: vince meritocrazia
Alla fine tutti d’accordo. Il Ministro propone, il Governo fa [...]
Russia, da Ekaterinburg una sfida al rinnovamento della produzione mondiale
Da poco si sono spenti i riflettori sul Forum Economico [...]
“Libra”, la moneta di Facebook: i privati scavalcano gli Stati
Libra: la moneta di Facebook All'interno del sistema capitalista, il [...]
Stati Uniti, rifugiato siriano piazza bomba in Chiesa cristiana
Come riportato da Breitbart, il rifugiato siriano Mustafa Mousab Alowemer, [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter