Perché il liberalismo è destinato a fallire: parla John J. Mearsheimer

Perché il liberalismo è destinato a fallire: parla John J. Mearsheimer

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

John J. Mearsheimer è uno studioso americano internazionale, celebre per la sua teoria sul realismo offensivo. Attualmente sta promuovendo il suo nuovo libro “The Great Delusion: Liberal Dreams and International Realities”.

Di cosa parla il suo nuovo libro?

Fondamentalmente, questo è un libro sulla politica estera americana da quando è finita la Guerra Fredda. Quello che sto cercando di far capire è perché gli Stati Uniti hanno fatto così male sul fronte della politica estera dalla fine della Guerra Fredda e in particolare dall’11 settembre. È stato un disastro dopo l’altro. Uno dei problemi principali, e non l’unico, è Donald Trump alla Casa Bianca-c’è questa enorme insoddisfazione, non solo sulla politica interna, ma anche sulla politica estera. L’argomento di base è che gli Stati Uniti hanno adottato una politica di egemonia liberale dopo la Guerra Fredda, che è tutta una questione di rifare il mondo su immagine dell’America.

L’obiettivo principale è diffondere la democrazia in tutto il pianeta. Ma ci sono altri due obiettivi: uno è quello di incorporare tutti gli stati del sistema, in particolare le maggiori potenze nell’economia internazionale aperta, inglobarli e al capitalismo con incentivi economici. L’altro è quello di incorporare i paesi di tutto il mondo nelle istituzioni create dopo la seconda guerra mondiale come il Fondo monetario internazionale, la Banca mondiale e l’Organizzazione mondiale del commercio.

La mia argomentazione è che questa è una politica estera straordinariamente sciocca ed era destinata a fallire.

Quali sono gli argomenti principali e in che cosa differiscono dalle altre teorie?

Se torniamo alla domanda  sul perché abbiamo fallito, la mia argomentazione di base è una storia sui 3 ismi: liberalismo, nazionalismo e realismo. E ovviamente l’egemonia liberale come politica estera è molto ambiziosa. E nella mia teoria, in poche parole, [il liberalismo] finisce spontaneamente per scontrarsi con il nazionalismo e il realismo, che sono forze molto più potenti del liberalismo, e che lo sconfiggono.

Tragicamente è tutta una questione di realismo. È una teoria sul realismo. Parlo un pò’ del liberalismo e del nazionalismo. Ma questo è un libro più grande, e prende la mia teoria realista e la inserisce in un argomento più ampio sul realismo, il nazionalismo e il realismo.

Quale sarebbe un aspetto più realistico? La posizione americana assomiglia a questo ordine liberale ed è destinata a implodere su se stessa?

Sì, penso che la politica estera americana e l’ordine liberale che abbiamo creato, abbiano creato i semi della sua stessa distruzione e che in parte abbiano portato a Donald Trump.
Ma c’è una seconda dimensione in questo, e cioè con l’ascesa della Cina e la resurrezione della Russia, siamo passati da un mondo unipolare in cui gli Stati Uniti hanno dominato davvero il palcoscenico ed era in procinto di rimodellare il mondo con uno in cui il gli Stati Uniti devono competere contro la Cina. Quell’ordine che abbiamo creato non è più un replicabile nel mondo multipolare in cui stiamo entrando. Questo per due ragioni: la prima perché siamo in un mondo che contiene i semi della sua stessa distruzione e la seconda a causa dell’ascesa della Cina e della risurrezione del potere russo. La struttura dell’ordine internazionale è cambiata.

Lei sostiene che il liberalismo conservi i semi della sua stessa distruzione e abbia portato a Donald Trump. Può spiegarsi meglio?

L’egemonia liberale richiede di trasformare tutti i paesi in democrazie liberali. Un Paese potente come gli Stati Uniti, è tentato di usare le sue forze armate per facilitare questo. La dottrina di Bush, che era stata progettata per diffondere la democrazia liberale in tutto il Medio Oriente, è finita col noi a combattere guerre. E per noi, non intendo solo gli Stati Uniti, ma anche la Gran Bretagna, che da allora sono stati i nostri aiutanti. Così, gli Stati Uniti e i suoi amici hanno iniziato guerre progettate per promuovere la democrazia. E hanno fallito. E’ stato un totale fallimento. La quantità di morti e destabilizzazione che abbiamo creato in Medio Oriente, è stupefacente.

Sul fronte economico, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno spinto molto per creare un sistema iper globalizzato a partire dalla fine degli anni ’80 e accelerare negli anni ’90 e l’idea era quella di trasferire capitali con poche restrizioni per sottolineare l’importanza delle istituzioni internazionali e dar loro molta autorità. E il risultato è che abbiamo avuto un’enorme quantità di generazione di ricchezza che è andata al 5% delle persone mentre le classi medie e lavorative sono state tralasciate – e questo ha portato a Donald Trump.

Un altro problema significativo con l’ordine internazionale liberale è quello che riguarda i confini non ben definiti. L’Europa ha adottato una politica molto tollerante nei confronti dei rifugiati. Questo è molto ammirevole, ma il problema è che viviamo in un mondo di stati nazione che hanno culture diverse. E le persone in questi stati nazionali si arrabbiano molto quando arriva un gran numero di rifugiati. Lo abbiamo visto in Germania. O quando hai libero flusso di persone all’interno di un’istituzione come l’Unione Europea. Abbiamo creato questa insoddisfazione in Gran Bretagna e negli Stati Uniti con l’ordine internazionale liberale e una politica estera liberale. Ma sono i due stati liberali paradigmatici. E il risultato è che hanno fatto un grave danno a se stessi. È davvero notevole!

I leader di queste democrazie liberali non avevano una grande considerazione del potere del nazionalismo e del realismo. Quando invadi un paese come l’Iraq, sei in cerca di grossi guai, poiché credono nella sovranità e nell’autodeterminazione. E gli americani si lamentano amaramente dei russi che interferiscono nelle loro elezioni: “Questa è una violazione della sovranità!” Ma naturalmente, gli Stati Uniti vanno in tutto il mondo e interferiscono in ogni Paese del pianeta.

Come mia madre mi ha insegnato quando ero un bambino, ciò che è buono per l’oca, lo è anche per il papero.

Come percepisci il realismo nel Regno Unito? Soprattutto per quanto riguarda Brexit.

Quello che è successo con Brexit non ha nulla a che fare con il realismo. Questo è il potere del nazionalismo in gioco. Le due ragioni per cui la gente ha votato per la Brexit era che la sovranità si era arresa a Bruxelles soprattutto sul fronte economico e anche con l’immigrazione. Credo che la Gran Bretagna e gli Stati membri dell’UE non abbiano ceduto la sovranità, hanno rinunciato all’autorità di Bruxelles per prendere decisioni. Quindi, il fatto che la Gran Bretagna lasci l’UE è un esempio di sovranità realista ancora vivo. Questo ti dice che il nazionalismo è ancora vivo e vegeto. Questo mi dice che l’UE è una delle istituzioni di maggior successo al mondo. Ma l’UE è ancora una raccolta di stati nazionali.

Qual è il ruolo delle istituzioni internazionali in futuro?

Negli Stati Uniti abbiamo un presidente che odia le istituzioni internazionali. Le odia tutte. Ma non c’è possibilità che i paesi possano operare in questo mondo altamente interdipendente come quello in cui viviamo senza le istituzioni. E ora abbiamo e continueremo ad avere istituzioni formidabili. Il problema chiave per il futuro è che aspetto hanno queste istituzioni e che detengono il potere. Nel mondo unipolare quando gli Stati Uniti erano Godzilla, hanno avuto un’enorme influenza in quelle istituzioni, ma andando avanti, la situazione sembra cambiare con l’ascesa della Cina e la risurrezione della Russia. Gli Stati Uniti avranno meno influenza e i cinesi ne avranno di più. Ci saranno cambiamenti nei tipi di istituzioni e nella distribuzione del potere. Ma saranno un insieme di potenti istituzioni che dovranno servire la politica internazionale e l’economia internazionale.

Nella teoria della scuola americana di IR, la tua opinione è in una posizione di minoranza, credi che stia guadagnando un po’ di credibilità tra studenti e professori?

Sia negli Stati Uniti che in Gran Bretagna, l’ostilità al realismo è grande. A volte mi riferisco alla Gran Bretagna come a una zona libera realista. L’argomento che voglio portare avanti è che, durante il momento unipolare, che è durato dal 1990 al 2016, non potevi avere una grande politica di potere perché c’era solo un grande potere. E l’essenza del realismo è la grande politica di potere e il sistema. Quindi, il realismo non ha avuto molte possibilità. È stato facile per i suoi avversari sconfiggerlo. All’interno dell’establishment della politica estera negli Stati Uniti è che ci siamo lasciati unipolari e ci stiamo muovendo verso un mondo multipolare. Quasi tutti nel mondo della sicurezza credono che ora stiamo entrando in una grande competizione di potere, e ora il realismo è di nuovo rilevante in modo serio. Deve essere un grande ritorno!

Se potessi cenare con un intellettuale, vivo o morto, chi sarebbe?

Thomas Hobbes – è il padre del realismo. Come diceva Marx, “Hobbes è il padre di tutti noi.” Anche se lo stesso Marx sarebbe molto interessante, e mi piacerebbe avere la sua visione degli eventi oggi.

Se potessi essere famoso al di fuori del mondo accademico, per cosa saresti famoso?

Ho zero talento musicale! Le tre cose in cui sono un disastro sono la danza, le lingue straniere e il canto. Forse commedia? Con il mio accento newyorkese, avrei potuto riciclarmi come il Robin Williams del realismo.

Se potessi riportare in vita un presidente degli Stati Uniti, chi sarebbe?

Abraham Lincoln. Gli Stati Uniti furono fortunati ad avere Lincoln come presidente durante la Guerra Civile: fu il presidente più abile che gli Stati Uniti abbiano mai avuto. Tuttavia, riportare in vita qualsiasi presidente dai morti probabilmente gioverebbe all’attuale amministrazione. Le persone spesso interpretano male il realismo e presumono che sostenga che l’individuo non ha alcun ruolo nella politica internazionale. La struttura del sistema internazionale è il più importante dei comportamenti, ma i leader contano.

(da Beaver Online – Traduzione di Roberto Vivaldelli)

 

 

 

 

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Articoli correlati

Potrebbero piacerti

Galateo, ovvero l’educazione perduta: riscopriamolo
Galateo, una parola che sentiamo spesso. "Non riempire troppo il [...]
Nodi marinari: esempi e storia di una tradizione millenaria
Saper fare un nodo è una cosa che può risultare [...]
I figli sardine anti Salvini, i papà anti Berlusconi: quei flash mob revival
C'è il paese dei gilet gialli e quello delle sardine (che [...]
L’esercito Siriano avanza nei territori di Idlib occupati dai Jihadisti
Le forze governative del presidente Assad avanzano lentamente nella parte [...]
Ultime

NOTIZIE

Seguici su

Facebook

Ultime da

Twitter

Scroll Up